Procedure di sicurezza per la riapertura degli studi di ingegneri e architetti

Inarsind, l'Associazione Nazionale di intesa sindacale di Architetti ed Ingegneri liberi professionisti in Italia, ha redatto le linee guida contenti le procedure di sicurezza per la riapertura degli studi di progettazione.

L'iniziativa nasce dall'esigenza di fornire indicazioni utili «perché i protocolli nazionali o regionali con le procedure da attivare sono attualmente più che altro destinati ai settori manifatturiero e delle costruzioni» ha spiegato Roberto Rezzola.

 progettazione-digitale-ingegneria-700.jpg

Inarsind: ecco le “Linee Guida” per la ripartenza post Covid-19

«Pensiamo possa essere uno strumento di utilità per i liberi professionisti, e soprattutto per i titolari di studi professionali di ingegneria e architettura, in vista della progressiva ripresa della piena attività”.

Roberto Rezzola, presidente di Inarsind, l’associazione nazionale che rappresenta gli ingegneri e gli architetti liberi professionisti, presenta cosi le “Linee Guida” che Inarsind ha predisposto, e propone ai propri associati, per attivare le procedure per la messa in sicurezza degli studi professionali rispetto alla pandemia Covid-19.

«Tutto ciò - spiega il presidente - per fare un po’ di chiarezza in vista della riapertura degli studi professionali con l’attuazione della Fase 2 della gestione della crisi».

«Ci rivolgiamo a tutti gli ingegneri e architetti, con questo nostro documento di programmazione - spiega ancora Rezzola – inteso come integrazione mirata alle disposizioni date dalle Autorità nazionali e col fine di calarci nella realtà lavorativa degli associati. Abbiamo preso questa iniziativa perché i protocolli nazionali o regionali con le procedure di sicurezza da attivare sono attualmente più che altro destinati ai settori manifatturiero e delle costruzioni, i primi a ripartire».

Ovviamente le proposte Inarsind sono da intendersi come linee di indirizzo sulle procedure da avviare ma soprattutto abbiamo voluto mettere in luce alcune best practices per evidenziare quanto i professionisti tecnici pongano attenzione alla tutela della salute. È assodato, infatti, che il libero professionista, ingegnere o architetto, si confronti abitualmente con gli aspetti applicativi della sicurezza del lavoro e questo approccio lo porti a tutelare i colleghi, i collaboratori e i clienti che frequentano lo studio.

«Le linee guida InArSind sono un documento aperto a miglioramenti e integrazioni - conclude il presidente Rezzola – l’importante è oggi ripartire».

>>> Scarica le Linee Guida di Inarsind in allegato <<<


Il Magazine

Sfoglia l'ultimo numero della rivista Ingenio

Newsletter Ingeio

Seguici su