Cubetti in Calcestruzzo: un tutorial di Atecap su come farli

05/02/2020 2455

Un tutorial per fare bene i cubetti

Nell'era del web 2.0 la conoscenza passa per YouTube e più precisamente per i video tutorial, pillole di sapere completamente gratuite e veloci da ingerire. L'Atecap ha realizzato un video tutorial sul confezionamento dei provini cubici rappresentativi di una fornitura di calcestruzzo in cantiere. Il video è disponibile sul canale YouTube dell'Associazione a questo link.

«Un cubetto non può mai dare di più del dovuto, ma può dare molto di meno». Questa la frase in chiusura del video che riassume il senso di un tutorial per illustrare la corretta esecuzione del prelievo di calcestruzzo e del corretto confezionamento del provino cubico da inviare al laboratorio.

Prove su cubetti in calcestruzzo: chiarimenti del CS LLPP sul limite dei 45 giorni dal getto

Ancora oggi resta una fase critica ai fini dell'esito delle prove, in cui conta l'adeguata competenza dell'operatore, fase che, spesso, rappresenta la genesi di futuri contenziosi tra impresa e produttore di calcestruzzo. Nonostante sia un'attività relativamente semplice, necessita di alcune attenzioni esecutive e di utilizzare gli strumenti adatti per raggiungere al meglio l'obiettivo di verificare la soddisfazione della richiesta di resistenza a 28 giorni. 

Il confezionamento dei provini cubici

Nel video vengono ripercorse le corrette operazioni per realizzare un cubetto rappresentativo da utilizzare in molti tipi di prova. Viene descritto come un campionamento di calcestruzzo fresco in cantiere debba sempre avvenire mentre l'autobetoniera sta scaricando, sottolineando due errori comuni che influiscono negativamente sulle resistenze, ovvero che il calcestruzzo non deve mai essere prelevato dall'opera dopo essere stato gettato e che le cubiere non devono mai essere riempite mettendole direttamente sotto la canala durante lo scarico. 

Prima di iniziare lo scarico in cantiere, l'autobetoniera deve omogeneizzare il calcestruzzo al massimo dei giri per qualche minuto ed è anche una buona abitudine quella di evitare di campionare il calcestruzzo nella primissima parte e nell'ultimissima dello scarico, spesso sono poco rappresentative del calcestruzzo fornito. 

È sempre consigliabile rimescolare e omogeneizzare il calcestruzzo campionato prima di iniziare il confezionamento dei provini, riempiendo poi la cubiera in tre strati, ciascuno dei quali da compattare per far uscire l'aria contenuta. Confezionato il cubetto va compilato verbale e cartellino, collocando quest'ultimo sulla parte superiore del provino e proteggendo il cubetto dalle intemperie col suo tappo. 

Viene infine accennato allo stadio di maturazione del cubetto e dunque alla sua corretta conservazione in vasca di maturazione o camera umida. Seguendo tutte queste indicazioni e operando correttamente il cubetto raggiungerà i valori di resistenza propria del calcestruzzo campionato. 

Gli uffici dell'Atecap sono disponibili per ulteriori informazioni.