Componenti per la sicurezza degli impianti di riscaldamento e produzione di ACS: in revisione alcune norme

Il CTI revisiona la UNI 10412-1:2006 e UNI 10412-2:2009 per adeguamento all’evoluzione tecnica del settore

La CT 253 del Comitato Termotecnico Italiano Energia e Ambiente si sta occupando di revisionare la norma UNI 10412-1:2006 e UNI 10412-2:2009

Scopo e campo di applicazione

impiantistica.jpgLa presente norma si applica agli impianti di riscaldamento e produzione di acqua calda sanitaria di qualsiasi potenzialità che utilizzano come fluido termovettore acqua calda ad una temperatura inferiore ai 110°C.

Scopo di tale norma è la progettazione e l’installazione degli organi di sicurezza, si occupa quindi dei dispositivi di controllo, protezione e sicurezza degli impianti termici.

Le tipologie di impianto vengono distinte in base a:

  • sistema di espansione: vaso aperto, chiuso, dinamico; 
  • fonte energetica usata: generatori alimentati a combustibile solido polverizzato/non polverizzato, combustibile liquido, combustibile gassoso o energia elettrica; 
  • sistema di circolazione del fluido termovettore: circolazione naturale o forzata; 
  • configurazione dei generatori: singoli, modulari, disposti in batteria.