Tecnologia SIMEM per il calcestruzzo precompresso per il Tunnel del Brennero

La galleria del Brennero: il tunnel ferroviario sotterraneo più lungo del mondo

Quando sarà completata nel 2025, la Galleria di base del Brennero (BBT) con i suoi 64 km sarà il tunnel ferroviario sotterraneo più lungo del mondo, passando al di sotto delle Alpi da Innsbruck (Austria) a Fortezza (Italia).

La galleria sarà il collegamento più importante nell’asse ferroviario ad alta capacità Berlino-Palermo, ed è stata concepita per dirottare il trasporto merci dalle strade alla ferrovia.

La Galleria di base del Brennero è finanziata dai capitali delle Reti Trans-Europee (TEN), con il supporto dell’Unione Europea. Il corridoio ferroviario pianeggiante attraverserà le Alpi alla base, con due gallerie parallele collegate a intervalli di 333 metri.

tecnologia-simem-per-il-calcestruzzo-per-il-tunnel-del-brennero-05.jpg

La linea passerà al di sotto del passo del Brennero (1371 metri) a un’altitudine di 794 metri – con una pendenza massima del 6.6/1000.Una volta completata, l’opera trasformerà la regione: si alleggerirà il traffico e si ridurrà significativamente l'inquinamento in valle dato dai mezzi pesanti.

La galleria permetterà il passaggio anche di treni passeggeri ad alta velocità e questo contribuirà anche allo sviluppo economico dell'area.

Visto che il miglioramento del commercio transnazionale e il turismo della regione alpina dipenderà anche da una linea ferroviaria efficiente, gli occhi sono puntati sul consorzio che realizza l’opera e anche su ISOCELL PRECOMPRESSI SpA che è impegnata nella costruzione del lato italiano della galleria.

L’azienda italiana sta producendo i segmenti di tunnel prefabbricati che costituiscono la parte portante della struttura. Sono infatti gli anelli di rivestimento interno in calcestruzzo che costituiscono lo "scheletro" della galleria.

I tunnel supportano enormi quantità di peso, quindi il calcestruzzo che forma i rivestimenti deve avere uno standard elevato di qualità assoluta e di costanza della qualità.

Questo calcestruzzo deve anche essere prodotto e utilizzato con ritmi serrati per rispettare le tempistiche di produzione e le scadenze imposte per le consegne dei pezzi.

La necessità di disporre di ingenti quantitativi di calcestruzzo di qualità ha indotto ISOCELL a scegliere SIMEM SpA come partner per l'impianto di betonaggio.

tecnologia-simem-per-il-calcestruzzo-per-il-tunnel-del-brennero-04.jpg

ISOCELL ha riconosciuto in questo produttore di sistemi per la produzione di calcestruzzo, un’azienda in grado soddisfare pienamente i requisiti di un progetto che richiede elevate prestazioni.

"Abbiamo effettuato una lunga selezione perché la stazione di produzione di calcestruzzo è di cruciale importanza e ci siamo resi conto fin da subito che dovevamo avere un partner abituato a lavorare su grandi progetti", ha affermato Francesco Losciuto, uno dei proprietari e direttore generale di ISOCELL PRECOMPRESSI SpA. "Alla fine, abbiamo convenuto che SIMEM SpA sarebbe stata in grado di rispettare i tempi di consegna, le esigenze della costruzione e avrebbe anche potuto essere in sito in tempi rapidi se ce ne fosse stato bisogno."

Tunnel del Brennero: Grande progetto, grandi responsabilità

Il progetto prevede essenzialmente la costruzione di un grande anello di calcestruzzo, un rivestimento prefabbricato che deve soddisfare i requisiti di costruzione specifici del progetto della galleria.

Subito dopo aver scavato il terreno e la roccia, la talpa meccanica TBM consente di installare un gruppo di segmenti di calcestruzzo prefabbricati per formare un anello.

L'installazione e il collegamento continui di questi anelli a segmenti creano il rivestimento del tunnel.

Il rivestimento funge da cuscinetto di supporto, mantiene in posizione il terreno intorno e controlla le acque sotterranee e funziona anche da base di supporto per l'installazione della linea ferroviaria.

Si stima che ogni giorno passeranno nel tunnel 320 treni merci e 80 treni passeggeri, collegando merci e persone tra Germania, Austria e Italia. Quindi la sicurezza è fondamentale. Gli standard di costruzione l’opera, che costerà 8 miliardi di euro (8,9 miliardi di dollari americani), sono probabilmente più alti di molti altri progetti di mobilità pubblica.

tecnologia-simem-per-il-calcestruzzo-per-il-tunnel-del-brennero-03.jpg

ISOCELL sa di essere sotto i riflettori visto il ruolo che riveste nel progetto. "La qualità del nostro lavoro coinvolge molti aspetti", ha affermato Losciuto. “La qualità complessiva del lavoro dipende da molti fattori, ma l'elemento principale è la resistenza del calcestruzzo. È assolutamente la parte più importante del lavoro, specialmente per un progetto di così alto profilo.”

IL VIDEO: La città dei conci - Hinterrigger

ISOCELL aveva lavorato con un altro fornitore di impianti di betonaggio su altri progetti, ma le necessità del BBT hanno spinto a cercare un nuovo partner. "Non abbiamo mai avuto problemi con i fornitori di impianti di betonaggio che abbiamo usato fino ad oggi, ma abbiamo ritenuto che non questi avessero la struttura organizzativa adatta a sostenere un progetto così importante come la Galleria di Base del Brennero", ha detto Losciuto. "SIMEM è stata la scelta migliore."

Processo produttivo: Aumento della quantità direttamente sul posto di lavoro

Negli impianti di prefabbricazione in funzione ISOCELL aveva a disposizione tre impianti di produzione di calcestruzzo che producevano in media 500 metri cubi di calcestruzzo al giorno.

Il progetto del BBT ha richiesto una produzione giornaliera di calcestruzzo almeno due volte superiore. "Questo fa capire le dimensioni e l'importanza di questo progetto e l'immensa produzione di calcestruzzo che deve essere fornita dall'impianto ", ha detto Losciuto.

Due impianti di calcestruzzo prefabbricato SIMEM installati vicino al cantiere del BBT, producono per ISOCELL circa 800-1000 metri cubi di calcestruzzo al giorno.

tecnologia-simem-per-il-calcestruzzo-per-il-tunnel-del-brennero-02.jpg

Ogni impianto di betonaggio è dotato di due mixer, per un totale di quattro mixer a disposizione di ISOCELL. Gli impianti di betonaggio hanno una capacità di produzione fino a 2.000 metri cubi e possono scaricare simultaneamente in due autobetoniere differenti.

La velocità e la capacità degli impianti di betonaggio consentono alle cinque betoniere di ISOCELL di trasportare e di consegnare rapidamente il calcestruzzo nelle linee di produzione dei vari segmenti del tunnel.

"Grazie a SIMEM, non perdiamo tempo", ha detto Losciuto. “Tutte le linee di produzione sono servite dalle autobetoniere in modo tempestivo e efficiente e se mai ci fosse un problema con un mixer, gli altri tre potrebbero comunque fornire la quantità di calcestruzzo necessaria”.

SIMEM: Un partner che garantisce il successo

ISOCELL non aveva solo bisogno di aumentare la produzione di calcestruzzo, ha cercato anche un partner che garantisse un altissimo standard di  qualità, e anche in questo caso SIMEM è riuscita a soddisfare le aspettative di ISOCELL.

"La qualità del calcestruzzo è importante per qualsiasi progetto", ha affermato Losciuto. “Ciò che differisce qui è il controllo e la tracciabilità totale richiesti per questo particolare lavoro. Per ogni impasto di calcestruzzo utilizzato sulla Galleria di base del Brennero, dobbiamo documentare e dimostrare la perfetta conformità agli standard e alle normative. Con l'automazione dell'impianto di betonaggio Simem@tic 3.0, in combinazione con un sistema di gestione dei processi, ogni singolo dettaglio è sotto controllo ed è documentato. La tracciabilità completa garantita nel processo di produzione è migliore che in qualsiasi altro progetto su cui abbiamo lavorato".

tecnologia-simem-per-il-calcestruzzo-per-il-tunnel-del-brennero-01.jpg

È probabile che un progetto delle dimensioni del BBT possa esporre a errori e aumento di costi, ma ISOCELL confida che il lavoro si svolgerà secondo le tempistiche definite e nei limiti del budget grazie alla possibilità di controllare totalmente il processo di produzione del calcestruzzo. Losciuto ha aggiunto: "Rispetto a tutti gli impianti di betonaggio che stiamo utilizzando, gli impianti SIMEM sono sicuramente i migliori per efficienza e controllo."

Le aspettative per la Galleria di Base del Brennero sono molto alte.

La congestione del traffico soffoca le Alpi da anni e non può esserci nessun miglioramento senza la galleria. L’apertura completa è prevista entro il 2026 e questo migliorerà nettamente il flusso di merci e di treni passeggeri. Ma questo è il futuro. Per ora, il lavoro continua ad un ritmo frenetico. ISOCELL soddisferà i requisiti del progetto e, soprattutto la necessità di consegnare in galleria i rivestimenti prefabbricati adeguati.

"Se falliamo qui, falliamo come organizzazione ... e il fallimento non è una possibilità contemplata", ha detto Losciuto. "Grazie alla nostra partnership con SIMEM, siamo certi che non falliremo."