Cambiamenti climatici, resilienza e rigenerazione urbana

Appuntamento il 14 giugno a Roma, a seguire l'Assemblea annuale Soci GBC Italia

La sostenibilità degli insediamenti urbani è un obiettivo di fondamentale importanza in uno scenario globale che vede nel progressivo inurbamento della popolazione mondiale uno dei driver più significativi.

Si tratta di un tema che nel nostro Paese investe sia le grandi città, che risultano sempre più ampie e complesse, sia i piccoli comuni attualmente affetti da un progressivo spopolamento e alla ricerca di strategie di valorizzazione e rilancio, problema non irrilevante da un punto di vista ambientale, considerato che in Italia i comuni sotto i 5000 abitanti ricoprono circa il 70% del territorio del nostro paese.

Territori che devono essere sostenibili ma anche resilienti, come ben evidenziato nel progetto promosso dalla Rockefeller Foundation “100 Resilient Cities”,che pone tali aspetti al centro delle dinamiche di sviluppo delle città considerandoli tra i più urgenti del nostro tempo.

La morfologia del territorio italiano, le caratteristiche uniche delle grandi e piccole città del nostro paese così ricche di storia e di tratti distintivi, così come le recenti catastrofi naturali, impongono un approccio originale e calibrato che possa portare al raggiungimento degli stessi obiettivi che altri paesi in Europa e nel modo si stanno ponendo.

Le metriche di sostenibilità per l'ambiente costruito

In questo quadro, le metriche di sostenibilità inerenti all’edilizia e più in generale l’ambiente costruito possono rappresentare strumenti centrali in una logica di rendicontazione e miglioramento a supporto delle città impegnate per lo sviluppo sostenibile e il clima.

Tra le varie esperienze nazionali e internazionali, spiccano quelle promosse dal USGBC con il protocollo di rating dedicato alla sostenibilità dell’ambiente urbano (“LEED 4.1 Cities and communities”), già allo studio di GBC Italia mediante uno specifico “gruppo di lavoro sostenibilità urbana”, ma anche le metriche sviluppate da GBC Italia con specifici protocolli di certificazione energetico-ambientale tra cui “GBC Quartieri”, “GBC Home”, “GBC Historic Building” per il quale è già avviato un processo di internazionalizzazione assieme a USGBC ed infine il protocollo “GBC Condomini” che primo al mondo vede un’area specifica denominata “resilienza”.

Tutti strumenti finalizzati ad offrire una scelta completa di metodologie per affrontare le sfide imposte dai cambiamenti climatici nell’ottica di una rigenerazione urbana sostenibile e resiliente.

Nel corso del seminario si tenterà di approfondire una riflessione che muova a partire dalle seguenti domande: Considerate le peculiarità del nostro Paese, è possibile coniugare le istanze ambientali e di resilienza anche in un’ottica di sviluppo e di mercato? Quali approcci possono essere utilizzati per interpretare le dinamiche regionali e locali ed aumentare la capacità dinamica delle piccole e grandi città di reagire agli eventi e ai cambiamenti? È possibile in tali processi mantenere ed enfatizzare le caratteristiche distintive e culturali promuovendo al contempo nuove traiettorie di sviluppo?

>>> 14 giugno 2019, ore 10.00 - 13.00 _ Palazzo Taverna, Roma

Partecipazione gratuita previa registrazione a questo LINK

QUI il PROGRAMMA DEL SEMINARIO

gcb-assemblea-soci.jpg

www.gbcitalia.org