Silenzio assoluto sull’IMU: dovremo pagare l’acconto il prossimo 16 giugno?

A circa un mese dalla scadenza dell’acconto ed ancora in attesa dell’emanazione del decreto aprile, poi divenuto decreto maggio (o decreto rilancio) e, a quanto pare, ormai in fase di pubblicazione, ancora non si sa nulla di sicuro in merito ad una eventuale posticipazione del termine del 16 giugno per l’adempimento riguardante l’IMU.

citta-terrazzo-verde-milano-700.jpg

L’imposta, peraltro del tutto riformata dalla Legge 160/2019 che ha abolito la TASI aumentando però di conseguenza le aliquote massime dell’IMU, sarebbe infatti dovuta, in assenza di provvedimenti specifici, entro il 16 giugno per la rata di acconto ed entro il 16 dicembre per la rata di saldo. 

Le difficoltà dietro una eventuale scelta di sospensione sono senza dubbio legate al fatto che l’IMU è una imposta comunale (seppur normata da legge statale) e un blocco nazionale della stessa è da valutare con i comuni per capire l’impatto che essa avrebbe, soprattutto nei comuni che vi fanno affidamento per pagare vari servizi che forniscono alla cittadinanza. 

Proposte di sospensione collegate all’emergenza

Nei mesi passati si sono rincorse alcune voci: dalla proposta, nata in sede ANCI, di far decidere i singoli comuni; alla proposta di non prevedere sanzioni in caso di tardività; alla proposta, infine, di posticipare per tutti la scadenza al 31 luglio o, addirittura, al 30 novembre. 

Certamente la prima proposta, che sarebbe la più equa per i comuni, lasciando a loro, in base all’effettiva tenuta delle casse comunali, la scelta di posticipare il termine, è praticamente poco percorribile. 

Basti immaginare la confusione per i contribuenti che hanno immobili in più comuni diversi, con previsioni magari diverse in merito alla sospensione. 

E allora la possibilità di pagare in ritardo senza sanzioni? Anche in questo caso la norma agevolatrice andrebbe precisata con più attenzione, concedendo termini dilatori ma con un termine finale per non rischiare ulteriore confusione. 

La proposta più accreditata, almeno pare, potrebbe essere quella di un rinvio operato a livello nazionale; anzi nelle prime indiscrezioni sui contenuti del decreto aprile vi era anche questa sospensione. 

Nell’ultimo periodo però non se ne è più saputo nulla ed anzi c’è da temere che il decreto, quando a giorni uscirà, non conterrà la tanto auspicata disposizione, avendola sostituita con altre misure fiscali. 

Vero è che la sospensione potrebbe causare danni ad alcuni comuni ma, d’altro canto, oggi che timidamente ci affacciamo alla fase due, davvero possiamo ritenere corretto far pagare immediatamente e magari con aliquota aumentata l’IMU (se non addirittura farla pagare tout court) ai proprietari di seconde case (proprio quelle che generano il gettito IMU) che non possono raggiungere e utilizzare? 

Almeno una sospensione è quindi auspicabile. Vedremo comunque a breve quali decisioni verranno prese, che siano esse di respiro locale o nazionale. 

Ultime indiscrezioni sul decreto Rilancio 

L’ultima novità, in attesa della pubblicazione del decreto, pare essere la cancellazione della rata di giugno ma solo per alberghi e stabilimenti balneari; ma anche qui a patto che possessore dell’immobile e gestore dell’attività siano la stessa persona. Nessuna cancellazione, pare, per capannoni e centri commerciali che pagano quindi IMU erariale ma le cui entrate servono allo Stato per rimpinguare le sue casse provate dall’emergenza. Tutto tace per l’IMU residenziale, per le questioni e considerazioni già dette.

Il software Expert IMU e l’archivio completo dei dati locali

expert_imu-2020.jpg

Per conoscere subito l’onere economico che ogni proprietario sarà tenuto a sostenere a titolo di IMU nel corso del 2020, la società  Geo Network, con il proprio software Expert IMU accompagna costantemente il singolo utente nel calcolo dell’imposta IMU dovuta fornendogli anche un servizio di assistenza tecnica esperto, capace di sviscerare le varie casistiche e mettendogli a disposizione tutte le aliquote IMU deliberate dai singoli comuni per il 2020 non appena disponibili.

Il software è in offerta fino al 31 Maggio p.v. ad € 89,00 + IVA, comprensivo del suddetto servizio di assistenza tecnica. 

Per completare poi il servizio offerto ai professionisti che si appoggiano a Expert IMU per ogni calcolo ed adempimento, la divisione formazione della società Geo Network svolge, da più di 15 anni, approfonditi corsi di formazione professionale (accreditati per il rilascio di crediti formativi) anche sulla fiscalità locale ed altre materie di interesse per il professionista.

Questi corsi accreditati sono svolti tutti in modalità webinar e quindi comodamente seguibili dal computer di casa o dell’ufficio, soprattutto in questo periodo di ripresa graduale delle attività

 

>>> Venerdi 15 Maggio p.v. dalle 18:00 alle 19:30 <<<
webinar gratuito sulla riforma dell’IMU 2020 
>>> Iscriviti al seguente link <<<