BIM for Manufacturing e la necessaria trasformazione dell’azienda

La Digital Transformation, che negli ultimi anni sta cambiando il nostro modo di vivere, non esclude di certo il settore delle costruzioni. In tale ambito si è sviluppato e si sta ancora sviluppando il BIM, un metodo di lavoro che premia soprattutto gli investitori (che nel pubblico siamo noi cittadini), perché consente di controllare e monitorare i costi di gestione dell’edificio nell’arco del ciclo di vita dello stesso e quindi di abbatterne i costi senza pregiudicarne la qualità.

Cosa è il BIM for Manufacturing?

Se vogliono adeguarsi a queste richieste anche i produttori manifatturieri devono necessariamente sostenere degli investimenti, a volte anche molto importanti. Ma perché i produttori devono considerare il paradigma BIM come una grande opportunità e non solo come un obbligo? Chi li costringe a farlo? Cosa ci guadagnano? A cosa gli serve? Quanto gli costa? Scopriamo cos’è il BIM for Manufacturing.

Ma il vero guadagno del BIM for Manufacturing non è certo (solo) quello di continuare ad essere o entrare a far parte dei fornitori della Pubblica Amministrazione bensì nel poter essere selezionati o meno dai progettisti che devono rigorosamente rispondere ai capitolati e ai protocolli imposti dai committenti e finanziatori sia nel privato che nel pubblico. Il rischio delle piccole aziende artigiane italiane che operano esclusivamente sul privato è quello di ritenersi già equipaggiate e quindi non avere ancora la consapevolezza di esserlo per un mercato che entro pochi anni non esisterà più.

Paradigma BIM: Le fondamenta

Come dovrebbe essere oramai noto un processo BIM si fonda sull’organizzazione dei dati inerenti all’intero processo edilizio, alla base del quale vi è la progettazione dell’opera e quindi la realizzazione di un modello virtuale e digitale 3D. Affinché possa essere più vicino possibile alla realtà, un modello 3D deve necessariamente contenere tutte le informazioni derivanti dai prodotti che lo costituiscono. Ecco quindi che i prodotti dell’industria manifatturiera (oggetti BIM) assumono un’importanza rilevante.

Tali prodotti diventano così i componenti primari su cui basare la progettazione e la costruzione virtuale dell’opera. Inoltre, rappresentano le fondamenta su cui poggiare l’intero modello di dati. Affinché ciò accada i file dei prodotti BIM devono essere sempre reperibili e contenere tutte le informazioni necessarie per garantire l’accettabilità del committente fino alla cantieristica, oltre alle caratteristiche informative dettate dalle maggiori linee guida nazionali ed internazionali riconosciute (UNI 11337 – PAS 1192 – BS1192).

common-data-environvement.jpg

Paradigma BIM: Tipo di dati richiesto

Progettisti e appaltatori del settore edilizio che offrono progetti BIM non hanno bisogno dei modelli 3D pesanti di un prodotto. La possibilità di integrare le informazioni al prodotto con dettagli relativi a caratteristiche come tagli termici consente al team di progettazione di comprendere meglio le prestazioni e il comportamento di un determinato prodotto all’interno del sistema nel suo complesso. Queste sono solo alcune delle differenze tra la realizzazione di modelli CAD e gli oggetti ricchi di informazioni come quelli oggi richiesti per il BIM adottato dai clienti.

Tale approccio riduce gli sforzi associati alla produzione di oggetti BIM integrando il BIM nei processi di vendita e progettazione esistenti. Consente inoltre di dedicarsi alla progettazione di prodotti di successo, piuttosto che alla gestione di un processo di adeguamento. Per i produttori, poter contare su un processo agile di sviluppo dei prodotti rappresenta uno dei fattori critici grazie al quale potranno distinguersi dalla concorrenza.

Nuove tecnologie in grado di renderle autonome nella creazione e nella gestione dei propri oggetti BIM, con un occhio di riguardo anche alla formazione verso le forze vendite al fine di raccogliere tutte le nozioni necessarie preziose in fase di ingaggio verso i potenziali progettisti BIM. Cambio di rotta che risponde a due grandi necessità: lo snellimento dei processi nella gestione dei file digitali e la protezione del know-how dei propri prodotti.

[...] Continua la lettura dell'articolo sul blog Let it BIM a questo LINK