Sicurezza dei ponti: nuova informativa CNI sulle linee guida in arrivo

CNI: le Linee guida per la sicurezza strutturale dei ponti sono state redatte nel rispetto delle prescrizioni date dalle NTC 2018 e dalla Circolare 2019 che dedica il capitolo C.8.8 ai ponti esistenti

viadotto-favazzina.JPG

Il Consiglio nazionale degli Ingegneri, in una informativa contenuta nella circolare n. 476/XIX Sess./2020, ha reso noto che sta lavorando, assieme al Consiglio Superiore dei Lavori Pubblici, al processo di presentazione delle Linee Guida per il monitoraggio, la valutazione della sicurezza strutturale e la classificazione del rischio dei ponti esistenti.

La data di presentazione all'Assemblea Generale è fissata per il mese di febbraio secondo un calendario molto intenso, con tempi serrati dettati direttamente dal MIT. Si tratta di un documento di grande importanza strutturato in tre parti:

  1. Censimento e classificazione del rischio;
  2. Valutazione della sicurezza;
  3. Monitoraggio.

Le linee guida sono state redatte nel rispetto delle prescrizioni date dalle NTC 2018 e dalla Circolare 2019 che dedica il capitolo C.8.8 ai ponti esistenti.

L'elevato numero dei ponti da censire - si legge nell'informativa - richiederà processi di sussidiarietà che interesseranno certamente gli ingegneri iscritti negli Ordini provinciali; il CNI è quindi impegnato a riprendere e portare a compimento il processo, iniziato con la Struttura di Missione del MIT, per l'attivazione di una convenzione con ANSFISA (Agenzia Nazionale per la sicurezza delle Ferrovie e delle Infrastrutture stradali ed Autostradali) che regoli le ispezioni utili al censimento e classificazione del rischio.

In questa convenzione saranno messi a fuoco anche i processi formativi che il CNI si impegnerà a mettere in essere per garantire la preparazione dei soggetti che si occuperanno di dette ispezioni.

Per disposizione del Ministero il testo delle Linee Guida non può essere ancora distribuito.

L'INFORMATIVA INTEGRALE DEL CNI E' SCARICABILE IN FORMATO PDF