Demanio: in Calabria, Bando per verifiche sismiche in BIM

Terza edizione per il bando che assegna i servizi di verifica della vulnerabilità sismica di modalità BIM di immobili statali in Calabria.

bim-digitalizzazione-gemello_digitale-smart_city-smart_building-iot-700.jpg

Cresce la richiesta di lavorare in Bim negli Appalti pubblici

Si fa sempre più strada l’utilizzo del BIM nel settore degli Appalti Pubblici. L’ultimo bando, pubblicato sul sito del Demanio fa riferimento all’attività di verifica della vulnerabilità sismica degli immobili pubblici della Regione Calabria.

In particolare le attività messe a gara dal Demanio riguardano le verifiche di vulnerabilità sismica e della sicurezza strutturale, la verifica preventiva dell’interesse archeologico,la  diagnosi e certificazione energetica, il rilievo geometrico, architettonico, impiantistico, strutturale, topografico, fotografico e materico, il progetto di fattibilità tecnico-economica per interventi strutturali da restituire in modalità BIM.

I servizi sopra elencati fanno riferimento ad aluni beni di proprietà dello stato situati nella Regione Calabria ossia al carcere di Paola e alla caserma dei Carabinieri di Cosenza. 

La procedura di affidamento e l'importo a base d'Asta

L’affidamento avverrà mediante procedura aperta, suddivisa in 2 lotti, e con applicazione del criterio dell’offerta economicamente più vantaggiosa individuata sulla base del miglior rapporto qualità prezzo, ai sensi degli artt. 60, 95 comma 3, lett. b) e 157 del d.lgs. 18 aprile 2016, n. 50 e ss.mm.ii., nonché nel rispetto degli indirizzi forniti dalle Linee Guida n. 1 “Indirizzi generali sull’affidamento dei servizi attinenti all’architettura ed ingegneria”.

L ‘importo a base d'asta dell'appalto è di 1.390.046,91 euro (di cui € 6.188,27 euro per oneri della sicurezza) suddivisi in due lotti come di seguito specificato

  • Per il Lotto 1 - Carcere Paola CS: € 1.075.878,06
  • Per il Lotto 2 - Carabinieri CS:  € 314.168,85

I soggetti che possono partecipare

Gli operatori economici possono partecipare alla presente gara in forma singola o associata, secondo le disposizioni dell’art. 46 del Codice, purché in possesso dei requisiti prescritti dai successivi articoli. In particolare sono ammessi a partecipare: 

  • a. liberi professionisti singoli od associati nelle forme riconosciute dal vigente quadro normativo; 
  • b. società di professionisti; 
  • c. società di ingegneria; 
  • d. prestatori di servizi di ingegneria e architettura identificati con i codici CPV da 74200000-1 a 74276400-8 e da 74310000-5 a 74323100-0 e 74874000-6 - e successivi aggiornamenti - stabiliti in altri Stati membri, costituiti conformemente alla legislazione vigente nei rispettivi Paesi; 
  • e. raggruppamenti temporanei o consorzi ordinari costituiti dai soggetti di cui alle lettere da a) ad h) del presente elenco; 
  • f. consorzi stabili di società di professionisti, di società di ingegneria, anche in forma mista (in seguito anche consorzi stabili di società) e i GEIE; 
  • g. consorzi stabili professionali ai sensi dell’art. 12 della L. 81/2017; 
  • h. aggregazioni tra gli operatori economici di cui ai punti a), b) c) e d) aderenti al contratto di rete (rete di imprese, rete di professionisti o rete mista ai sensi dell’art. 12 della L. 81/2017) ai quali si applicano le disposizioni di cui all’articolo 48 in quanto compatibili. 

Per tutte gli altri requisiti si rimanda al Disciplinare di Gara.

Scadenza del Bando

È possibile presentare la propria offerta entro e non oltre il 24 aprile 2020 11:04

Tutte le informazioni sul BANDO nel sito del Demanio