Coronavirus e ammortizzatori sociali: in Lombardia 140 milioni per dipendenti e autonomi

La Regione Lombardia ha sottoscritto l’accordo quadro sui criteri per l’accesso agli ammortizzatori sociali in deroga e all’indennità per i lavoratori autonomi, definito assieme alle parti sociali per fronteggiare l’emergenza economica legata al Covid-19

manovali-muratori-impiegati-tecnici.jpg

In attesa del decreto "Salvaeconomia" che sarà varato dal Governo venerdì 13 marzo (misure da oltre 12 miliardi di euro), la Regione Lombardia "si porta avanti" e sottoscrive l’accordo quadro sui criteri per l’accesso agli ammortizzatori sociali in deroga e all’indennità per i lavoratori autonomi, definito assieme alle parti sociali lombarde, per fronteggiare all'emergenza Coronavirus, per la quale peraltro il presidente del CNI Zambrano ha avanzato specifiche richieste al premier Conte.

L’accordo quadro della Regione, che prevede uno stanziamento di oltre 140 milioni di euro, è relativo all’applicazione del DL 9/2020 che prevedeva la zona rossa (in Lombardia i 10 comuni del lodigiano) e la zona gialla (restante parte della Lombardia), e prevede l’accesso alla cassa in deroga anche per gli studi professionali che applicano il CCNL sottoscritto da Confprofessioni.

Lavoratori autonomi

La misura riferita ai lavoratori autonomi per il momento è limitata ai soli residenti o operanti nei 10 comuni del lodigiano rientranti nella cosiddetta zona rossa.


coronavirus-campagna-iorestoacasa.jpg

Ecco l'approfondimento di INGENIO con tutte le NEWS sul CORONAVIRUS, i LINK alle NORMATIVE e alle pagine più utili, e la modulistica da utilizzare.

Personale dipendente

Con riferimento al personale dipendente, invece, gli studi professionali potranno accedere ai seguenti ammortizzatori sociali, anche con retroattività a decorrere dal 23/02/2020:

  • zona rossa da 1 a 5 dipendenti: cassa in deroga senza accordo sindacale per riduzione di orario o sospensione zero ore;
  • zona rossa da 6 a 15 dipendenti: richiesta di assegno ordinario FIS senza accordo sindacale;
  • zona rossa oltre 15 dipendenti: richiesta di assegno ordinario FIS senza accordo sindacale;
  • zona gialla da 1 a 5 dipendenti: cassa in deroga con accordo sindacale per riduzione di orario o sospensione zero ore;
  • zona gialla da 6 a 15 dipendenti: cassa in deroga con accordo sindacale solo per sospensione a zero ore o riduzione dell'orario di lavoro superiore al 60% oppure richiesta di assegno di solidarietà FIS con accordo sindacale in caso di riduzione di orario fino al 60% del normale orario di lavoro;
  • zona gialla oltre i 15 dipendenti: richiesta di assegno ordinario di solidarietà FIS con accordo oindacale.

L'ACCORDO E' SCARICABILE IN FORMATO PDF