Gestire i Cantieri 4.0 con WhatsApp e Facebook

ndr. L'articolo che segue fornisce un approccio metodologico basato sull'uso delle App “Social” come WhatsApp e Facebook nella gestione del cantiere. Vogliamo precisare che per garantire una corretta Direzione Lavori e la Sicurezza nei Cantieri è necessario affidarsi ai software specializzati offerti dal mercato e che le app social a disposizione possono essere solo strumenti di supporto, e non la soluzione, per operare con approcci digitali evoluti.


Perché scegliere le App "Social" per la Direzione Lavori e la Sicurezza Cantieri

cantiere-smartphone.jpg

Perché uno studio professionale decida di adottare un nuovo “metodo di lavoro” (come in effetti è sostituire i metodi tradizionali con i social network) deve avere sin da subito chiaro quali siano gli EFFETTIVI VANTAGGI che concretamente porta con sé il nuovo approccio.

In pratica, in che modo realmente si risparmia tempo e denaro o anche come sia possibile gestire più lavori a parità di risorse impiegate (aumento della produttività).

Non di meno quali MAGGIORI PROTEZIONI offra la possibilità di avere un “Giornale dei Lavori di Cantiere” che può arrivare (senza sforzo) a dettagliare le fasi lavorative minuto per minuto e, di conseguenza, poter provare – in caso di controversie tecnico/legali – come effettivamente si siano svolte le lavorazioni, grazie alle foto ma, soprattutto, ai video e alle dirette in streaming.

Prima di addentrarci negli aspetti operativi delle App “Social” (WhatsApp, Messenger, Facebook Group e Facebook Workplace), quindi, è imprescindibile comprendere quali sono le motivazioni per cui CONVIENE GESTIRE I CANTIERI CON I SOCIAL (progettazione + direzione lavori + coordinamento sicurezza) piuttosto che affidarsi ai tradizionali software in commercio.

In estrema sintesi, i vantaggi reali ampiamente comprovati delle App “Social” per la gestione dei cantieri, sono sostanzialmente tre:

  1. ZERO COSTI E FORMAZIONE | Sono App che si scaricano gratuitamente sul telefonino e non richiedono alcuna fase di apprendimento poiché già nell’uso quotidiano di milioni di persone (al contrario dei software professionali, costosi e non conosciuti da tutti i tecnici in modo omogeneo come i social o le chat);
  2. INCREMENTO PRODUTTIVITA’ | Abbattono drasticamente i tempi di gestione dei processi lavorativi del cantiere (anche senza esservi presente tutti i giorni) e semplificano il processo decisionale. Permettono poi di collaborare in tempo reale con la moltitudine di soggetti che ogni giorno entra/esce dai cantieri (imprese, subappaltatori, lavoratori autonomi, fornitori, controllori, ecc.) senza nessuna difficoltà nel creare un collegamento stabile e perfettamente tracciato nel tempo (anche il lavoratore autonomo meno preparato culturalmente, ha comunque con sé un telefonino con cui chatta, messaggia, fotografa, riprende video …);
  3. MAGGIORE PROTEZIONE LEGALE | In caso di controversie tecnico/legali sono molto più precisi ed efficaci nella ricostruzione del “Giornale dei Lavori di Cantiere” degli strumenti tradizionali, poiché con foto e video di quanto accaduto (anche ripresi da altri soggetti in quel momento presenti in cantiere) proteggono il professionista dai classici “vuoti” documentali in caso di conflitti/riserve con gli esecutori, i fornitori o la committenza.

Vediamoli nel dettaglio i vantaggi prima elencati.

App a costo zero e senza formazione

Zero costi e senza formazione perché sono App gratuite che permettono di gestire professionalmente il cantiere con il solo telefonino in modo del tutto similare a come gestiamo quotidianamente la vita privata: mandando messaggi, scattando foto, registrando filmati.

Il primo e fondamentale punto è che WhatsApp, Messenger, Facebook Gruppi e @Workplace, oltre a essere App totalmente gratuite, sono stati progettati e sviluppati per operare in primis sul telefonino.

È pur vero che esiste anche la versione Desktop (per il computer) dei “Social” ma, di fatto, questi ultimi dispiegano i loro reali vantaggi quando vengono utilizzati sul telefonino (sia smartphone che tablet), sempre a portata di mano di ogni professionista, in qualsiasi momento della giornata, solo con lo scopo di RISOLVERE UN PROBLEMA o SODDISFARE UN’ESIGENZA.

E il presupposto prima descritto, IL TELEFONINO PER GESTIRE IL CANTIERE, per chi opera prevalentemente nel settore delle costruzioni o dell’edilizia, è un vantaggio incalcolabile: nessuna complicazione, nessuna tracolla per il computer portatile, nessun oggetto ingombrante o fragile, nessun file o foto o video o indirizzo che non si possa condividere/ricevere con altri colleghi/fornitori in tempo reale.

Il telefonino è sempre presente in qualsiasi ora del giorno o luogo di lavoro il Professionista si trovi. Permette non solo di fotografare o video-registrare quanto accade in cantiere, ma anche comunicare in tempo reale (e in modo tracciato) con i propri colleghi, oltre che accedere agli spazi documentali condivisi in rete (cloud).

Oggi anche con sempre minori problemi per la durata della batteria. Sia per la possibilità di effettuare la ricarica wireless (o in macchina durante gli spostamenti), ma soprattutto per le nuove ricariche portatili esistenti sul mercato, in grado di permettere l’uso del telefonino ben oltre le 24 ore quotidiane che in alcuni casi estremi potrebbero essere necessarie (si pensi ai cantieri delle infrastrutture, con turni di lavoro a ciclo continuo 7/24).

Il tutto inquadrato nell’evoluzione degli Smartwatch (gli orologi digitali), in grado di essere autonomi dallo stesso telefonino (le versioni con Sim autonoma o in collegamento Wi-Fi) e che, guarda caso, sono principalmente destinati alla LETTURA RAPIDA DEI MESSAGGI CHAT o dei POST PROVENIENTI DA SOCIAL NETWORK (WhatsApp e Facebook per primi).

Non importa quindi che lo smartphone sia Apple o Android o Windows. Una volta installate le App di WhatsApp, Messenger, Facebook o @Workplace (tutte gratuite) sul proprio telefonino, automaticamente tutto il lavoro svolto, i documenti caricati, le planimetrie depositate, i post pubblicati e le foto-video dei lavori sono lì, letteralmente a portata di mano, organizzati già per ogni singolo “GRUPPO CANTIERE”.

Questa scelta è chiaramente lungimirante, oltre che enormemente pratica e funzionale per i professionisti del cantiere, sicuramente per il prossimo decennio di lavoro sempre più “Smart” e “Connessi”.

Ormai tutta la metamorfosi digitale della nostra esistenza, infatti, si basa prevalentemente sul telefonino e sul suo uso in ogni nostro gesto quotidiano, quasi fosse una nostra “estensione”.

È entrato a far parte della nostra esistenza in modo così radicato e profondo da creare un vero e proprio “disorientamento” nel momento in cui viene smarrito o rotto: quasi un “sentirsi nudo” e “isolato dal mondo” se il telefonino non è nelle nostre mani.

Paradossalmente, anche un muratore immigrato presente sul cantiere, pur conoscendo a malapena l’italiano e non praticando sicuramente né l’elettronica né i computer, comunque possiede e gestisce la sua vita attraverso un telefonino: chiama, scambia messaggi, condivide foto/video con una tale nonchalance da restare impressionati, quasi fosse uno dei “guru” dei social media della nostra epoca digitale.

... la lettura dell'articolo continua nel pdf in allegato

L’articolo è estratto dal libro GESTIRE LA DIREZIONE LAVORI CON WHATSAPP E FACEBOOK, autore Arch. Daniele Verdesca.


Il Magazine

Sfoglia l'ultimo numero della rivista Ingenio

Newsletter Ingeio

Seguici su