Interventi ed autorizzazioni in zone sismiche: ecco dove lo Sblocca Cantieri rivoluziona il T.U. Edilizia

L'art.3 del decreto-legge 32/2019, convertito in legge e in attesa della pubblicazione in Gazzetta Ufficiale, contiene disposizioni in materia di semplificazione della disciplina degli interventi strutturali in zone sismiche

Costruzioni in zone sismiche: speciale Sblocca Cantieri

Il DDL Sblocca Cantieri, approvato in via definitiva dalla Camera dei Deputati in data 13 giugno 2019 e in attesa di pubblicazione definitiva in Gazzetta Ufficiale (legge di conversione), contiene una serie di norme per ridurre regolamenti e controlli nella gestione degli appalti pubblici e semplificare l’attività edilizia in generale, a partire dalle costruzioni sismiche, per le quali è necessaria la preventiva autorizzazione della Sovrintendenza dell'Ufficio tecnico regionale.

Abbiamo già avuto modo di approfondire, in corso d'opera, le modifiche attuate dallo Sblocca Cantieri alle autorizzazioni sismiche ma in questo approfondimento forniamo un riassunto di tutte le novità che riguardano la semplificazione della disciplina degli interventi strutturali in zone sismiche, visto che la legge novella in più punti il testo unico delle disposizioni legislative e regolamentari in materia edilizia (dpr 380/2001).

Rifacendoci all'ultimo documento di approfondimento istituzionale, il dossier parlamentare dell'11 giugno 2019, sottolineiamo che l'art.3 dello Sblocca Cantieri, sebbene rechi in rubrica il riferimento ad interventi strutturali in zone sismiche, appare recare anche interventi di novella al testo unico in materia edilizia in via generale, non soltanto con riferimento alle zone sismiche.

Prove e controlle dei materiali da costruzione: i nuovi laboratori

Si è intervenuti sull'articolo 59, in materia di laboratori, prevedendo che i laboratori autorizzati possano effettuare, oltre alle prove sui materiali da costruzione e prove di laboratorio su terre e rocce (già previste dal TU), anche prove e controlli su materiali da costruzione su strutture e costruzioni esistenti; si demanda al Consiglio Superiore dei Lavori Pubblici, entro 60 giorni dalla data di entrata in vigore della legge di conversione, l'adozione di specifici provvedimenti attuativi (lettera 0a).

L'articolo 59 appartiene alla Parte II del TU, in materia di Normativa tecnica per l'edilizia, in particolare al Capo I, recante Disposizioni di carattere generale. In base a tale articolo, al comma 1, sono considerati laboratori ufficiali:

  • a) i laboratori degli istituti universitari dei politecnici e delle facoltà di ingegneria e delle facoltà o istituti universitari di architettura;
  • b) il laboratorio di scienza delle costruzioni del centro studi ed esperienze dei servizi antincendi e di protezione civile (Roma);
  • b-bis) il laboratorio dell'Istituto sperimentale di rete ferroviaria italiana spa;
  • b-ter) il Centro sperimentale dell'Ente nazionale per le strade (ANAS) di Cesano (Roma), autorizzando lo stesso ad effettuare prove di crash test per le barriere metalliche.

Denuncia dei lavori e relazione di ultimazione

  • con la lettera a), si interviene sull'articolo 65 del T.U. in materia edilizia prevedendo che le opere realizzate con materiali e sistemi costruttivi disciplinati dalle 'norme tecniche in vigore' prima del loro inizio devono essere denunciate dal costruttore allo sportello unico.
  • si recano semplificazioni procedimentali, eliminando la triplice copia documentale nonché, a seguito di una modifica approvata dal Senato, l'invio e deposito tramite PEC in più punti della disposizione;
  • con un nuovo comma 8-bis all'articolo 65, si esentano gli interventi di "minore rilevanza", quali riparazioni e interventi locali sulle costruzioni esistenti, ovvero quelli "privi di rilevanza", dalla applicazione di una serie di obblighi previsti dalla disposizione.

Collaudo statico: quante novità

  • con la lettera b) si novella l'articolo 67 - in materia di collaudo statico - prevedendo - per gli interventi qualificati dalla norma di nuova introduzione in materia di interventi strutturali in zone sismiche come di "minore rilevanza" quali riparazioni e interventi locali sulle costruzioni esistenti ovvero "privi di rilevanza" - che il certificato di collaudo venga sostituito dalla dichiarazione di regolare esecuzione resa dal direttore dei lavori;
  • sostituita la lettera b) della norma, riproponendo la citata previsione - per cui per i menzionati interventi in zone sismiche il certificato di collaudo viene sostituito dalla dichiarazione di regolare esecuzione resa dal direttore dei lavori - con un nuovo comma 8-ter alla disposizione del T.U.;
  • novità anche al comma 7 dell'articolo 67, sopprimendo la previsione della triplice copia per il certificato di collaudo e prevedendo l'invio tramite posta elettronica certificata (PEC).

Denuncia dei lavori e presentazione dei progetti di costruzioni in zone sismiche

L'art.3 viene in pratica riscritto dalla lettera c):

  • il comma 3 novellato prevede - in linea con la previsione già vigente - che il contenuto minimo del progetto sia determinato dal competente ufficio tecnico della regione. In ogni caso il progetto deve essere esauriente per planimetria, piante, prospetti e sezioni, relazione tecnica, e, come aggiunto dalla citata lettera c), dagli altri elaborati previsti dalle norme tecniche, senza più prevedere il riferimento al fascicolo dei calcoli delle strutture portanti, sia in fondazione sia in elevazione, e ai disegni dei particolari esecutivi delle strutture;
  • il comma 4 novellato prevede che i progetti relativi ai lavori di costruzione in zone sismiche sono accompagnati - anziché da una relazione avente specifici ambiti di oggetto - da una dichiarazione del progettista che asseveri il rispetto delle norme tecniche per le costruzioni, la coerenza tra il progetto esecutivo riguardante le strutture e quello architettonico nonché il rispetto delle eventuali prescrizioni sismiche contenute negli strumenti di pianificazione urbanistica (la disposizione previgente prevedeva che al progetto fosse allegata una relazione sulla fondazione, nella quale illustrare i criteri seguiti nella scelta del tipo di fondazione, le ipotesi assunte, i calcoli svolti nei riguardi del complesso terreno-opera di fondazione);
  • il comma 5 novellato attribuisce, per tutti gli interventi, al preavviso scritto con il contestuale deposito del progetto e dell'asseverazione di cui al comma 4 validità anche agli effetti della denuncia dei lavori di cui all'articolo 65 del TU edilizia (novellato dalla lettera a)).

Interventi strutturali in zone sismiche

La lettera d) inserisce infine nel TU edilizia un nuovo articolo 94-bis che distingue - ai fini dell'applicazione delle disposizioni di cui a capi I, II e IV della parte seconda del TU edilizia - tra tre tipologie di interventi: 'rilevanti', 'di minore rilevanza' e interventi 'privi di rilevanza'.

Si prevede anche un termine per l'adozione delle linee guida (vedi infra, comma 2 del nuovo articolo 94-bis), stabilito in sessanta giorni dalla data di entrata in vigore della legge di conversione del decreto-legge; si espunge inoltre la previsione circa la possibile adozione - da parte delle Regioni, nelle more delle linee guida - di specifiche elencazioni, mentre resta la possibilità di confermare le disposizioni vigenti.

Con una ulteriore modifica, si è previsto che le elencazioni riconducibili alle categorie di interventi di minore rilevanza, ovvero privi di rilevanza, già deliberate dalle Regioni possono rientrare nelle medesime categorie di interventi di cui al comma 1, lettere b) e c) della norma.

LO SPECIALE DOSSIER DEL PARLAMENTO SULLE NUOVE NORME IN MATERIA DI COSTRUZIONI IN ZONE SISMICHE E' DISPONIBILE IN ALLEGATO



Il Magazine

Sfoglia l'ultimo numero della rivista Ingenio

Newsletter Ingeio

Seguici su