Vademecum Ecobonus aggiornati: la mappa per ogni singolo lavoro incentivato!

L'ENEA ha pubblicato le nuove versioni aggiornate al 9 maggio 2019: per ciascun tipo di lavoro è approntata una scheda riepilogativa dei requisiti tecnici richiesti e della documentazione da approntare. Scopri tutto!

riqualificazione energetica - ecobonus.jpg

I vademecum ENEA sui lavori incentivati dall'Ecobonus sono stati aggiornati al 9 maggio 2019: si tratta, di fatto, di una serie di imperdibili vademecum che riepilogano tutti i lavori incentivati con l'ecobonus (detrazione fiscale per l'efficienza energetica negli edifici).

Per ciascun tipo di lavoro è approntata una scheda riepilogativa dei requisiti tecnici richiesti e della documentazione da approntare.

Lavori incentivati dall'Ecobonus: uno per uno, tutti

  • Riqualificazione energetica di parti comuni degli edifici condominiali (detrazioni del 70, 75, 80 e 85 percento): a)Interventi di riqualificazione energetica di parti comuni degli edifici condominiali (1), che interessino l'involucro dell'edificio con un'incidenza superiore al 25% della superficie disperdente lorda dell'edificio medesimo(detrazionefiscaledel70%); b) stessi interventi del punto a) finalizzati a migliorare la prestazione energetica invernale ed estiva e che conseguanoalmenola “qualità media” di cui alle tabelle3 e 4 dell’allegato1 al DM26/06/2015 - “decretolinee guida”– (detrazione fiscale del 75%); c) stessi interventidi cui ai punti a) o b) e contestuali interventiche conseguonola riduzione di una classe di rischio sismico(detrazione fiscale dell’80%); d) stessi interventi di cui ai punti a) o b) e contestuali interventi che conseguono la riduzione di due classi di rischio sismico (detrazione fiscale dell’85%).;
  • Serramenti e infissi: agevolabile la sostituzione di finestre comprensive di infissi, delimitanti il volume riscaldato verso l'esterno e verso vani non riscaldati che rispettano i requisiti di trasmittanza termica U, (W/m2K), riportati in tabella 2 del DM 26 gennaio 2010;
  • collettori solari: installazione di collettori solari per la produzione di acqua calda per usi domestici o industriali e per la copertura del fabbisogno di acqua calda in piscine, strutture sportive, case di ricovero e cura, istituti scolastici e università;
  • Caldaie a condensazione: a) sostituzione, integrale o parziale, di impianti di climatizzazione invernale con impianti dotati di caldaie a condensazione con efficienza energetica stagionale per il riscaldamento d’ambiente (ηs) ≥ 90%, pari al valore minimo della classe A di prodotto prevista dal regolamento delegato (UE) n. 811/2013 della Commissione del 18 febbraio2013; b) sostituzione, integrale o parziale, di impianti di climatizzazione invernale con impianti dotati di caldaie a condensazione di cui al superiore punto a) e contestuale installazione di sistemi di termoregolazione evoluti, appartenenti alle classi V, VI oppure VIII della comunicazione della Commissione 2014/C 207/02; c) sostituzione, integrale o parziale, di impianti di climatizzazione invernale con impianti dotati di generatori d'aria calda a condensazione;
  • Pompe di calore: a) sostituzione, integrale o parziale, di impianti di climatizzazione invernale con impianti dotati di pompe di calore ad alta efficienza, anche con sistemi geotermici a bassa entalpia; b) sostituzione di scalda-acqua tradizionali con scalda-acqua a pompa di calore dedicati alla produzione di acqua calda sanitaria;
  • Coibentazione strutture verticali e orizzontali: sono agevolabili gli interventi sulle strutture opache verticali e orizzontali (coperture e pavimenti), delimitanti il volume riscaldato verso l'esterno, verso vani non riscaldati e contro terra che rispettino i requisiti di trasmittanza termica U, (W/m2K), riportati in tabella 2 del DM 26 gennaio 2010;;
  • Riqualificazione globale degli edifici: la categoria degli "interventi di riqualificazione energetica" comprende qualsiasi intervento o insieme sistematico di interventi che incida sulla prestazione energetica dell'edificio. Quindi, a titolo meramente esemplificativoma nonesaustivo,si ritengonoagevolabili: • interventidisostituzionedi impiantidi climatizzazioneinvernale; • impiantidi cogenerazione,trigenerazione, allaccioalla retedi teleriscaldamento, collettori solari, ecc. • interventi di coibentazione di strutture opache e di sostituzione di finestre comprensive di infissi;
  • Caldaie a biomassa: sostituzione o nuova installazione di impianti di climatizzazione invernale dotati di generatori di calore alimentati da biomasse combustibili;
  • Building automation: installazione e messa in opera di sistemi di B.A. che consentano la gestione automatica personalizzata degli impianti di riscaldamento o produzione di acqua calda sanitaria o di climatizzazione estiva, compreso il loro controllo da remoto attraverso canali multimediali;
  • Sistemi ibridi: sostituzione, integrale o parziale, di impianti di climatizzazione invernali con impianti dotati di apparecchi ibridi, costituiti da pompa di calore integrata con caldaia a condensazione, assemblati in fabbrica ed espressamente concepiti per funzionare in abbinamento tra loro;
  • Microcogeneratori: acquisto e posa in opera di micro-cogeneratori in sostituzione di impianti esistenti che conducano un risparmio di energia primaria.