Con digitalizzazione e innovazione cantieri sempre più smart nella gestione della sicurezza

Digitalizzazione e Innovazione in Cantiere: Applicazione nei cantieri temporanei e mobili

L’articolo pone l’accento sulle modalità di gestione della sicurezza in cantiere nell’ottica della digitalizzazione esponendo il processo che GAe engineering ha sviluppato nei suoi 10 anni di attività nel settore della sicurezza in cantiere a partire dal processo sulla sicurezza partecipata sviluppato nella realizzazone del complesso di Porta Nuova Garibaldi fino alle nuove esperienze in GIOIA 22 e Torre Unipol a Milano. 


Un percorso verso una Sicurezza Partecipata

Il Team di GAe Engineering s.r.l. settore “Sicurezza nei cantieri Temporanei e mobili” sta implementando, oramai da circa 10 anni diversi sistemi tecnologici ed informatici finalizzati a migliorare le condizioni di sicurezza attraverso la standardizzazione dei processi di controllo, delle verifiche, degli audit e attraverso la compartecipazione di tutti i soggetti coinvolti sia le modalità di sviluppo dell’attività professionale nell’ottica della digitalizzazione dei processi correlati che sempre più diventano complessi al variare della tipologia dell’opera.

Nel processo di innovazione intrapreso da Gae Engineering a partire dal 2008, quale gestione della sicurezza in cantiere si riporta anche la “Sicurezza Partecipata” che è una metodologia elaborata e sperimentata con successo nei cantieri di Porta Nuova Garibaldi a Milano, Museo Egizio a Torino e Torre Regione Piemonte a Torino e cantiere MG22 a Milano. Tale strumento innovativo serve a programmare azioni ed iniziative volte a rendere i lavoratori protagonisti della propria sicurezza, in un clima di condivisione utile alla gestione attiva delle procedure da parte dei diversi soggetti interessati.

Lo scopo è quello di adattare strumenti teorici, come quello del PSC e del POS, ai problemi pratici della messa in opera:

  • ampliando il quadro delle conoscenze e raccogliendo idee, progettualità e punti di vista riguardo al tema del rispetto delle norme di sicurezza;
  • facendo emergere le principali criticità, analizzate secondo i punti di vista e le posizioni, specifiche per ogni lavorazione, dei diversi soggetti operanti;
  • definendo modalità di interazione progettate su misura per l’organizzazione concreta del cantiere;

con il risultato anche di concretizzare ipotesi migliorative ed innovative che maturano attraverso il confronto creativo e tecnico tra gli stessi operatori del cantiere.

La Piattaforma Informatica per la gestione della sicurezza del cantiere

Gae Engineering ha contemporaneamente avviato, a partire dall’esperienza dell’attività di coordinamento della sicurezza svolta in Torre Regione Piemonte, un processo di informatizzazione della metodologia applicata dal TEAM CSE attraverso lo sviluppo di una Piattaforma Informatica per la gestione del cantiere.

Tale necessità nasce per offrire alla committenza la piena trasparenza, tracciabilità delle azioni svolte in tempo reale attraverso la gestione e creazione di documenti utili allo svolgimento dell’attività di sicurezza e fruibile anche dalla Committenza (RUP/DL) e dall’impresa Affidataria.

Sistema e metodo questo applicato dal Team, dapprima solo per cantieri complessi, è ora esteso a tutti i cantieri in cui il Team di GAe svolge il ruolo di CSE ma anche di Responsabile dei Lavori. Approccio questo che nasce altresì dall’aver sviluppato il Sistema Informatico per le necessità proprie di GAe; si tratta quindi di uno strumento calzato sulle necessità e modalità di approccio alla sicurezza proprie di GAe. 

Esempio videata con registrazioni delle azioni di controllo documentale

Figura 1 – Esempio videata con registrazioni delle azioni di controllo documentale

L'utilizzo di una piattaforma informatica dedicata è finalizzato a garantire una costante e tempestiva trasmissione delle informazioni fra i vari attori del servizio e fra questo e tutti gli enti/operatori coinvolti nella realizzazione dell’intervento. Esso nasce dall’esigenza di offrire la massima efficacia per il supporto alle attività di Coordinamento della Sicurezza ed è progettato per rispondere alle esigenze di governo dei processi previsti dalla normativa vigente. 

Di seguito una schematizzazione che riporta le principali azioni ed obiettivi prefissati ed attuati attraverso i sistemi informativi utilizzati:

Schema ciclo che garantisce la qualità del servizio e delle azioni svolte

Figura 2 – Schema ciclo che garantisce la qualità del servizio e delle azioni svolte

Il Team adatta le funzionalità della piattaforma in maniera specifica ai processi del singolo cantiere, che consenta accessi a utenti differenziati per tipologia di utilizzo e livello di accesso e sia basata su di un database relazionale con interfacce di inserimento ed estrazione di dati specifici per gli usi normativi e per i servizi aggiuntivi necessari ad una gestione flessibile di un cantiere complesso. La soluzione prevede l’accesso, tramite la rete Internet, di tre tipologie di utenti:

  • Utente pubblico del sito web che accede all’area del portale dove troverà tutti i contenuti a carattere informativo sulla realizzazione dell’opera.
  • Utente esterno (cantieri limitrofi, enti) che accedono tramite web con la possibilità di caricare e visualizzare alcune elaborazioni
  • Utente interno del sistema informativo che accede all’area riservata del portale e che pertanto ha accesso a tutte le informazioni e le funzioni connesse all’attività per la quale egli ha uno specifico ruolo.

La piattaforma, attraverso una struttura a servizi differenziati per compiti specifici, gestisce in tempo reale una serie di processi quali a titolo esemplificativo:

- Attività documentali di supporto alla Committenza - quali la Verifica di Idoneità Tecnico Professionale delle imprese sia esse esecutrici che affidatarie, la gestione della Notifica Preliminare ed i suoi aggiornamenti. 

- Monitoraggio Direzionale o Enti - (HSE; ASL, Ispettorato del Lavoro, ecc.) la piattaforma permette di procedere ad una attività di monitoraggio interno, piuttosto che a una attività di verifica e/o supervisione da ente esterno, grazie all’elaborazione di report e di grafici che consentono una rilettura dei processi della sicurezza rispetto a una singola azienda, a una singola area, o ad un singolo periodo temporale, piuttosto che individuare l’incidenza della tipologia di rilievi effettuati e/o delle prescrizioni emesse. 

- Controllo accessi - La piattaforma, attraverso il collegamento con la centrale di guardiania e l’utilizzo di tornelli pedonali invalicabili e telepass per i mezzi, consente l’ingresso al cantiere solo alle maestranze ed ai mezzi correttamente inseriti nell’anagrafica ed opportunamente autorizzati. 

gioia-22-sicurezza-azioni-di-controllo-documentate-2.JPG

Figura 3 – Esempio videata con registrazioni delle azioni di controllo documentale e giornale della sicurezza

gioia-22-sicurezza-esempio-redazione-verbale.JPG

Figura 4 - Esempio elaborazione verbale di sopralluogo

Il Cantiere Smart

Il Team oltre la piattaforma informatica, proseguendo nel processo di coinvolgimento attuato con la Sicurezza Partecipata, ha ideato anche la formula del “Cantiere Smart” nell’ottica di incrementare il livello di sicurezza in ambito lavorativo e, nello specifico del cantiere, consapevoli che la tecnologia può svolgere un ruolo essenziale nella raccolta e diffusione della conoscenza delle risorse operative e del coinvolgimento delle stesse.

A tal fine, la digitalizzazione delle informazioni, le piattaforme web e il cloud storage, possono lavorare in sinergia con la realtà aumentata (AR), strumento innovativo dalle enormi potenzialità che consente di stabilire un dialogo interattivo, intuitivo e in tempo reale fra l’operatore, direttamente in cantiere, e le banche dati in cui sono immagazzinate e aggiornate le informazioni relative alla sicurezza. 

L’operatore in cantiere, mediante l’utilizzo di un tablet o uno smartphone dotato degli applicativi di realtà aumentata (AR) e connesso alla rete, è in grado di interagire con specifici marker fisici collocati in campo (simboli applicati su cartelli temporanei) che lo collegano velocemente alla banca dati e direttamente alle informazioni necessarie.

Le banche dati, consultabili ed interrogabili direttamente dal dispositivo mobile, racchiudono in un archivio strutturato le diverse informazioni necessarie, che sono rese disponibili in forma pratica, immediata e sintetica, mediante schedature, schemi grafici, planimetrie, file audio/video ecc.

esempio-applicativo-tecnologia-smart-cantiere.JPG

Figura 5 - Esempio di applicazione

Poiché le informazioni sono collocate sul web e popolate e mantenute aggiornate dagli esperti del Safety Team e dal Coordinatore per la Sicurezza all’interno di una struttura informatica basata sul cloud computing & storage, l’intero sistema è caratterizzato da estrema affidabilità e velocità di accesso, consentendo in ogni momento di rendere disponibili agli operatori le versioni più aggiornate di:

  • schede sintetiche relative ai rischi delle lavorazioni;
  • schede di sicurezza delle sostanze pericolose;
  • procedure operative, con eventuali video dimostrativi;
  • informazioni relative ai dispositivi di protezione da utilizzare; 
  • elaborati pdf/cad/modelli BIM relativi al cantiere (navigabili/interrogabili direttamente da device);
  • schede tecniche delle apparecchiature;
  • ecc.

...continua la lettura nel pdf