3TI PROGETTI firma la nuova autostazione di Lignano Sabbiadoro

autostazione-lignano-sabbaidoro-2.jpg

È stata recentemente inaugurata la nuova stazione delle corriere a Lignano Sabbiadoro.

La nuova struttura, che si trova presso il Parkint Autoterminal, rappresenta un nuovo step per implementare lo sviluppo turistico dell’area. Quest’opera pubblica, infatti, apre una nuova via di accesso alla cittadina e aiuta i collegamenti con il resto del territorio regionale, in particolare con Latisana e la stazione ferroviaria.

Il progetto dell’autostazione è firmato da 3TI PROGETTI, uno dei principali player dell’ingegneria italiana, che ha ridisegnato e riqualificato un’area, quella del Parkint, da tempo abbandonata e inutilizzata.

Riqualificazione dell'area del Parkint: nasce il nuovo terminal per il servizio di trasporto pubblico

Il nuovo terminal di servizio per il trasporto pubblico si presenta oggi completamente riconfigurato: l’intero piazzale consente il transito e la sosta delle corriere con gli stalli per la sosta posizionati sul fronte libero che si attesta su via Amaranto e l’ingresso dei mezzi da via Latisana con uscita sulla stessa via Amaranto in direzione viale Centrale.

I locali accessori dell’autostazione prevedono un’area per la biglietteria e la sala d’attesa interna, di circa 73 mq, una loggia interna per l’attesa dei bus al coperto, grande circa 110 mq, oltre a servizi igienici per utenti e personale. L’area di attesa, inoltre, è dotata di biglietterie automatiche e food dispensers.

autostazione-lignano-sabbaidoro-1.jpg

Un’area commerciale di circa 165 mq, con relativi servizi igienici, completano la struttura e gli ambienti coperti residuali sono divenuti locali deposito a disposizione della società fornitrice dei servizi pubblici e potranno essere eventualmente impiegati nell’ipotesi di una futura espansione del polo bus.

L’area esterna si sviluppa con 10 piazzole di sosta per i bus oltre a uno spazio extra di fermata. Ognuna di queste piazzole insieme allo stallo dei pullman, hanno in dotazione una pensilina e sono illuminati da impianti pubblici e controllati da un sistema TVCC.

Nell’ottica di garantire il corretto interscambio fra veicoli e utenti il progetto realizzato consente di tenere separate le circolazioni in arrivo e in partenza sia dei veicoli che delle persone in modo che si evitino percorsi inutili e interferenze tra la circolazione degli utenti e quella degli autobus.

I 10 stalli hanno un’ampiezza di 3,50 m e sono inclinati di 45° sul fronte di via Amaranto sulla quale è prevista l’immissione in partenza su una corsia ad uso esclusivo in direzione viale Centrale mentre l’arrivo delle corriere all’autostazione si svolge da via Latisana.

La salita/discesa dei passeggeri è garantita da marciapiedi posti tra uno stallo e l’altro larghi 2 m e anch’essi inclinati. Questo schema permette la separazione tra le circolazioni dei veicoli in ingresso e quelle in uscita senza manovre di retromarcia.

Il progetto della pensilina dell’autostazione

La pensilina dell’autostazione, pur inserendosi in un progetto più ampio, rappresenta l’elemento “protagonista” della nuova struttura. La richiesta del committente, infatti, voleva un oggetto architettonico di pregio il cui valore formale e funzionale fosse chiaramente riconoscibile. 3TI Progetti, pertanto, ha previsto una pensilina unica con la classica forma ad “ali di gabbiano” reinterpretata in chiave contemporanea che ripara contestualmente banchina e stalli e che, seguendo l’inclinazione e il numero delle banchine, è inclinata e frazionata in 10 porzioni uguali ognuna delle quali è diventata un modulo indipendente di pensilina. È stato, quindi, scelto di ruotare di 90° la diposizione della pensilina, ponendo le “ali” in posizione trasversale rispetto alla direzione delle banchine e degli stalli dei pullman. Ogni banchina è il punto di appoggio per i soli due sostegni verticali delle pensiline, posizionati in modo tale da non ostacolare il transito e la sosta dei passeggeri. Le due “ali” convergono in una struttura reticolare posta a terminazione dei due pilastri e dalla quale le ali si sdoppiano. 

La struttura è composta da una fondazione realizzata mediante una soletta in cls di 35 cm di spessore posta longitudinalmente rispetto alla direzione delle banchine e quindi delle pensiline sovrastanti.

Sulla fondazione, collegata trasversalmente da travi, si innestano 4 pilastri tubolari in acciaio (profilo ø 219,1 e spessore 6,3 mm) accoppiati a due a due con un interesse di 7,05 metri che sorreggono una struttura composta da un’orditura principale e una secondaria con profili complanari HEB 180 (UPN 200 sul perimetro) irrigidita da controventi ·32mm, sulla quale sono alloggiati i pannelli di rivestimento in policarbonato, un materiale piuttosto economico, ma di grande impatto visivo. Questo materiale, all’occorrenza colorato e trasparente, non solo lascia trapelare la luce naturale, permettendo un utilizzo limitato dell’illuminazione artificiale, ma nelle ore notturne dà la possibilità di sviluppare un progetto illuminotecnico di grande valore architettonico. 

Lo scatolare nel quale convergono le ali, oltre ad avere la funzione di nascondere il punto di raccordo tra la reticolare e le braccia della pensilina, è anche l’elemento nel quale sono alloggiati i canali di scolo dell’acqua piovana, gli impianti e gli apparecchi illuminanti per l’illuminazione della banchina sottostante.