Costruire Sostenibile: quali sfide per l’edilizia del futuro? Intervista a Norbert Lantschner

Dalila Cuoghi - Redazione INGENIO 07/02/2019 872

Clima ed Energia: la sfida futura dell'Edilizia

Nel campo dell’edilizia il binomio clima ed energia rappresenta la sfida progettuale del nostro secolo.
Quello che è stato costruito nel passato è un prodotto altamente energivoro che ha creato un impatto ambientale assolutamente inconcepibile con il concetto sostenibilità.

nombert-lantschner.jpg

Sarà il tema dell’abitare ad essere maggiormente coinvolto nella sfida che caratterizzerà l’edilizia del futuro. Questo è quanto emerge dall’intervista realizzata da INGENIO in occasione del Klimahouse a Norbert Lantschner, Presidente e Ideatore della Fondazione ClimAbita e riconosciuto esperto nel campo delle tematiche ambientali.

>>> VAI alla video intervista a Norbert Lantschner realizzata da INGENIO

«È necessaria consapevolezza nel cercare le risposte alle sfide di questo secolo legate al tema clima ed energia – afferma Norbert Lantschner -  le case creano una fortissima impronta ambientale sia nelle scelte dei materiali e sia nella scelta delle soluzioni impiantistiche impiegate per riscaldare e raffrescare. È da lì che dobbiamo partire per poter individuare l’idonea risposta prima di procedere alla scelta progettuale e costruttiva. – Questo sforzo preliminare richiede - una nuova conoscenza sulle scelte prioritarie che devono tenere conto del fatto che ogni abitazione ha una sua pre-storia e una sua post-storia, che ha inizio con il prelievo della materia prima e che dopo un periodo di funzionamento, termina con il diventare un rifiuto».

Costruire Sostenibile: Benessere, Costi e Impatto Ambientale al centro delle scelte progettuali

Nell’intervista Norbert Lantschner affronta le tre tematiche che subentrano quando parliamo dell’abitare e del costruire sostenibile:

  • Benessere e salubrità
  • Costi di realizzazione e gestione
  •  Impatto delle scelte progettuali sull’ambiente e sul clima

Ognuno di questi tre elementi gioca un ruolo di primaria importanza nelle scelte progettuali.

«Negli ultimi anni è aumentata la sensibilità verso i temi ambientali e al tema della salvaguardia del clima. Però ovviamente al centro rimangono sempre i costi, cioè quanto incide economicamente una scelta progettuale, quanto costa un sistema per riscaldare o raffrescare, quanti sono i costi di manutenzione o gestione. Però, possiamo anche dire che, negli anni è continuamente cresciuta l’attenzione verso il benessere, il vivere bene, la salubrità» che dipendono dalla scelta dei materiali, dalle tecnologie di supporto nella gestione del microclima indoor offerti da impianti domotici evoluti e altro.

Perché è importante diffondere la cultura di un costruire sostenibile?

«Dobbiamo fare un grande sforzo nell’informare e nel sensibilizzare perché le scelte in ambito edilizio sono di grande durata. Se oggi un progettista, o il committente, sceglie una soluzione questa permane per qualche decennio. Ciò significa che se oggi si compiono degli errori questi si trascineranno nel tempo». Lantschner prosegue evidenziando che «spesso non si pensa alla storia dei materiali e dimentichiamo che prima di passare la prima notte in quella abitazione essa stessa ha già creato una forte impronta, un forte impatto ambientale»

Lantschner conclude l'intervista con una citazione attribuita al padre della moderna ecologia, il filosofo Hans Jonas, “Agisci in modo che le conseguenze della tua azione siano compatibili con la permanenza di un'autentica vita umana sulla terra”.

>>> VAI alla video intervista a Norbert Lantschner realizzata da INGENIO