Fondo Professioni: bando di 2.4 milioni di euro per gli studi professionali. Le specifiche

Fondo Professioni: l'ultimo Avviso consente di finanziare piani formativi destinati ai dipendenti di singoli Studi professionali/Aziende, per lo sviluppo delle competenze e la crescita della competitività

Fondo Professioni: arrivano altri 2.4 milioni

Segnaliamo che sul portale di Fondo Professioni è stato pubblicato l’Avviso n.1/2019 per singoli studi professionali e aziende che consente di finanziare piani formativi destinati ai dipendenti di singoli Studi professionali/Aziende. L'assegnazione delle risorse avviene in seguito alla valutazione dei piani formativi e successiva pubblicazione della graduatoria.

Destinatari

I piani formativi sono rivolti unicamente agli Studi professionali/Aziende in regola con l’adesione e il versamento a Fondoprofessioni, che abbiano provveduto all’iscrizione prima della presentazione del piano formativo. Per maggiori informazioni sulla modalità di iscrizione a Fondoprofessioni si consulti la sezione “Come aderire” del sito www.fondoprofessioni.it.

Si ricorda che l’adesione è verificabile mediante il “Cassetto previdenziale”, reperibile tramite il portale Inps, all’interno del “Fascicolo elettronico”, sezione “Dati complementari”.

I destinatari dei piani formativi ammissibili sono i dipendenti con contratto a tempo determinato/indeterminato o di apprendistato, per i quali gli Studi professionali/Aziende sono tenuti a versare il contributo di cui all’art. 12 della legge 160/1975, così come modificato dall’art. 25 della legge quadro n. 845/1978 e s.m.i.

Inoltre, è possibile coinvolgere dipendenti per i quali sono previsti sgravi contributivi, entro e non oltre il 20% del totale dei partecipanti del piano formativo. Per favorire l’integrazione delle competenze, è possibile coinvolgere nelle attività formative, come “uditori” dello Studio professionale/Azienda in formazione, i datori di lavoro, i collaboratori coordinati e in regime di partita Iva.

Tali figure, laddove presenti, non determineranno alcun incremento d’importo, poiché il contributo è calcolato sui soli destinatari ammissibili, che compongono il gruppo d’aula.

Per tutti i dettagli si rimanda al bando ufficiale.