Progettare le schermature solari: perché, come e dove

esempio-schermatura-solare-polistudio-1.jpg

I fattori di progettazione delle schermature solari

Perché.

esempio-schermatura-solare-polistudio-2.jpg

Le schermature solari assolvono il compito di gestire e modulare le radiazioni solari che altrimenti entrerebbero senza controllo all’interno degli edifici, trasmettendo calore e sollecitazioni luminose.

Come.

Sin dall’antichità sistemi schermanti sono stati adottati al fine di controllare le radiazioni solari con un approccio più empirico che scientifico. Esempi sono i portici, i patii e i pergolati, che nel tempo sono diventati parte del linguaggio architettonico del contesto, in cui venivano utilizzati.

Dove.

Le schermature vanno poste nei punti deboli di scambio tra interno ed esterno dell’edificio. Nello specifico a protezione delle superfici vetrate, nella modalità più consona rispetto al tipo di radiazione solare. 

I sistemi schermanti

La progettazione di un edificio energeticamente efficiente ha l’obiettivo di assicurare il benessere fisico all’interno di un fabbricato. A tal fine è bene prestare attenzione alle componenti che intervengono nel bilancio energetico complessivo, ovvero all’involucro edilizio e all’efficienza dei vari sistemi impiantistici, garantendo la produzione di energia da fonti rinnovabili.

esempio-schermatura-solare-polistudio-3.jpg

Edificio Feltrinelli Porta Volta, Milano. Progettazione impiantistica Polistudio A.E.S.

I sistemi schermanti rientrano nel “componente” involucro e generalmente contribuiscono alla protezione delle superfici trasparenti dalle radiazioni solari. Senza entrare nello specifico delle radiazioni solari, i sistemi schermanti assolvono al compito di bloccare all’esterno dell’edificio le radiazioni che altrimenti generebbero calore che andrebbe poi abbattuto con sistemi di ventilazione o di raffrescamento, i quali portano ad un consumo di energia. Inoltre, i sistemi schermanti hanno il compito di bloccare le radiazioni solari senza però bloccare l’afflusso di luce all’interno degli ambienti.

Differenti tipologie di sistemi schermanti

 esempio-schermatura-solare-polistudio-7.jpg 

La prima macro-distinzione da effettuare è il loro posizionamento. Infatti, essi posso essere posti sul lato interno della vetrata, all’interno dell’intercapedine caratterizzante una vetrocamera o all’esterno della vetrata stessa.

Nonostante l’apporto comunque positivo degli ultimi due casi, i sistemi schermanti compiono il loro lavoro in maniera ottimale soltanto se posti all’esterno delle superfici trasparenti, così da bloccare le radiazioni solari senza che esse possano entrare in contatto con le superfici della vetrata, con conseguente conduzione di calore all’interno dei locali.

esempio-schermatura-solare-polistudio-5.jpg

Edificio direzionale - Bologna (BO) – Progettazione Polistudio A.E.S. Primo edificio in Italia certificato LEED® V4 Gold

I sistemi schermati con linguaggio architettonico

Nel linguaggio compositivo contemporaneo ha preso radicalmente piede, finalmente, l’integrazione dei sistemi funzionali agli aspetti formali tipici dell’architettura. Così come il fotovoltaico, anche le schermature solari sono diventate parte degli elementi costitutivi di un edificio; anzi in alcuni casi ne dettano il linguaggio principale. Parliamo di architetture che in maniera esplicita mostrano i propri organi funzionali come brise soleil fotovoltaici o lamelle orientabili. Entrando nella visione compositiva, l’elemento schermatura viene rivisto nella forma e nel materiale, dimostrando la propria appartenenza ad un territorio o linguaggio architettonico. Basti pensare alle schermature in legno o laterizio.

LEGGI anche l'articolo sulle "Schermature mobili in laterizio"

esempio-schermatura-solare-polistudio-6.jpg

Dove posizionare i sistemi schermanti

orientamento-schermatura-solare-polistudio-7.jpgLa scelta e il posizionamento dei sistemi schermanti derivano dall’analisi della carta del sole. Infatti, la posizione della fonte solare in relazione all’orientamento del fabbricato, all’ora e al giorno dell’anno, genera scelte differenti. In generale esistono software capaci di quantificare l’intensità, la direzione e le ore del giorno/anno, in cui ci sono i picchi di intensità.

Tuttavia, non bisogna dimenticare che la radiazione solare può giocare negativamente quando all’interno del fabbricato è già presente una temperatura elevata, ad esempio durante l’estate. Al contrario, può essere un’importante fonte di calore durante i mesi freddi dell’anno, garantendo così un apporto positivo.

LEGGI anche "L'orientamento ottimale di un edificio: meglio una casa esposta ad Est e Ovest o a Nord e Sud?"

Al fine di valutare un efficace posizionamento delle schermature, vanno valutate le condizioni geografiche e climatiche del territorio. Riassumendo, i principali fattori sono:

  • il percorso apparente del sole, la sua distanza angolare rispetto all’orizzonte, l’azimut e intensità in relazione al periodo dell’anno;
  • la radiazione solare rispetto all’orientamento del fabbricato e dei sui prospetti.

 La valutazione dell’intensità della radiazione solare è un processo molto laborioso che prende in considerazione molti fattori fisici. La stessa radiazione solare, appunto, è composta da una componente globale e da una componente diretta.

esempio-schermatura-solare-polistudio-9.jpg

esempio-schermatura-solare-polistudio-10.jpgIn genere, nel processo progettuale dei sistemi schermanti si segue un procedimento inverso: si parte dall’analisi del percorso apparente del sole durante l’anno e si evidenziano così i periodi di maggiore esposizione, analizzando i dati metereologici del sito e i valori di radiazione di giorni medi mensili. Per i periodi critici si evincono inclinazioni rispetto all’orizzonte e all’azimut. Grazie a questi dati, vengono dimensionati i dispositivi schermanti in maniera tale da poter creare una maschera schermante adeguata all’elemento o alla vetrata del fabbricato. Al fine di creare la maschera schermante possono utilizzarsi elementi orizzontali, verticali o una combinazione di essi.

In sintesi, si potrebbero delineare in questo modo le principali scelte progettuali legate all’orientamento del fabbricato:

  • Prediligere schermature verticali per i fronti est e ovest del fabbricato, che sono in genere i lati che subiscono le radiazioni solari nelle prime e nelle ultime ore della giornata, quando l’intensità non è massima e l’inclinazione rispetto all’orizzonte è limitata.
  • Prediligere schermature orizzontali per il fronte sud del fabbricato, che subisce la radiazione nelle ore centrali della giornata, quando l’intensità e l’inclinazione rispetto all’orizzonte è massima.
  • Prediligere schermature verticali per il fronte nord quando le radiazioni diffuse possono comportare problematiche di abbagliamento.

Queste scelte, però, vanno calibrate in relazione all’arco annuale e ai diversi apporti positivi che le radiazioni solari possono portare al bilancio energetico del fabbricato.

[...] continua la lettura nel PDF


Il Magazine

Sfoglia l'ultimo numero della rivista Ingenio

Newsletter Ingeio

Seguici su