Edifici storici in calcestruzzo armato in zona sismica: valutazione delle risorse - E9

Memoria tratta dagli atti del XV Convegno ANIDIS - Padova 30 giugno-4 luglio 2013

Le strutture in calcestruzzo armato non duttile, costruite in zona sismica prima dell’introduzione della relativa norma, sono una importante componente del patrimonio edilizio italiano e ne condizionano la vulnerabilità. Tra questi edifici si collocano anche casi che, per le loro caratteristiche architettoniche e storiche, sono considerati di interesse quali beni culturali e, come tali, presentano particolarità sia per la valutazione della vulnerabilità sismica sia, soprattutto, per l’individuazione di eventuali interventi di miglioramento sismico. Il lavoro esamina il caso della torre Velasca di Milano. I dati disponibili hanno consentito di svolgere analisi comparative per i carichi e per le forze orizzontali considerati nel progetto e per quelli attualmente indicati dalle normative. L’analisi sismica spettrale ha fornito una prima valutazione della sua adeguatezza per il livello di sismicità ora riconosciuto al sito e ha permesso di esprimere alcune osservazioni di carattere generale sulla considerazione degli edifici storici in calcestruzzo armato in zona sismica.

Di questa memoria è possibile scaricare il pdf completo.

Il Magazine

Sfoglia l'ultimo numero della rivista Ingenio

Newsletter Ingeio

Seguici su