Ecobonus e Bonus Ristrutturazioni edilizie anche per chi compra casa dall'impresa? Il chiarimento del Fisco

Agenzia delle Entrate: le imprese possono usufruire dell’ecobonus solo per gli interventi di efficientamento energetico effettuati sui fabbricati strumentali utilizzati nell’esercizio dell’attività imprenditoriale e non anche ai beni merce, cioè "beni alla cui produzione o al cui scambio è diretta l’attività d’impresa"

bonus2.jpg

Se acquisto un appartamento da una società che, nell’ambito della dismissione dell’intero palazzo, aveva effettuato interventi di riqualificazione delle parti comuni (sostituzione della caldaia e tinteggiatura dei vani scala) senza però chiedere le detrazioni fiscali, con pagamento effettuato tramite bonifico ordinario, posso beneficiare dell'ecobonus o del bonus ristrutturazioni?

All'interessante domanda ha risposto l'Agenzia delle Entrate nell'interpello 313/2019, che di fatto chiarisce se chi acquista un immobile da un’impresa può usufruire dell’ecobonus o del bonus ristrutturazioni per i lavori da essa effettuati prima della compravendita.

La risposta però non è univoca, ovverosia dipende da diversi fattori.

Ecobonus e Bonus ristrutturazioni: chi ne ha diritto?

E' evidente - si legge nella risposta - che la sostituzione della caldaia rientri tra gli interventi di riqualificazione energetica che possono accedere all’ecobonus, mentre la tinteggiatura delle parti comuni dell’edificio tra i lavori di recupero che danno diritto al bonus ristrutturazioni.
 
La normativa sull’argomento prevede che, in caso di vendita dell’unità immobiliare sulla quale sono stati realizzati interventi di recupero, la detrazione non utilizzata in tutto o in parte è trasferita all’acquirente per i rimanenti periodi di imposta.
 
Tuttavia:

  • le imprese possono usufruire dell’ecobonus solo per gli interventi di efficientamento energetico effettuati sui fabbricati strumentali utilizzati nell’esercizio dell’attività imprenditoriale e non anche ai beni merce, cioè “beni alla cui produzione o al cui scambio è diretta l’attività d’impresa”;
  • possono ottenere il bonus ristrutturazioni i contribuenti assoggettati ad Irpef, residenti o meno nel territorio dello Stato. Nel caso in questione, la società che aveva effettuato i lavori era soggetta ad Ires e non ad Irpef. Quindi, un’impresa non può beneficiare della detrazione fiscale né trasferirla all’acquirente.