Energia, rinnovabili, reti luce: nuovo bando UE da 979 milioni di euro! Domande entro il 27 maggio 2020

Il bando, emanato nell'ambito dello strumento «Connecting europe facility», intende fornire assistenza finanziaria per contribuire all'attuazione di progetti di interesse comune per l'elettricità, comprese le reti intelligenti, il gas e l'anidride carbonica, in modo da raggiungere gli obiettivi di politica energetica

pannelli-fotovoltaici-campo-700.jpg

Il nuovo bando UE per l'energia

Sviluppo sostenibile, fonti rinnovabili, reti luce e gas: il nuovo bando europeo per l'energia da 979,6 milioni di euro punta ad aumentare la competitività promuovendo l'integrazione del mercato energetico europeo, sviluppare l'interoperabilità delle reti di elettricità e gas attraverso le frontiere, migliorare la sicurezza dell'approvvigionamento energetico e contribuire allo sviluppo sostenibile e alla protezione dell'ambiente attraverso le fonti rinnovabili.

Il bando è stato emanato nell'ambito dello strumento «Connecting europe facility» e intende fornire assistenza finanziaria per contribuire all'attuazione di progetti di interesse comune per l'elettricità, comprese le reti intelligenti, il gas e l'anidride carbonica, in modo da raggiungere gli obiettivi di politica energetica.

I requisiti per l'accesso al bando

Possono accedere all'Avviso, inviando una domanda entro il 27 maggio 2020, gli Stati membri, che però possono anche autorizzare la presentazione delle domande da parte di altri enti pubblici o privati. Non sono previsti vincoli particolari per la presentazione del progetto in aggregazione o meno.

Se ritenuto necessario per raggiungere gli obiettivi di un determinato progetto di interesse comune, possono partecipare alle azioni anche i paesi terzi e le entità stabilite in paesi terzi.

La tipologia dei progetti finanziabili

Il finanziamento sarà concesso a progetti per infrastrutture energetiche di interesse comune che abbiano un ruolo significativo per la società e che assicurino una maggiore solidarietà tra gli stati membri, ma che non sono in grado di ricevere un finanziamento adeguato dal mercato:

  • termine dell'isolamento energetico;
  • aumentare la competitività promuovendo l'integrazione nel mercato interno dell'energia e l'interoperabilità delle reti di elettricità e gas attraverso le frontiere;
  • migliorare la sicurezza dell'approvvigionamento dell'Unione;
  • integrazione di energia da fonti rinnovabili e sviluppo di reti energetiche intelligenti;
  • eliminare i colli di bottiglia di energia;
  • completamento del mercato interno dell'energia;
  • contribuire allo sviluppo sostenibile e alla protezione dell'ambiente, tra l'altro mediante l'integrazione di energia da fonti rinnovabili e lo sviluppo di reti energetiche intelligenti e reti transfrontaliere di biossido di carbonio;
  • fornire altri vantaggi, ad es. in relazione agli obiettivi europei del "Green Deal".

La misura del finanziamento

  • si tratta di rimborsi di una percentuale specifica dei costi ammissibili effettivamente sostenuti;
  • i tassi massimi di cofinanziamento non devono superare il 50% del costi ammissibili totale relativo studi e opere;
  • la percentuale di finanziamento può comunque essere aumentata fino a un massimo del 75% per le azioni che forniscono un alto grado di sicurezza dell'approvvigionamento a livello regionale o europeo, rafforzano la solidarietà in ambito europeo o comprendono soluzioni altamente innovative.

Il Magazine

Sfoglia l'ultimo numero della rivista Ingenio

Newsletter Ingeio

Seguici su