Diagnosi energetiche, cambia tutto! Nuove linee guida ENEA per la scadenza di fine 2019, regole e portale

Diagnosi energetiche ENEA: nel 2019 il portale per l’invio delle diagnosi energetiche (art. 8 d.lgs. 102/2014) sarà soggetto ad importanti modifiche al fine di semplificare il lavoro dei soggetti interessati. Tutte le novità

Diagnosi energetica, cambia tutto! Ecco cosa

Cerchiare in rosso e prendere nota: l'ENEA - nella speciale pagina dedicata - comunica che nel 2019 il portale per l’invio delle diagnosi energetiche (art. 8 d.lgs. 102/2014) sarà soggetto ad importanti modifiche al fine di semplificare il lavoro dei soggetti interessati.

Il nuovo portale richiederà necessariamente una nuova registrazione. Pertanto, per le diagnosi afferenti all'obbligo del 2019, è consigliabile NON utilizzare l'attuale portale, comunque in funzione, ma aspettare la messa on line del nuovo portale prevista entro giugno 2019

L'attuale portale può invece essere regolarmente utilizzato per le comunicazioni dei risparmi energetici ai sensi dell'art. 7 comma 8 del d.lgs. 102/14.

Novità per la diagnosi energetiche: il riepilogo e la pagina dedicata

Tra le principali novità si segnala:

  • una complessiva riorganizzazione del sito www.efficienzaenergetica.enea.it per la sezione e i materiali dedicati all’obbligo di diagnosi energetica, con la pubblicazione di una guida operativa che racchiude i concetti di clusterizzazione, monitoraggio e rapporto di diagnosi anche alla luce degli aggiornamenti tecnico-normativi intercorsi tra fine 2015 e fine 2018. In tale linea di attività sono stati aggiornati i file (fogli di calcolo) di riepilogo dei dati ed è stato pubblicato un format per agevolare la procedura di clusterizzazione;
  • l'aggiornamento del portale di caricamento delle diagnosi, avviata a fine 2018 e di cui si prevede il completamento nel mese di giugno 2019. L’aggiornamento vuole adempiere ad una serie di obiettivi identificati come prioritari a seguito di valutazioni sul processo di acquisizione delle diagnosi avvenuto nel periodo 2015-2018, delle novità intercorse in questi ultimi anni e a valle dei confronti con le associazioni di settore. Il nuovo portale richiederà necessariamente una nuova registrazione. Pertanto per le diagnosi legate all'obbligo del 2019 si consiglia di non utilizzare l'attuale portale, comunque in funzione, ma di aspettare la messa on line del nuovo portale prevista entro giugno 2019. L'attuale portale resta invece operativo per le comunicazioni dei risparmi ai sensi dell'art. 7 comma 8 del d.lgs. 102/14.

Le nuove linee guida per le diagnosi energetiche

Si tratta, come già sottolineato, delle nuove linee guida e relative procedure su come affrontare le diagnosi energetiche previste dall'art.8 del d.lgs. 102/2014 e s.m.i.

1) Definizioni e normativa di riferimento

2) Linee Guida e Manuale Operativo Diagnosi Energetiche: Clusterizzazione, Rapporto di diagnosi e Piano di monitoraggio

         3) Portale per l'invio delle diagnosi e istruzioni disponibili al link "Audit 102"

Ulteriore documentazione: Linee Guida Settoriali e impostazione della diagnosi energetica delle attività di Trasporto.

Diagnosi energetiche per organizzazioni con sistema di gestione dell'energia certificato ISO 50001

È pubblicata la matrice di sistema per Organizzazioni con sistema di gestione dell'energia certificato ISO 50001. Per maggiori dettagli sono disponibili i chiarimenti MiSE sul tema.

Comunicazione dei risparmi art. 7 comma 8

L'art.7 comma 8 del d.lgs. 102/14 prevede che "i risparmi di energia per i quali non siano stati riconosciuti i titoli di efficienza energetica rispetto all’anno precedente e in condizioni normalizzate, riscontrabili dai bilanci energetici predisposti da imprese che attuano un sistema di gestione dell’energia conforme alla norma ISO 50001, e dagli audit previsti dal presente decreto sono comunicati dalle imprese all’ENEA e concorrono al raggiungimento degli obiettivi di cui al presente articolo".

Informazioni e indicazioni sulle modalità di comunicazione e sui format da utilizzare sono disponibili nella pagina dedicata.

Ulteriori informazioni