Il Glossario delle costruzioni, in pillole: NORMA TECNICA

gatto-con-gomitolo-b700.jpg

Norma Tecnica

Il Glossario delle costruzioni, in pillole


È la trasformazione della TECNICA da prassi in NORMA (che a questo punto diventa NORMA TECNICA) che deve avvenire tramite organismi deputati a riconoscere e stabilire i “livelli medi” (o standards) di determinate prestazioni e pertanto deve trattarsi di Organismo cui sia riconosciuta la dovuta autorevolezza scientifica.

Questa è attribuibile al mondo accademico o a istituzioni riconosciute a livello governativo (quale ad esempio l’UNI (Ente Nazionale Italiano di Normazione) che, pur essendo privato, è riconosciuto dallo Stato e anche dalla Comunità Europea.

Se così avviene, ovvero se l’Ente Normatore è un organismo di autorevolezza scientifica, la NORMA TECNICA garantisce del livello tecnico ottimale; la sua applicazione però è consigliata ma non vincolante. Diciamo che chi la rispetta ha una certificazione di garanzia.

Se si vuole che la NORMA TECNICA sia obbligatoriamente rispettata da tutti (diventi cogente erga omnes) allora bisogna che sia approvata da un organismo che abbia il potere di farlo. Nel nostro ordinamento (Carta Costituzionale) tale potere è attribuito allo Stato, alle Regioni, alle Province, ai Comuni che lo esercitano attraverso i propri Organi istituzionali.

Quando uno di questi enti approva una NORMA TECNICA questa assume veste giuridica e la sua disapplicazione è tutelata per legge e comporta – a seconda delle disposizioni che la legge dispone – sanzioni amministrative o, anche, penali.

Avremo pertanto Norme legislative o Norme regolamentari in funzione del soggetto che le ha approvate.


Il Glossario delle costruzioni, in pillole è realizzato per INGENIO da Ermete Dalprato nell'ambito dell'Area di approfondimento di LEGISLAZIONE e TECNICA URBANISTICA ed EDILIZIA