Le sfide dell'edilizia «green» tra nuove tecnologie, comfort e risparmio energetico

Chiara Samorì - Collaboratrice INGENIO 06/03/2019 1145

Il comfort abitativo è sempre più strategico nel settore edilizio. L’attenzione alla qualità dell’aria, al risparmio dell’acqua, alla regolazione della temperatura, all’efficienza energetica e, in generale, al benessere dell’abitare, non sono più concetti noti solo alle realtà imprenditoriali più avanzate ma sono diventati punti di riferimento per professionisti e cittadini.

In questo scenario s’inserisce la Settimana delle Energie Sostenibili, promossa dal Comune di Milano e da Reed Exhibitions, che punta ad approfondire i temi dell’efficienza energetica e del comfort abitativo e che prevede iniziative, tra le altre, dedicate a edifici sostenibili e studi di progettazione, oltre a un importante Convegno internazionale in collaborazione con Green Building Council Italia in programma il 21 marzo presso l'Aula Magna Carassa-Dadda della sede Bovisa del Politecnico di Milano.

In vista di questo appuntamento, Ingenio inaugura una raccolte di interviste per scoprire quali sono le nuove sfide della progettazione sostenibile e quali le buone pratiche messe in atto dagli studi di progettazione per disegnare gli edifici del domani.

Maria Elena Gasperini (Jacobs Italia): la progettazione sostenibile è multisciplinare

«Progettare in modo sostenibile significa tenere in considerazione diversi aspetti: dai trasporti ai materiali impiegati passando per il risparmio energetico e il benessere abitativo sino al contenimento dell’impatto ambientale di un edificio». 

sede-jacobs.jpg Headquarters di Intesa Sanpaolo, certificato LEED PLATINUM. Foto di Andrea Cappello

Maria Elena Gasperini lavora nel settore dell’ingegneria e delle costruzioni da vent’anni e, attualmente, ricopre il ruolo di responsabile dei servizi di consulenza e della sostenibilità in Jacobs Italia, società di ingegneria internazionale che si occupa di progettazione multidisciplinare e di servizi di project e construction management. Proprio la loro sede di Cologno Monzese, nel Milanese, è stata la prima nel nostro Paese a ottenere la certificazione Well: il protocollo che definisce le condizioni migliori per il benessere e la salute delle persone che vivono o lavorano all’interno di un edificio.
«Abbiamo voluto testare la nuova certificazione all’interno dei nostri uffici - spiega Gasperini nell’intervista - e abbiamo migliorato il comfort acustico e termico, scegliendo arredi informali che non inquinano. Inoltre, abbiamo creato spazi in cui possiamo lavorare in team ed essere più creativi. Siamo intervenuti anche sulla qualità delle luci e chiesto all’impresa di pulizie di cambiare tutti i prodotti che vengono utilizzati per l’igiene degli ambienti».

Ma nonostante i vantaggi della progettazione sostenibile siano ormai noti, per l’architetto Matteo Biasin, Project Manager di Jacobs Italia, «si devono compiere ancora passi in avanti». «È vero che la filosofa del green building è molto diffusa tra studi di progettazione e investitori - racconta nell’intervista - ma è anche vero che la realizzazione di questi edifici rispetto alla progettazione, è ancora molto ridotta». Quali sfide ha davanti a sé l’architettura sostenibile? «Il buon progettista deve saper bilanciare gli interventi volti a garantire il comfort con i consumi energetici - spiega Gasperini - mentre  la seconda sfida riguarda le nuove tecnologie...»

>>> GUARDA LA VIDEO INTERVISTA A MARIA ELENA GASPERINI e MATTEO BIASIN

 


www.jacobs.com

www.mceinthecity.it

www.gbcitalia.org