Ponte del Mare: quando un design innovativo si fonde alla tecnologia e al contesto urbano

PONTE DEL MARE a Pescara

Il Ponte del Mare è una passerella ciclo-pedonale che collega la riviera Sud (lungomare Papa Giovanni XXIII) con quella Nord (rotonda della Madonnina) del fiume Pescara, permettendo di creare la necessaria continuità al Corridoio Verde Adriatico: la pista ciclabile che corre lungo tutta la costiera adriatica da Ravenna a Santa Maria di Leuca.

Architetture infrastrutturali: forma e design per un ponte ciclopedonale sul fiume Pescara

Il Ponte del Mare, esclusivamente ciclopedonale, muove verso una mentalità ecologica, andando incontro alle necessità di sicurezza e di spazi dedicati a chi ama spostarsi a piedi o in bicicletta e spingendo, in tal modo, la città abruzzese a vivacizzare la sua anima turistica.

PONTE DEL MARE a Pescara, la planimetria

Planimetria generale di inquadramento

Riportato come caso studio all’interno di due conferenze scientifiche (Oporto e Bangkok) in riferimento ai temi della coerenza d’insieme tra concezione progettuale ed opera finita, tra fattibilità tecnica e durabilità dell’opera, il progetto è stato affrontato ponendo particolare attenzione allo studio della forma, alla scelta dei materiali, alla percezione del manufatto, all’analisi dell’inserimento della struttura nel contesto ambientale e storico, alla tecnologia ed ai costi di realizzazione.

PONTE DEL MARE: lo schema di viabilità

Sulla scia della generazione dei ponti strallati

Espressione di un linguaggio architettonico innovativo, si colloca nella nuova generazione di ponti strallati; ciò comporta la particolarità di avere un impalcato sempre in pendenza,nel quale quello della rampa pedonale non supera il valore dell'8%, accessibile a tutti e, come previsto dalla normativa, con piazzole di sosta in piano ogni 10 m; la parte ciclabile ha invece una pendenza media del 7%.

Ponte del Mare

L’opera si colloca nella tipologia dei ponti strallati, disegnando linee fluenti e spaziali, con i quasi 466 m di lunghezza tra le spalle.

I due percorsi separati, uno ciclabile lungo 440,72 m e largo 4,20 m (con 172 m di impalcato sospeso) e l’altro pedonale, lungo 465,60 m e largo 3,20 m (di cui 148,00 m sospesi), confluiscono gradualmente alle estremità in un percorso unico di larghezza variabile da 5,95 m a 7,42 m.

ponte-acciaio-pescara-5.JPGLa passerella presenta una struttura metallica reticolare tridimensionale con profili aperti imbullonati, sospesa ad un’antenna centrale, quest’ultima collegata ad una fune primaria, leggermente inclinata ed alta 50,00 m.

ponte-acciaio-pescara-6.JPG

All’antenna convergono e sono fissati i tiranti secondari che sostengono e bilanciano i due rami separati dell’impalcato, creando due fusi conici. La struttura portante dei due impalcati è in acciaio con getto collaborante ed è protetta all’esterno con rivestimenti metallici. La tecnica costruttiva scelta permette di minimizzare le oscillazioni del ponte, leggero ed a grande luce, eliminando anche le torsioni della sezione.

Ponte del Mare

Dati Tecnici

Schema statico Strallato e trave continua 
Campate 8 campate di luce variabile Luce totale Percorso ciclabile: 440 m 
Percorso pedonale: 465 m 
Luce max Percorso ciclabile: 148 m - Percorso pedonale: 172 m 
Impalcato - Parte sospesa: reticolare tridimensionale con profili aperti imbullonati in acciaio - Tratti di estremità: struttura mista acciaio-cls 
Larghezza: tratto ciclabile 4,20 m, tratto pedonale 3,20 m, tratto ciclo-pedonale 5,95 ÷ 7,42 m 
Altezza antenna 50 m 

Credits

Nome opera Ponte sul mare
Luogo Pescara (PE)
Anno costruzione 2009
Committenza Comune di Pescara
Progetto esecutivo Studio De Miranda Associati
Analisi strutturale Ing. Thomas Dusatti - Delta Ingegneria; geotecnica e fondazioni: Ing. Bruno Bianco - Studio IGM Imprese ATI MosPeCa, De Cesaris, Solisonda
Costruttore metallico PICHLER Projects srl
Fotografie Oskar Da Riz, PICHLER Projects srl
Costo complessivo opera: 6.500.000 euro ca.

[..] continua la lettura nel pdf


Si ringrazia Fondazione Promozione Acciaio per la gentile collaborazione