Ricostruzione Ponte Morandi Genova: le 5 imprese scelte per la demolizione e il decreto di affidamento

Matteo Peppucci - Collaboratore INGENIO 17/12/2018 4734

Ricostruzione Ponte Morandi Genova: il commissario Bucci affida l'incarico a Fagioli, Omini, Vernazza, Ipe, Ireos per 19 milioni: cantiere già attivo. I dettagli

Ricostruzione Ponte Morandi: chi demolisce e chi ricostruisce

Da 10, sono diventate cinque: le imprese che eseguiranno la demolizione del Ponte Morandi sul Colcevera a Genova sono state definite lo scorso venerdì 14 dicembre dal commissario e sindaco Bucci, che contestualmente ha rinviato il decreto per l'affidamemto dell'appalto principale, progetto e nuove ponte, pur dichiarando che "la decisione l'abbiamo già presa, abbiamo bisogno solo di un paio di giorni per alcune verifiche di tipo legale".

Come anticipato dal quotidiano Edilizia&Territorio, negli ultimi giorni la negoziazione era stata con due sole cordate, quella data da subito per favorita, Salini Impregilo con Fincantieri e Italferr, e quella di Cimolai con progetto di Santiago Calatrava.

Avvio demolizione e decreto

Nel decreto, disponibile in allegato, viene definito l'affidamento a Fagioli S.p.A, Fratelli Omini S.p.A, Vernazza Autogru S.R.L., Ipe Progetti S.R.L. e Ireos S.p.A. (di Genova sono Vernazza e Ireos) dell'appalto "per la demolizione, la rimozione, lo smaltimento e il conferimento in discarica o altro sito dei materiali di risulta", per un importo di 19 milioni di euro. Si specifica che il "Corrispettivo a corpo, tutto compreso e nulla escluso, fisso e immutabile, al netto di Iva".

Il contratto sarà definito nei dettagli e firmato a inizio settimana, ma già da sabato 15 dicembre 2018 le imprese si sono messe al lavoro per l'installazione del cantiere, su esplicita richiesta di Bucci (che con il decreto ha firmato anche la licenza edilizia).

Le dieci imprese offerenti

  • CARENA S.p.A. Via alla Porta degli Archi 10/16 Genova P.IVA 00271490104, comprendente ECO ERIDANIA S.p.A. Via Pian Masino 103 Arenzano (GE) P.IVA 03033240106;
  • MAMMOET ITALY S.R.L. Via D. Balestreri 6 Milano P.IVA 03230290961;
  • SHL S.R.L. Via B. Franklin 31 Parma P.IVA 02841840347;
  • NITREX S.R.L. Via Mantova 61 Lonato (BS) P.IVA 02521910980;
  • FAGIOLI S.p.A. Via G. B. Ferraris 13 S. Ilario D'Enza (RE) P.IVA 00674300355, comprendente FRATELLI OMINI S.p.A. - Via Gramsci 35 Novate Milanese (MI) P.IVA 07656620155;
  • IPE PROGETTI S.R.L. Corso Principe Oddone 70 (TO) P.IVA 09597580019;
  • IREOS S.p.A Via Stefano Turr 165 Genova P.IVA 0111151010
  • VERNAZZA AUTOGRU S.R.L. Via R. Bianchi 90 Genova P.IVA 03521380109.

Il toto costruzioni per il Ponte Morandi

Come già anticipato sopra, in lizza sono rimasti il raggruppamento Salini Impregilo con Fincantieri e Italferr, che pare in vantaggio, e il gruppo Cimolai. Il primo ha un progetto sull'idea donata da Renzo Piano, il secondo ha quattro progetti di cui tre firmati da Santiago Calatrava.

VAI ALL'APPROFONDIMENTO SUL CROLLO DEL PONTE MORANDI DI GENOVA

IL DECRETO N.18 DEL COMMISSARIO BUCCI E' DISPONIBILE IN FORMATO PDF