UniPV-IUSS: diplomata la prima laureata magistrale in “Civil Engineering”

16/07/2019 2183

Si è diplomata oggi 16 luglio 2019 presso il polo di Ingegneria dell’Università di Pavia la prima laureata magistrale in “Civil Engineering for Mitigation of Risk from Natural Hazard”.

Il corso di laurea magistrale in “Civil Engineering for Mitigation of Risk from Natural Hazard”.

Il corso di laurea magistrale, attivato dall’anno accademico 2017-2018, interamente in lingua inglese, è offerto congiuntamente dall’Università degli Studi di Pavia e dalla Scuola Universitaria Superiore IUSS Pavia. Il corso, concepito come percorso di alta qualificazione, è destinato a studenti italiani che mirano ad una preparazione aperta al mercato del lavoro europeo e mondiale e a studenti stranieri che vogliono avvicinarsi alla cultura tecnico-scientifica europea, in settori dell’ingegneria civile di grande rilevanza, in cui i due atenei pavesi e i centri di ricerca ad essi collegati (tra i quali le fondazioni EUCENTRE e GEM) presentano competenze riconosciute a livello internazionale. 

Il corso prevede due indirizzi, uno dedicato al rischio sismico ed uno ai rischi idrogeologici  e si basa su un’organizzazione particolare della didattica, che grazie all’erogazione di insegnamenti intensivi in sequenza, ciascuno della durata di circa un mese, consente il coinvolgimento nella docenza di accademici ed esperti stranieri di spicco. Nell’ultimo anno accademico infatti ben dodici sono stati i docenti esterni coinvolti negli insegnamenti del corso, di cui la metà provenienti da istituzioni estere. 

1-laureata-civil-risk.jpg

Margherita D’Ayala, la prima laureata 

La prima diplomata di questo corso di studio è Margherita D’Ayala, che ha svolto una tesi sulla mitigazione del rischio di frane indotte da precipitazioni intense. La tesi è stata sviluppata in gran parte durante uno stage in Norvegia presso il Norwegian Geotechnical Institute di Oslo. Relatori della tesi sono stati infatti la Prof.ssa Claudia Meisina del DISTA dell’Università di Pavia e Bjorn Kalsnes del NGI.   Gli studenti del corso di laurea magistrale hanno un intero semestre svincolato da impegni legati alle lezioni per lo sviluppo della tesi di laurea magistrale  che può essere svolta, oltre che presso i centri di ricerca dell’Università di Pavia e dello IUSS, anche presso enti, aziende e laboratori, in Italia o all’estero, convenzionati con gli atenei pavesi. 

Margherita D’Ayala, romana, ha conseguito nel 2017 la laurea triennale in Ingegneria per l’Ambiente e il Territorio all’università La Sapienza di Roma, e si è iscritta al corso di laurea magistrale a Pavia nel settembre dello stesso anno, conseguendo il titolo finale in meno di due anni dall’immatricolazione. Per il suo futuro Margherita intende proseguire gli studi in un dottorato di ricerca in ambito internazionale. Tra i corsi di dottorato da lei presi in considerazione c’è il dottorato in Understanding and Management of Extremes (UME) dello IUSS, a cui partecipa anche l’Università di Pavia. 

Particolarmente soddisfatti in questa occasione il presidente del Corso di Laurea Magistrale prof. Guido Magenes  e il vice-rettore dello IUSS Prof. Andrea Moro, che osserva: “Questo corso di laurea magistrale ha avviato una nuova sinergia tra IUSS e Università di Pavia per la creazione di titoli di studio congiunti a livello di lauree magistrali, rafforzando l’offerta del sistema universitario pavese nell’alta formazione e aprendo ulteriormente all’internazionalizzazione dei nostri atenei.”