Ruregold pubblica la "Guida ai materiali FRCM per il rinforzo delle strutture in c.a. e muratura"

Una guida per promuovere la cultura tecnica nell'uso di materiali compositi nell'edilizia e nelle infrastrutture

Ruregold promuove la cultura tecnica e l’aggiornamento professionale in tema di materiali compositi FRCM (Fiber Reinforced Cementitious Matrix) per i progetti e gli interventi di consolidamento e rinforzo strutturale.

Ruregold è specializzata nel settore della ricostruzione edile con soluzioni per il rinforzo delle strutture in calcestruzzo e muratura, con particolare focalizzazione sulle innovative soluzioni FRCM (Fiber Reinforced Cementitious Matrix) costituite da fibre lunghe in PBO e carbonio ad elevata resistenza a trazione non soggette a corrosione, annegate in una speciale matrice inorganica capace di garantirne l’aderenza con il supporto. La recente acquisizione da parte della Laterlite SpA ha dato nuovo impulso alle attività di comunicazione e divulgazione, per una sempre più consapevole e diffusa cultura dell’uso di materiali compositi nell’edilizia e nelle infrastrutture.

ruregold_guida-ai-materiali-frcm_1.jpg

Nell'ottica di promuovere una sempre maggiore conoscenza di tali materiali e delle relative metodologie di progettazione e di intervento, che ad oggi rappresentano una delle più efficaci e avanzate soluzioni per il ripristino funzionale di strutture di varia tipologia, Ruregold ha pubblicato la "Guida ai materiali FRCM per il rinforzo delle strutture in c.a. e muratura", firmata dall'ingegner Antonio Trimboli, libero professionista ed esperto del settore.

L'obiettivo dell'opera, distribuita su richiesta e nell'ambito dei corsi di aggiornamento che Ruregold organizza periodicamente in collaborazione con gli Ordini professionali delle diverse Provincie italiane, è quello di facilitare la comprensione delle norme di calcolo dei materiali compositi e di spiegare i criteri di dimensionamento e progettazione dei rinforzi strutturali in FRCM con un utile riassunto delle formule di calcolo dei rinforzi più comuni.

I contenuti della "Guida ai materiali FRCM per il rinforzo delle strutture in c.a. e muratura"

Parallelamente, il volume si propone di offrire un richiamo sintetico dei criteri sottesi a un intervento su un manufatto esistente, che si differenzia in misura sostanziale rispetto alla realizzazione di una nuova costruzione e in particolare presuppone una attenta fase di diagnosi, non limitata alle sole caratteristiche meccaniche dei materiali esistenti ma estesa anche agli aspetti concettuali dell'opera, indispensabile per una corretta scelta del sistema di rinforzo più appropriato.

Il manuale si apre con un breve excursus sullo sviluppo dei materiali FRP (Fiber Reinforced Polymers), evoluzione del cosiddetto beton plaqué, le cui prime applicazioni per il rinforzo di elementi strutturali risalgono ormai agli anni Ottanta del secolo scorso, per poi arrivare all'avvento dei materiali di rinforzo FRCM (Fiber Reinforced Cementitious matrix) nel 2001, quando vengono brevettati i primi sistemi di rinforzo di questo tipo sviluppati nei laboratori Ruregold, che oggi offre prodotti per il rinforzo strutturale FRP in Carbonio, FRCM in Carbonio, FRCM in PBO.

In analogia a quanto accaduto con il calcestruzzo armato, anche per i materiali compositi le prime applicazioni sono state eseguite facendo riferimento allo stato delle conoscenze tecniche del tempo, sia per il dimensionamento che per la messa in opera, e soltanto dopo qualche anno sono comparse le prime normative tecniche ufficiali. Oggi tecnici e maestranze che utilizzano i materiali compositi per rinforzare strutture esistenti possono fare riferimento a norme ufficiali per rinforzi con materiali compositi - per gli FRP già dal 1997, per gli FRCM dal 2013 - che hanno dato un importante impulso alla diffusione di queste tecnologie. Fondamentale rimane tuttavia un corretto approccio metodologico all'intervento, cui il volume dedica un approfondito capitolo focalizzato su aspetti quali campagne diagnostiche, valutazione della sicurezza strutturale del manufatto, tecniche di rinforzo di elementi in calcestruzzo armato e di elementi in muratura e criteri di scelta delle stesse.

L’approfondita conoscenza dei materiali e soluzioni utilizzabili in tali ambiti è un requisito essenziale per progetti di questo tipo. Anche all'interno della stessa tipologia di lavori, infatti, possono presentarsi marcate differenze, in particolare per quanto riguarda caratteristiche meccaniche quali resistenza a trazione e modulo elastico, e di conseguenza influire sulla scelta dei parametri da utilizzare in sede di calcolo. Per questo motivo la guida si sofferma con particolare attenzione sulle norme di calcolo dei materiali compositi focalizzando l'attenzione sui concetti sui quali sono basati gli algoritmi di calcolo in modo da facilitarne la piena comprensione. Dai criteri di dimensionamento all'analisi delle fasi esecutive dell'intervento di rinforzo, l'opera si propone di guidare il professionista a un corretto ed efficace utilizzo di tali tecniche e materiali, presupposto per un intervento funzionale in grado di durare nel tempo e assicurare l'integrale ripristino delle proprietà statiche e meccaniche delle strutture.

La nuova guida Ruregold è un supporto ai progettisti che va ad affiancarsi al servizio tecnico e di calcolo personalizzato messo a disposizione da Ruregold per i professionisti del rinforzo strutturale.

>>> SCARICA ORA il MANUALE di RUREGOLD <<<
Guida ai materiali FRCM per il rinforzo delle strutture in c.a. e muratura

Scopri le soluzioni per il rinforzo delle strutture in c.a. e muratura su ruregold.it