Requisiti, abilità e competenze del montatore di linee vite

Il montatore di linee di vita svolge un’attività di grande responsabilità, e riveste un ruolo cruciale nel buon funzionamento di una linea vita.
Anche con la redazione di un ottimo progetto, e dopo aver previsto un buon prodotto certificato, un cattivo montaggio andrebbe ad invalidare il lavoro svolto e ad annullare lo scopo dell’investimento che è quello di fare sicurezza. Non c’è cosa peggiore per gli operatori in quota che lavorare credendo di essere in sicurezza ed essere invece ancorati ad una linea vita montata male.

trattenuta_sicurpal.jpg

Formazione tecnica e abilità: ecco cosa è richiesto al montatore di linee vita

Il montatore di linee vita, per essere in grado di eseguire un montaggio a regola d’arte, deve essere una persona con esperienza manuale nel settore delle coperture, saper usare le attrezzature, quali trapano e resina bi-componente, conoscere la struttura delle coperture, sapere aprire e richiudere una copertura evitando le infiltrazioni di acqua, e disporre di conoscenze che si apprendono dopo anni di lavoro nel settore.

Caratteristiche specifiche del montatore di linee vita:

  • Formazione obbligatoria per l’utilizzo dei DPI in quota (III Categoria);
  • Formazione sul montaggio di linee vita;
  • Formazione tecnica idonea alla comprensione di un manuale tecnico di una L.V.;
  • Formazione minima sulla lettura di un progetto e di un disegno tecnico;
  • Preparazione tecnica sulla valutazione della consistenza dei materiali;
  • Disponibilità di attrezzature adeguate alle caratteristiche delle diverse coperture;
  • Disponibilità di attrezzatura tecnica idonea per verifica e collaudo degli ancoraggi;
  • Utilizzo corretto delle resine bi-componenti come da schede tecniche del prodotto;
  • Formazione per redigere un certificato di corretto montaggio.

Montatore di linee vita: cosa prevede la Legge?

Oggi il Testo Unico, D.lgs 81/2008, obbliga il committente a richiedere l’idoneità tecnica dell’addetto ai lavori, in quanto il montaggio di una linea di vita comporta anche l’utilizzo di un ancoraggio per DPI di III categoria (rischio vita). L’unico modo che ha un montatore per dimostrare tale esperienza è disporre di un attestato di formazione sul montaggio delle linee vita - meglio se pluri-marca - e una visura camerale che dimostri alcuni anni di esperienza nel settore.
Dopo aver eseguito il montaggio come da progetto dell’Ingegnere progettista, e controllato che le caratteristiche della copertura corrispondano a quanto inserito nel progetto, il montatore – come da norme tecniche UNI 11560/2015 e UNI EN 795/2012 e UNI 11578/2015 - deve svolgere verifiche di collaudo in base al fissaggio applicando forze di 5 kN per 15 secondi.

Al termine del montaggio deve redigere un certificato di corretto montaggio, che comprenderà: luogo esatto del cantiere, committente, progetto, caratteristiche particolari del montaggio, collaudo, firma per presa responsabilità.

Per un sistema anticaduta sicuro, affidati ad un’azienda specializzata

Sul mercato attuale tra i montatori si trova tanta improvvisazione, persone che senza una esperienza specifica, e senza un progetto tecnico, si approcciano al montaggio di linee vita, creando così sistemi anticaduta non sicuri e pericolosi per gli addetti ai lavori, montando a volte materiali di dubbia provenienza e senza certificazione secondo le norme tecniche.

Con l’obbligatorietà di revisioni periodiche dei sistemi, date dalla norma UNI 11560/2015, sono emersi numerosi impianti che non superano i test, e obbligano quindi il committente al rifacimento del fissaggio alla struttura.
Altra situazione tipo è il prematuro decadimento dei componenti della linea vita con fuoriuscita di ruggine e corrosione, che invalidano la tenuta del prodotto, confermando il detto “chi poco spende molto spende”, perché chiaramente il sistema dovrà essere rifatto.
L’unico modo per avere un sistema anticaduta sicuro è affidarsi ad una azienda specializzata del settore, come Sicurpal, redigere un progetto di accesso alla copertura dettagliato che rispetti le norme tecniche e regionali, e disporre del certificato di corretto montaggio rilasciato dall’installatore del sistema.

>>> Per maggiori informazioni scrivi a info@sicurpal.it