Efficacia SismaBonus: si approfondisce a Bari con il Ministro Toninelli e il Presidente Carlea

25/03/2019 1122

Il Sismabonus  è uno strumento ancora poco utilizzato, sebbene rappresenti una potente leva per il rilancio del settore delle costruzioni.

Alle opportunità offerte da questa agevolazione la Scuola Ingegneria & Architettura (SI&A) dedicherà il suo quinto convegno nazionale che si terrà a Bari il prossimo 28 marzo alla presenza del ministro delle Infrastrutture Danilo Toninelli.

siea.jpgIl convegno, dal titolo «Sismabonus - Rilanciare il mondo delle costruzioni, Rigenerare e Recuperare le periferie», si terrà presso il Nicolaus Hotel di Bari giovedì a partire dalle 14.30.

Introdurrà i lavori il presidente della Scuola Ingegneria & Architettura (SI&A) Amedeo Vitone, ingegnere e già docente del Politecnico di Bari,.

Il coordinatore del convegno e vicepresidente di SI&A, Roberto Lorusso, condurrà i lavori, durante i quali si susseguiranno le relazioni del presidente del Consiglio Superiore dei Lavori Pubblici, Donato Carlea, del presidente nazionale di ANCE Gabriele Buia, del docente dell'Università degli Studi di Napoli «Federico II» Edoardo Cosenza, del membro del CEN (Comitato Europeo di Normazione) e docente di SI&A Fabrizio Palmisano.

Interverranno anche Emanuele Renzi, coordinatore del Servizio Tecnico Centrale del CSLLPP, Antonio Lucchese, componente del Servizio Tecnico Centrale del CSLLPP, Gianluca levolella, già componente del CSLLPP e neo Provveditore Interregionale Opere Pubbliche Sicilia e Calabria e Lidia Tulipano della C2R Energy Consulting, spin-off del Politecnico di Torino.

L'evento era stato lanciato con una Conferenza Stampa presso la Camera dei Deputati il 5 settembre.

Il SISMABONUS: strumento importante, ma occorre investire anche in Cultura

«Il sismabonus - afferma Amedeo Vitone, presidente SI&A - è uno strumento molto efficace per mirare a diversi obiettivi. Noi della Scuola Ingegneria & Architettura apprezziamo particolarmente il contributo alle politiche di mitigazione del rischio strutturale, che del resto ispirano da sempre le nostre attività di formazione professionale. I non pochi casi, tal volta dagli effetti tragici, di costruzioni crollate o gravemente danneggiate sono il "risultato", ahimè molto spesso prevedibile, della inesorabile legge della probabilità».

A fronte di una platea così vasta (milioni) di edifici non rispondenti agli attuali standard di sicurezza strutturale, «è sostenibile solo una programmazione delle iniziative basata su adeguati criteri di priorità. Il sismabonus fa riferimento a "classi di rischio" - prosegue Vitone - e attribuisce il giusto peso oltre ai fattori della pericolosità (sismica) e della vulnerabilità, anche a quello che misura la entità del danno subito. Il cosiddetto fattore per esposizione.

In questa apprezzabile prospettiva sarebbe tuttavia auspicabile che non si rinunciasse a valutazioni anche qualitative, quando esse possono dare un importante contributo alla mitigazione del rischio connesso con aspetti della vulnerabilità di una costruzione che seppur di difficile "calcolo numerico numerico", possono tuttavia rappresentare delle gravi insidie. Come ad esempio la mancanza di robustezza. Così come sarebbe auspicabile che si investisse non solo per agevolare gli interventi, ma anche per favorire la diffusione della cultura della prevenzione. Le analisi prima di tutto, poi, se necessario, le operazioni».

Estendere l'efficacia del SismaBonus

«Durante il convegno vogliamo far emergere anche nuove proposte di ampliamento della portata del Sismabonus», dichiara Roberto Lorusso, coordinatore del Convegno e vicepresidente di SI&A. «Noi riteniamo - continua - che estendere anche in Puglia e nelle altre zone a rischio 2 e 3 del Paese, una detrazione sino al 85 % del prezzo di vendita di case anti sismiche cedute dalle imprese di costruzione e derivanti da interventi di demolizione e ricostruzione anche con variazione volumetrica, e non solo per interventi di miglioramento e adeguamento antisismico degli edifici esistenti, possa innescare un formidabile circolo virtuoso che farebbe rigenerare interi quartieri urbani degradati e rilanciare finalmente il settore delle costruzioni».

I Costruttori chiedono l'ampliamento del SismaBonus

Sulla stessa linea anche il presidente di Ance Puglia Nicola Bonerba che afferma: «Col Sismabonus si è finalmente cominciato a delineare una strategia nazionale di messa in sicurezza del patrimonio immobiliare costruito; tuttavia auspichiamo si possa ampliare la portata della misura affinché i proprietari degli immobili possano ricorrere maggiormente alla stessa».

«Il Sismabonus è una chance assolutamente da non perdere. È infatti - spiega Nicola De Bartolomeo, vicepresidente nazionale dell'Ance - un'ottima opportunità per rinnovare il patrimonio edilizio e per metterlo in sicurezza, una misura che andrebbe estesa, per ciò che riguarda i benefici per la sostituzione edilizia, anche alle zone rischio sismico 2 e 3».

FONTE: LA GAZZETTA DEL MEZZOGIORNO


SI&A 2019

5° CONVEGNO NAZIONALE

SISMABONUS

 

BARI, 28 MARZO 2019 | THE NICOLAUS HOTEL | Via Cardinale A. Ciasca, 27

Il Programma

INTERVIENE

  • Danilo Toninelli | Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti

SALUTI

  • Armando Zambrano | Presidente Consiglio Nazionale Ingegneri
  • Giuseppe Cappochin | Presidente Consiglio Nazionale Architetti
  • Francesco Peduto | Presidente Consiglio Nazionale dei Geologi
  • Maurizio Savoncelli | Presidente Consiglio Nazionale dei Geometri e dei Geometri Laureati
  • Domenico De Bartolomeo | Vice Presidente Nazionale ANCE, Presidente Confindustria Puglia
  • Nicola Bonerba | Presidente ANCE Puglia

INTRODUZIONE

Amedeo Vitone | Presidente SI&A, Politecnico di Bari, Studio Vitone & Associati

RELAZIONI

  • Donato Carlea | Presidente del Consiglio Superiore dei Lavori Pubblici
  • Gabriele Buia | Presidente Nazionale ANCE
  • Edoardo Cosenza | Università degli Studi di Napoli Federico II
  • Fabrizio Palmisano | PPV Consulting, Politecnico di Bari, CEN, SI&A
  • Emanuele Renzi | Coordinatore del Servizio Tecnico Centrale del Consiglio Superiore dei Lavori Pubblici
  • Antonio Lucchese | Servizio Tecnico del Consiglio Superiore dei Lavori Pubblici
  • Gianluca Ievolella | Provveditore Interregionale per le Opere Pubbliche per la Sicilia e la Calabria
  • Lidia Tulipano | C2R Energy Consulting S.r.l., Politecnico di Torino

CHAIRMAN

  • Roberto Lorusso | Vice Presidente SI&A, Membro Esperto del Consiglio Superiore dei Lavori Pubblici

Per saperne di più: LINK