Biennale Internazionale Barbara Cappochin: allo studio austriaco Fasch&Fuchs Architekten il Premio 2019

La cerimonia di premiazione il 26 ottobre a Palazzo della Ragione Veneto

Sono stati resi noti i vincitori del Premio Internazionale di Architettura “Barbara Cappochin” che in questa nona edizione è stato assegnato al progetto “Federal School Aspern” dello studio viennese Fasch & Fuchs Architekten.

federal-school-aspern-fasch--fuchs-architekten_premio-barbara-cappochin-2019.jpg Photo from faschundfuchs.com

Particolarmente apprezzato dalla Giuria Internazionale, presieduta dall’architetto Ilaria Becco, membro del Consiglio Nazionale degli Architetti, Pianificatori, Paesaggisti e Conservatori il  progetto di questo complesso scolastico che traspone in modo coerente e funzionale l’esigenza della realizzazione di una scuola organizzata sui nuovi concetti educativi e modalità di apprendimento aperte basate sulle relazioni tra più classi.

“Cava Arcari” - lo spazio polifunzionale sui Colli Berici progettato da David Chipperfield vince il Premio Regionale alla Biennale Internazionale Barbara Cappochin

Vincitore del Premio Regionale destinato alle opere realizzate in Veneto è, invece, il progetto di riqualificazione della “Cava Arcari” sui Colli Berici dell’architetto David Chipperfield. Il progetto nasce dal vuoto e con piccoli interventi genera uno spazio polifunzionale che enfatizza il fascino e le caratteristiche del luogo definendo, in una dimensione poetica, un nuovo rapporto tra uomo e natura. Solo due i materiali utilizzati: la Pietra Bianca di Vicenza e lo specchio d’acqua che riflette le luci artificiali – sapientemente organizzate – sulle pareti e sul soffitto scolpiti dai tagli nella roccia.

Per la sezione internazionale la Giuria ha assegnato tre Menzioni d’Onore, rispettivamente: a “Botanical Art Biotop Water Garden” nella Prefettura di Tochigi in Giappone, progettato dallo studio dell’architetto Junya Ishigami + Associates, un “paesaggio naturale costruito” di rara bellezza e intensità; all’edificio residenziale “Brick Cave”, in un comune suburbano di Hanoi, in Vietnam, progettato dallo studio H&P Architects e alla “Bergkapelle Wirmboden” in Austria, progettata dallo studio austriaco Innauer Matt Architekten.

Per il Premio Regionale le Menzioni d’Onore sono andate al “Nuovo Polo Urbanistico dell’Università di Padova” progettato dal raggruppamento Progez Spa – Pooleng Srl – Manens Tifs Spa - Paolo Portoghesi ed a “Final Out Come – Amaa Workshop” ad Arzignano dello studio Amaa Collaborative Architecture Office for Research and Development.

E’ motivo di grande soddisfazione” -  ha commentato Giuseppe Cappochin, Presidente della Fondazione Barbara Cappochin e del Consiglio Nazionale degli Architetti, Pianificatori, Paesaggisti e Conservatori -  la conferma dell’interesse e del prestigio internazionale del Premio, testimoniato dalla partecipazione di opere, ultimate negli ultimi tre anni, provenienti da ben 34 Paesi di tutti i continenti, con la conferma della Spagna e del Giappone al secondo ed al terzo posto, dopo l’Italia, per numero di opere presentate”.

Premio Internazionale di Architettura "Barbara Capocchin"

Il Premio rappresenta uno degli eventi più importanti della Biennale Internazionale Barbara Cappochin che è promossa dalla Fondazione Barbara Cappochin e dall’Ordine degli Architetti P.P.C. della provincia di Padova, in collaborazione con l’Unione Internazionale degli Architetti (U.I.A.), il Consiglio degli Architetti d’Europa (C.A.E.) e con il Consiglio Nazionale degli Architetti P.P.C..

La cerimonia di premiazione avrà luogo il 26 ottobre, nell’ambito di tre giornate di eventi culturali a Palazzo della Ragione Veneto. Sempre il 26 ottobre, in via San Fermo, è programmata l’inaugurazione dei tradizionali “Tavoli dell’Architettura” sui quali saranno esposte le migliori opere selezionate dalla Giuria.

>>> Su www.bcbiennial.info le immagini dei progetti dei vincitori.

La Fondazione Barbara Cappochin ha il fine di mantenere vivo il ricordo di Barbara, giovane studentessa della facoltà di Architettura IUAV di Venezia, anche attraverso la promozione della qualità dell’architettura.