Scuola: Architetti, le conclusioni del Progetto “Abitare il Paese - la cultura della domanda”

Il Consiglio Nazionale e Fondazione Reggio Children portano l’architettura sui banchi di scuola

abitare-il-paese.jpg

Roma, 23 maggio 2019. E’ fissata per il prossimo 29 maggio a Roma (Acquario Romano, Piazza Manfredo Fanti, 47) la presentazione dei risultati della prima edizione del Progetto “Abitare il Paese - la cultura della domanda. Bambini e ragazzi per un progetto di futuro” promosso dal Consiglio Nazionale degli Architetti, Pianificatori, Paesaggisti e Conservatori in collaborazione con la Fondazione Reggio Children - Centro Loris Malaguzzi.

Lanciato a conclusione dell’VIII Congresso Nazionale degli architetti italiani, il Progetto - che ha già interessato in tutta Italia oltre 1500 studenti tra i 3 e i 18 anni - ha come principale obiettivo far entrare l’architettura nelle scuole per alimentare una cultura della domanda di qualità e del valore dell’architettura come bene collettivo, puntando decisamente a ridurre l’assuefazione all’ordinarietà di una edilizia mediocre. Il progetto ha consentito a una sessantina di architetti/tutor di attivare tavoli di co-progettazione locale coinvolgendo bambini, ragazzi, insegnanti e dirigenti scolastici per “ragionare insieme” sulle strategie per la città del futuro dove sigiocherà il destino dei bambini e dei ragazzi di oggi e di quelli che verranno. 

Nel corso della presentazione - il 29 maggio - verrà anche lanciata la seconda edizione del Progetto che diventerà operativo a settembre, alla ripresa del prossimo anno scolastico e riguarderà, sulla scorta delle molteplici manifestazioni di interesse già pervenute, almeno il doppio dei partecipanti provenienti da tutte le regioni italiane. Sarà anche inaugurata una Mostra di 60 Tavole grafiche e 20 video che rappresenta in maniera emblematica gli elaborati che gli studenti hanno realizzato insieme ai loro insegnanti e agli architetti in veste di loro tutor. Sempre a settembre verrà presentato il catalogo rappresentativo delle prima esperienze relative al Progetto.

Alla presentazione del 29 maggio è prevista la partecipazione del Ministro dell'Istruzione, dell'Università e della Ricerca, Marco Bussetti.