Processo esecutivo per garantire la durabilità e la sicurezza delle strutture in calcestruzzo armato

La fase delicata della costruzione dell’opera passa sempre attraverso un’analisi preliminare del capitolato e degli elaborati grafici ad esso collegati, sia da parte della Direzione Lavori che da parte dell’Impresa esecutrice. Nessuno degli attori in gioco può sottrarsi dallo studio preventivo delle documentazioni fornite dal Progettista.

Dopo aver appurato che prescrizioni di capitolato e disegni esecutivi siano corretti e conformi a quanto previsto dal D.M. 14.01.2008 “Norme Tecniche per le Costruzioni” e dalle norme ad esso collegate, si può procedere con le operazioni di cantiere incominciando dalla scelta dei fornitori, e, nel caso specifico delle costruzioni in calcestruzzo armato, dei produttori di acciaio da c.a., di armature e di calcestruzzo.

Inoltre non va mai dimenticato che è sempre opportuno verificare la corrispondenza tra quanto prescritto nelle voci di capitolato e quanto riportato negli elaborati grafici. Quindi un corretto processo progettuale ed esecutivo deve passare, per forza, attraverso le seguenti fasi:

  1. Prescrizioni di capitolato per gli ingredienti, il calcestruzzo, l’acciaio da c.A., Le armature e la struttura
  2. Controllo delle prescrizioni e selezione dei fornitori
  3. Posa in opera: sequenza delle operazioni e controlli
  4. Stagionatura
  5. Disarmo

 

Processo esecutivo per garantire la durabilità e la sicurezza delle strutture in calcestruzzo armato

Le imprese devono quindi attenersi alle indicazioni fornite dal Progettista e dalla Direzione Lavori per quanto concerne l’impiego di materiali e sistemi costruttivi.

Per quanto riguarda il calcestruzzo devono individuare e specificare nell’ordine non solo le classi di esposizione e le classi di resistenza, ma anche la classe di consistenza e la dimensione massima dell’aggregato, prescrizioni che il progettista deve obbligatoriamente indicare negli elaborati di progetto. Oltre alle caratteristiche del calcestruzzo le Norme Tecniche per le Costruzioni richiedono tra le specifiche progettuali anche quelle relative all’esecuzione delle opere. Utili indicazioni, a tale scopo, vengono fornite dalle Linee Guida del Consiglio Superiore dei Lavori Pubblici sulla messa in opera del calcestruzzo strutturale (ed. febbraio 2008).

 

Segue in ALLEGATO