Cantieri edili: chi va avanti e chi deve chiudere? Come e dove si applica il nuovo Decreto Coronavirus

Una nota esplicativa dell’ANCE illustra le nuove misure del DPCM 22 marzo 2020 che riguardano il settore delle costruzioni, chiarendo quali attività sono sospese e quali possono andare avanti

costruzioni_700.jpg

L'Associazione nazionale dei Costruttori ha pubblicato una guida di assoluta importanza che fa chiarezza sull'applicazione del DPCM 22 marzo 2020 (lockdown Coronavirus) ai cantieri edili. Di fatto, nel documento si chiarisce quali cantieri possono restare aperti e quali no, e come/dove si applica il nuovo decreto.

Attività produttive sospese e non

L’art. 1 lettera a) del DPCM 22 marzo 2020 dispone la sospensione di tutte le attività produttive, dal 23 marzo fino al 3 aprile 2020, ma non per quelle indicate nell’Allegato 1 al DPCM. Tra di esse, vengono ricomprese quelle riferite ai codici ATECO:

  • 42 (ingegneria civile e tutte le attività sottostanti);
  • 43.2 (Installazione di impianti elettrici, idraulici ed altri lavori di costruzione ed installazione);
  • 94 (Attività di organizzazioni associative).

Tra le attività non sospese anche quelle relative alla raccolta trattamento e smaltimento rifiuti, comprese quelle delle costruzioni (incluse nel codice ATECO 38). In tal senso, in allegato alla nota è disponibile un quadro dei principali codici ATECO di interesse del settore con l’indicazione delle attività sospese e non (Allegati 1 e 2).

NB - la classificazione ATECO allegata al decreto abbia la funzione di indicare la descrizione delle attività consentite da un punto di vista oggettivo, più che riferirsi alla tipologia del soggetto che le esercita.

Esempio: ANCE ritiene che un’impresa di costruzioni iscritta in Camera di Commercio con un codice ATECO 41 (Costruzione di edifici), attualmente sospeso, possa continuare a realizzare un intervento corrispondente ad un codice ATECO 42 (Ingegneria civile).

Inoltre, le attività economiche sono identificate da un codice ATECO che contiene i livelli di definizione di ciascuna attività classificata. La struttura “ad albero” conporta alal conseguenza che l’indicazione di un livello ricomprende tutti i livelli successivi.


coronavirus-campagna-iorestoacasa.jpg

Ecco l'approfondimento di INGENIO con tutte le NEWS sul CORONAVIRUS, i LINK alle NORMATIVE e alle pagine più utili, e la modulistica da utilizzare.

Attività funzionali ad assicurare la continuità delle filiere delle attività non sospese e attività che erogano servizi essenziali

L'art.1 comma 1 lettera d) dispone che restino consentite le attività funzionali ad assicurare la continuità delle filiere delle attività di cui allo stesso allegato 1. Tali attività vanno comunicate al Prefetto della provincia ove è ubicata l’attività produttiva ammessa, con apposita dichiarazione (allegata) dove dovrà essere indicata l’attività, ammessa, per la quale saranno svolte le lavorazioni.

Spostamento persone fisiche: ok per motivi di lavoro

Sappiamo che la lettera b (art.1 comma 1) non consente lo spostamento tra comuni se non per specifiche situazioni, tra le quali le comprovate esigenze lavorative. Quindi resta confermata, nelle attività lavorative edili permesse, la mobilità dei lavoratori.

E' però importante, sottolinea l'ANCE, che arrivi un chiarimento in merito alla possibilità di rientro presso il proprio domicilio, dimora o residenza, visto che il DPCM 22 marzo ha cancellato questa possibilità dal precedente DPCM 8 marzo. Ciò per i lavoratori che, a seguito della chiusura dei cantieri presso i quali svolgono la propria attività lavorativa, abbiano necessità di far rientro nel Comune di appartenenza.

Termine per la sospensione delle attività

Entro domani, 25 marzo 2020, le imprese possono completare le attività necessarie alla sospensione.

LA NOTA INTEGRALE, LE ATTIVITA' CONSENTITE E SOSPESE E IL MODULO PER LA COMUNICAZIONE ALLA PREFETTURA SONO SCARICABILI IN ALLEGATO