Al Motor Valley Fest gli Ingegneri modenesi illustrano il futuro della mobilità sostenibile e dell'automobilismo

Nuovi scenari ed evoluzione tecnologica nel settore della mobilità e dell'automobilismo sportivo

Venerdì 17 maggio l'Ordine degli Ingegneri di Modena organizza presso la Camera di Commercio un convegno a doppia tematica: nella prima parte si analizzeranno la storia, l'evoluzione e le prospettive dei circuiti automobilistici; nella seconda sessione si parlerà di mobilità elettrica. All'appuntamento parteciperanno Armando Zambrano (Presidente del Consiglio Nazionale degli Ingegneri), Alessandra Ciliberti (Federazione Internazionale dell'Automobile) e Paride Piovan (Tesla Motors). Conduce e modera l'incontro Leo Turrini.

L'innovazione tecnologica applicata alla mobilità, l'evoluzione costante dell'automobilismo sportivo, il ruolo fondamentale della ricerca per lo sviluppo sostenibile del settore automotive: su questi temi strategici per l'industria automobilistica si concentra l'attenzione dell’Ordine degli Ingegneri modenesi, che contribuisce al programma del Motor Valley Fest con un appuntamento dall'elevato contenuto scientifico.

Appuntamento il 17 maggio per parlare di innovazione tecnologica applicata alla mobilità

Venerdì 17 maggio, a partire dalle ore 9,30 presso la Camera di Commercio, si terrà infatti un convegno a doppia tematica: nella prima parte si analizzeranno la storia, l'evoluzione e le prospettive dei circuiti automobilistici, che da semplici luoghi di competizione adrenalica si stanno evolvendo in spazi di ricerca sulla sicurezza stradale e sulle nuove tecnologie automobilistiche. Nella seconda sessione si approfondirà il tema della mobilità elettrica, i cui effetti rivoluzionari sono ormai prossimi a manifestarsi a livello mondiale.

Temi così pregnanti richiedono l'apporto di esperti d'eccezione: al convegno organizzato dall'Ordine degli Ingegneri di Modena parteciperanno infatti nomi di riferimento assoluto come Alessandra Ciliberti (già componente della Scuderia Toro Rosso di Formula 1 ed attualmente Circuit & Rally Safety Engineer della FIA-Federazione Internazionale dell'Automobile), Giorgio Beghella Bartoli (ex Direttore tecnico dell'Autodromo di Monza) e Paride Piovan (Responsabile Tesla Motors per il Sud Europa). All'appuntamento – condotto e moderato dal giornalista Leo Turrini - parteciperanno anche Armando Zambrano (Presidente del Consiglio Nazionale degli Ingegneri), Gabriele Giacobazzi (Presidente dell'Ordine degli Ingegneri di Modena), Piergabriele Andreoli (Direttore di AESS-Agenzia per l'Energia e lo Sviluppo Sostenibile) e Giovanni Simoni (Consigliere di Elettricità Futura, la principale associazione dell'industria elettrica italiana).

Con questa iniziativa l'Ordine degli Ingegneri di Modena intende valorizzare la propria funzione tecnico-culturale nel contesto del territorio modenese, funzione che fa perno sulla stretta collaborazione avviata con l'Università per un proficuo interscambio tra mondo accademico e mondo professionale. E' inoltre la conferma della capacità dell'Ordine di svolgere un ruolo strategico nel contesto dell'industria automotive, grazie alle indiscusse competenze tecniche-professionali dei propri iscritti. A tale scopo, l'Ordine modenese ha attivato al proprio interno un gruppo tematico di lavoro, che si prefigge la missione di valorizzare le competenze ingegneristiche sviluppate dai colleghi attraverso esperienze aziendali di alto profilo, nonché di potenziarle con quelle accademiche e di ricerca nel campo motoristico e automobilistico in proiezione di scenari futuri di evoluzione elettrica e di guida autonoma.

"Il Gruppo automotive dell'Ordine degli Ingegneri di Modena unisce competenze professionali e sviluppo del contesto Universitario, per massimizzare il risultato sinergico e le potenzialità formative sui colleghi che operano nel mondo automobilistico. Il convegno sui diversi circuiti automobilistici presenti nel territorio emiliano-romagnolo, inoltre, farà emergere che questi impianti sono potenziali fornitori di un servizio articolato nella logica della rete integrata, dove ogni singola realtà si connette alle altre per offrire soluzioni ed opportunità ad ampio spettro" dichiarano gli ingegneri Paolo Visentin e Francesco Leali (rispettivamente: Coordinatore della Commissione Impianti-Energia dell'Ordine degli Ingegneri di Modena; Responsabile e Presidente del Corso di Laurea Interateneo in Advanced Automotive Engineering).  

"Nell'ambito dello sviluppo della mobilità elettrica è fondamentale lavorare per aggiornare rapidamente le infrastrutture, ed adattarle a questa rivoluzione in atto a livello mondiale" sottolinea l'ingegnere Andrea Zanotti, esperto della materia nonché consigliere dell'Ordine e Coordinatore della Commissione Ambiente e Green Economy. "La svolta elettrica si sta dimostrando un'importante opportunità per valorizzare la nostra categoria, in termini di competenze tecniche, gestionali ed organizzative. È una sfida importante che si giocherà da qui al 2025: l'Italia dovrà diventare protagonista di questa rivoluzione e sicuramente possiede le qualità professionali e la preparazione tecnica dei propri esperti per giocare un ruolo di primo piano".

Il Magazine

Sfoglia l'ultimo numero della rivista Ingenio

Newsletter Ingeio

Seguici su