Allarme Coronavirus. Ordini, UNI, Associazioni, Fiere, formazione ... stop riunioni

19 febbraio 2020: questa data rimarrà segnata nella mia testa per molto tempo. 1, 2, 5, 50 casi di contagiati dal coronavirus, a sud di Milano, ad est di Padova, poi a Milano, poi a Torino, poi ... e nel frattempo sono i primi due decessi causati dal COVID-19. E mentre sigilliamo Codogno continuiamo a organizzare incontri, riunioni, eventi con persone che vengono da tutta italia, continuiamo a comportarci come se nulla fosse. Non è allarmismo, è senso di responsabilità di prendere, ora, una decisione importante. Cambiamo subito stile di vita, cambiamo subito l'organizzazione delle relazioni tecniche. Cambiamo subito l'organizzazione delle nostre fabbriche.

roberto-burioni-virologo-come-fermare-il-coronavirus.jpg

Il virologo Roberto Burioni ce lo ha detto più volte, l'unica azione è la prevenzione. "Nelle prossime ore è inevitabile che il numero dei soggetti trovati positivi al nuovo coronavirus aumenterà, Perché diciamo questo? Per due ordini di motivi. Il primo è che ormai sappiamo quanto Sars-CoV-2 sia infettivo. Sappiamo inoltre anche quanto sia subdola ed efficiente la modalità di contagio, che avviene quando chi ha già l'infezione non manifesta sintomi evidenti".

E la prima soluzione è quella dell'isolamento, quella di evitare la concentrazione di persone, quella di evitare occasioni di contagio.

Coronavirus: Sospendiamo le riunioni tecniche, stiamo a casa

In questa situazione mi sembra opportuno una valutazione collettiva anche del mondo tecnico.

Stop alle riunioni UNI, dove i tecnici vengono, e tornano, in ogni parte di Italia. Stop alle Assemblee delle Associazioni e dei Consigli Nazionali, dove i rappresentanti vengono, e tornano, da tutta Italia. Stop alla formazione frontale dei professionisti. E soprattutto rimandiamo le prossime manifestazioni fieristiche.

A Milano hanno già rimandato il MICO (occhiali). Il Mobile World Congress, la più importante fiera della telefonia mobile in programma a fine febbraio a Barcellona, non si farà a causa del coronavirus. Lo ha deciso la Gsma, l'associazione mondiale degli operatori delle telecomunicazioni che organizza l'evento, al termine di una lunga riunione. Huawei rinvia la HDC.Cloud Huawei Developer Conference 2020. Il Singapore Airshow, biennale delle tecnologie aerospaziali, in calendario fino al 16 febbraio, è la fiera di settore più grande dell’Asia, ma ha visto ritirarsi più di 70 espositori, e dimezzare i biglietti. La fiera degli agenti di viaggio del prossimo weekend sempre a Singapore è stata invece spostata a maggio e così la fiera del libro di Taipei; quella dell’import-export di Shanghai, prevista ai primi di marzo, a data da destinarsi.

La Boston Symphony Orchestra ha cancellato un tour dell'Asia con il pianista Yefim Bronfman, mentre la Filarmonica di Hong Kong ha rinunciato a due concerti di musiche di Beethoven messi in programma sotto la direzione di Jaap van Zweden, il suo direttore musicale.

Evitiamo di creare occasioni di contagio. 

Non possiamo chiedere agli abitanti di un paesino di 300 abitanti di restare in casa e poi fare eventi e riunioni in grandi città.

coronavirus-restiamo-a-casa-01.jpg

Pericolo COVID-19: è il momento di utilizzare il digitale 

Cominciamo a fare le riunioni ONLINE. In Conpaviper, in cui sono Direttore, siamo riusciti ormai a rendere la riunione digitale - con Blue Jeans - una consuetudine. Le mie ultime riunioni con il presidente del CNI, l'amico Armando Zambrano, e con ICMQ le ho fatto con Skype. E già mi pento che questa settimana ho avuto un consiglio generale associativo e una presentazione formativa frontale.

Ma non sono il solo, sono in cattiva compagnia. Oggi c'è stata l'Assemblea dei Presidenti degli Ordini degli Ingegneri a Roma, ieri la riunione dei tecnici per la salvaguardia del territorio, lunedì sono previste riunioni tecniche di Gruppi di lavoro in UNI ... e a mia conoscenza non ci sono Ordini professionali che organizzano riunioni delle commissioni per via telematica ... e nelle prossime settimane ho più eventi e convegni a cui sono invitato che dita nelle mani e piedi.

E' vero, l'empatia del vedersi e toccarsi ha un valore che il digitale non riesce a creare. Ma ora non basta.

coronavirus-anche-le-universita-chiudono-per-emergenza.jpg

Dal Corriere della Sera la notizia: anche le Università della Lombardia chiudono per emergenza Coronavirus. Poi è arrivata la notizia della chiusura anche delle Università del Veneto.


Cominciamo a utilizzare il digitale. Da subito.

Skype è già disponibile. Funziona benissimo. Si spende molto meno per realizzare qualsiasi riunione. Non ci sono spese di viaggio. Le riunioni sono più tecniche. Ognuno la fa da dove si trova: ufficio, auto, vacanze. Mandiamo una mail a tutti, nel week end, sospendiamo la riunione di lunedì, l'evento di martedì, l'incontro di mercoledì, usiamo Skype, Facebook, Bluejeans, ... anche Ingenio, ma sospendiamo gli incontri non necessari. 

Applichiamolo in azienda. Riduciamo le presenze. Utilizziamo le ferie. Ridefiniamo l'organizzazione nei reparti. 

Il pericolo del COVID-19 sia almeno l'occasione per avviare questa transizione digitale. Almeno questo.

fabiana-dadone-ministro-funzione-pubblica.jpg

CORONAVIRUS, sospensione attività pubblici uffici


Diciamocelo. Abbiamo parlato molto di digitale ...

... ma in realtà lo abbiamo applicato pochissimo. Nelle nostre scuole ci sono le lavagne smart ma poi lo smart si ferma spesso solo lì. Perchè il "telefonino" è ancora considerato un demonio, i Social un luogo più di cazzeggio che un supporto, strumenti come le liste di whatsapp o telegram sono lasciate alla iniziativa dei genitori.

Ma questo potremmo estenderlo a ogni settore. La creazione di community private (nel senso di non pubbliche) sono uno strumento potentissimo eppure ancora oggi non sono assolutamente utilizzate nel Paese, ne a livello globale che locale, ne nel pubblico che nel privato.

Anche nell'industria vi sono interi settori che non riescono a compiere il passo necessario per digitalizzarsi.

Ora forse - per alcuni campi di attività - saremo costretti a pensarci.

coronavirus-dove-sono-i-focolai-in-italia.jpg

I focolai del Coronavirus in Italia - Fonte ANSA (21 feb 2020)


Emergenza Corona Virus: la programmazione a metà

Vorrei chiudere con una osservazione che riprenderò con un altro articolo.

Il Paese si è "preparato" all'emergenza Coronavirus bloccando i voli diretti con la CINA. Mossa inutile visto che la maggior parte dei voli per la Cina è ormai indiretta (via Monaco o Francoforte).

Ha preparato il piano sanitario con la Protezione Civile: ottima cosa vista la qualità del Dipartimento.

Ma NON HA PREPARATO IL PAESE.

Se domani chiudono le scuole a Milano, Genova, Padova, Rimini ... per quindici giorni, per un mese ..., non c'è pronto un sistema di lezioni a distanza. Esiste Skype, esiste Workplace, esistono tante piattaforme. Mi sarei aspetto l'avvio di un piano immediato per supportare una veloce transizione digitale per le scuole, non ho visto nulla. Si parla ora di Telelavoro. A parte che i supporti contrattuali sono ancora molto scarsi se non assenti in questo mese non c'è stato soggetto pubblico o privato che si sia preparato. Non c'è esponente del governo - eppure abbiamo un ministro per l'innovazione, uno per l'industria, uno per la scuola, ... - che si sia preoccupato di preparare l'organizzazione del Paese per la loro competenza. E sono mancate anche le proposte di noi del mondo delle professioni tecniche. Il risultato è che la quarantena non solo isola, ma ferma il Paese.

Oggi le scuole, domani i negozi, poi le fabbriche

Verrrà un momento in cui si dovranno chiudere intere province, verrà un momento in cui si dovranno chiudere intere regioni, verrà un momento in cui si dovrà chiudere nel paese non solo le scuole, ma anche i bar, i ristoranti, i negozi ... e poi le fabbriche. Verrà un momento in cui non ci saranno abbastanza medici non positivi, non ci sarà lo spazio per i pazienti negli ospedali, ...

E tutto questo dipenderà dalla velocità con cui sapremo muoverci.

Abbiamo ancora poco tempo. Muoviamoci.

Il comportamento di ognuno di noi è importante. 


Ecco le FAQ del Ministero della Salute sul Coronavirus COVID-19


Un sondaggio sulla mia proposta di fare uno stop nazionale

Sulla pagina di Ingenio su Facebook ho creato un sondaggio su questa proposta di interrompere formazione, riunioni, eventi ... ecco i primi risultati. Si può votare tutto il Week End.

sondaggio-su-interruzione-formazione-professionale-per-coronavirus.jpg