Gazebo in legno e norme antisismiche: è attività edilizia libera e non serve il collaudo statico

Cassazione: il gazebo di legno non va sottoposto a collaudo sulla staticità perché va qualificato tra gli «Interventi privi di rilevanza per la pubblica incolumità» in quanto non è del tipo di opere edilizie - quali i conglomerati cementizi o le strutture metalliche - elencate dall'art.53 del Dpr 380/2001

sentenza-norma-legge-700.jpg

Collaudo statico: non serve per le i gazebo in legno

Attenzione alla portata della sentenza 12851/2020 della Cassazione Penale, che ha respinto il ricorso della Procura dando ragione al privato cittadino - assolto in primo grado - che aveva realizzato l'opera nella convinzione - poi confermata - di star realizzando un gazebo in legno quale fattispecie di edilizia libera.

Si trattava, nello specifico, di un gazebo in legno, non da sottoporre - per il Tribunale ordinario e anche per la Cassazione - al collaudo statico dell'intervento edilizio, al fine di scongiurare rischi per l'incolumità pubblica. Non sussiste, quindi, il reato che deriva dalla violazione dell'art.67 del dpr 380/2001 (TU Edilizia), dove sono elencati i casi in cui è necessario il collaudo.

Quando serve il collaudo statico

Le opere che necessitano di collaudo statico - osserva la Corte - sono solo in quelle indicate dall'art.53 del TU Edilizia. Tra queste non è rinvenibile la struttura lignea eretta per realizzare un gazebo.

L'art.53 peraltro riporta uno specifico ed esplicito elenco delle opere la cui staticità deve essere oggetto di collaudo da parte di un ingegnere o architetto:

  • a) opere in conglomerato cementizio armato normale, quelle composte da un complesso di strutture in conglomerato cementizio ed armature che assolvono ad una funzione statica;
  • b) opere in conglomerato cementizio armato precompresso, quelle composte di strutture in conglomerato cementizio ed armature nelle quali si imprime artificialmente uno stato di sollecitazione addizionale di natura ed entita' tali da assicurare permanentemente l'effetto statico voluto;
  • c) opere a struttura metallica quelle nelle quali la statica è assicurata in tutto o in parte da elementi strutturali in acciaio o in altri metalli.

LA SENTENZA INTEGRALE E' SCARICABILE IN FORMATO PDF

a) opere in conglomerato cementizio armato normale, quelle composte da un complesso di strutture in conglomerato cementizio ed armature che assolvono ad una funzione statica; b) opere in conglomerato cementizio armato precompresso, quelle composte di strutture in conglomerato cementizio ed armature nelle quali si imprime artificialmente uno stato di sollecitazione addizionale di natura ed entita' tali da assicurare permanentemente l'effetto statico voluto; c) opere a struttura metallica quelle nelle quali la statica e' assicurata in tutto o in parte da elementi strutturali in acciaio o in altri metalli.

LEGISLAZIONE e TECNICA URBANISTICA ed EDILIZIA

banner-dalprato-700.jpg

L'AREA è un luogo di riflessioni, commenti, studi e proposte sullo stato dell’arte dell’Edilizia e dell’Urbanistica in cui ci proponiamo di dare sistematicità alle informazioni inerenti l’evoluzione normativa e giurisprudenziale che pubblichiamo giornalmente.

Nell'area di principi e modalità applicative delle norme dell’Urbanistica e dell’Edilizia facendo il punto critico sulle tematiche che maggiormente si pongono all’attenzione della legislazione e della giurisprudenza in un momento in cui l’evoluzione della materia appare confusa e, a volte, contraddittoria; per questo trattiamo gli argomenti, per così dire, più attuali, interpretandoli ed inquadrandoli alla luce dei principi fondanti della materia anch’essi oggetto di evoluzione concettuale e dottrinaria.

Vai all'area di approfondimento "LEGISLAZIONE e TECNICA URBANISTICA ed EDILIZIA"