Edifici in zone tutelate: ecco la nuova regola tecnica verticale antincendio

Progettazione Antincendio: la nuova RTV per le attività in edifici tutelati non si applica a musei, gallerie, esposizioni, mostre, biblioteche e archivi che possiedono una propria RTV

incendio-edifici-700.JPG

Il Comitato Centrale Tecnico Scientifico del corpo nazionale dei vigili del fuoco (CCTS) ha presentato, in data 11 dicembre 2019, la nuova regola tecnica verticale per la progettazione della prevenzione incendi per attività in edifici tutelati.

La nuova regola:

  • si applicherà agli edifici sottoposti a tutela ai sensi del d.lgs 42/2004, aperti al pubblico, contenenti una o più attività soggette al dpr 151/2011;
  • non si applica a musei, gallerie, esposizioni, mostre, biblioteche e archivi che sono oggetto di una diversa RTV, già approvata dal CCTS.

Progettazione antincendio edifici tutelati: le principali novità

  • gestione della sicurezza antincendio: devono essere garantiti requisiti specifici (es. frequenza delle prove di attuazione del piano di emergenza, che non deve essere inferiore a 3 volte l’anno);
  • presenza di cantieri temporanei e mobili: il responsabile dell’attività integra il piano per il mantenimento del livello di sicurezza antincendio verificando l’osservanza delle misure di prevenzione incendi da parte delle ditte appaltatrici, dei fornitori e di tutto il personale esterno che, a vario titolo, opera all’interno dell’edificio;
  • predisposizione di un apposito PEEP (piano di emergenza ed evacuazione personalizzato) nelle attività in cui siano presenti o siano state preventivamente segnalate persone che non possono uscire autonomamente dall’edificio.

LA BOZZA DI RTV PER GLI EDIFICI TUTELATI E' SCARICABILE IN FORMATO PDF


Il Magazine

Sfoglia l'ultimo numero della rivista Ingenio

Newsletter Ingeio

Seguici su