Riqualificazione energetica degli edifici: un problema tecnico o organizzativo?

Il raggiungimento degli ambiziosi obiettivi europei e nazionali riguardanti la riduzione delle emissioni di gas serra e l’efficienza energetica negli edifici non dipende solo da soluzioni tecnologiche e da agevolazioni di carattere fiscale o economico, ma anche dalla condivisione e consapevolezza di questi obiettivi tra tutti gli attori della società. In particolare, la riqualificazione energetica degli edifici esistenti è una sfida di carattere eccezionale che, qualora presa seriamente, richiede la coordinazione tra i vari livelli amministrativi, sociali e di mercato. È quindi importante capire quali sono le motivazioni, le barriere e le competenze che si trovano al livello degli attori appartenenti alla filiera delle riqualificazioni energetiche, e in che modo questi attori possono essere messi in condizione di contribuire efficacemente a migliorare la prestazione energetica degli edifici esistenti. Tre casi di studio condotti nell’ambito di un progetto di ricerca europeo in Danimarca (ma senz’altro utili anche nel contesto italiano) esemplificano queste problematiche ed evidenziano la necessità di un’azione di coordinamento e di una visione condivisa sia a livello nazionale che sul territorio.