Edificio pluripiano in legno XLAM italiano per il Monash University a Melbourne

Legno italiano a Melbourne, il caso di Monash University

In Australia c’è una forte tendenza legata alla realizzazione di edifici pluripiano in legno con tipologia XLAM/Lamellare. In particolare molte di tali realizzazioni ospitano spazi commerciali, hotel e studentati. Il settore residenziale fino a 3-4 piani ad oggi è già costruito in legno però con tipologia a telaio leggero.

All’interno della presentazione l’esperienza tecnica affrontata per la progettazione e realizzazione del Monash University completato lo scorso Natale.

La descrizione del progetto architettonico: 5800 mq per uno studentato da 120 alloggi

Il progetto architettonico, realizzato da Jackson Clements Burrows Architects, prevedeva la realizzazione di uno studentato con 120 alloggi per studenti disposti su 4 piani ed un piano dedicato a spazi comuni per un totale di 5.800 mq circa. 

Rendering del Monash University

Rendering relativo al progetto architettonico

Questo progetto si prefigge di essere il primo edificio certificato passivo realizzato in Australia, in cui la progettazione dei dettagli costruttivi si è dimostrata essere molto importante e strategica.

Le aziende/società di progettazione presenti all’interno di questo progetto sono:

  • Committente: Monash University
  • Progetto architettonico: Jackson Clements Burrows Architects 
  • Ingegneria: AECOM
  • Progetto inserimento: GLAS Landscape Architecture
  • Costruttore: Multiplex

monash-university-2.JPG

Progettazione statica, costruttiva e di dettaglio

Ad occuparsi della progettazione costruttiva, un'azienda italiana, la XLAM Dolomiti (Gruppo Paterno), che partendo dal progetto statico già realizzato da AECOM, ha provveduto a progettare, produrre e spedire tutto il materiale in tempistiche molto ridotte. 

Le tempistiche prevedevano infatti 8 settimane per la progettazione e relativa conferma da parte della committenza, 4 settimane per l’inizio della produzione e 10 settimane per la produzione e spedizione di tutto il materiale ligneo.

Grazie all'ottimizzazione nella progettazione e alla forte ingegnerizzazione è stato possibile rispondere alle tempistiche e concludere l'intervento il giorno di Natale 2018.

monash-university-3.JPG 

Le richieste da parte del costruttore Multiplex, in fase di progetto, sono state:

  • Ottimizzazione strutturale
  • Ottimizzazione connessioni e relativi dettagli architettonici
  • Riduzione dei tempi di montaggio
  • Riduzione dei trasporti grazie ad una progettazione molto attenta alla parte logistica
  • Progetto di dettaglio per la tenuta all’aria e per l’acustica
  • Rispetto delle tempistiche

La progettazione generale dei fabbricati è stata effettuata con Sismicad, il software di calcolo strutturale prodotto da Concrete.

monash-university-4.JPG

Nell’immagine seguente si può osservare una tavola di montaggio intera e di seguito alcuni dettagli.

Tavola di montaggio relativa alle pareti del piano quinto

Tavola di montaggio relativa alle pareti del piano quinto

monash-university-6.JPG

 

 

Vista 3D relativa alle pareti del primo piano ed immagine di cantiere

Le rampe delle scale ed i relativi parapetti di contenimento sono stati prefabbricati intera-mente in Italia e spediti in container; di seguito qualche dettaglio e un’immagine di cantiere.

monash-university-7.JPG

Dettagli corpo scale ed immagine di cantiere al grezzo

monash-university-cantiere-0.JPG

Cantiere a settembre 2018

All'interno dell'articolo ulteriori dettagli e immagini del progetto


Il Magazine

Sfoglia l'ultimo numero della rivista Ingenio

Newsletter Ingeio

Seguici su