Credito d'imposta 60% per affitti: ecco come possono usarlo i forfettari per lo studio professionale

Anche i professionisti forfetari possono fruire del credito d’imposta 60% per affitti previsto dall’articolo 28 del Decreto Rilancio

professione-ingegnere-architetto-geometra-libero-professionista-700.jpg

Ieri abbiamo 'sviscerato' tutte le particolarità della nuova circolare 14/E dell'Agenzia delle Entrate sul credito d'imposta al 60% per i canoni di locazione degli immobili a uso non abitativo e affitto d'azienda e pronto il codice per la compensazione, instaurato dall'art.28 del decreto-legge 34/2020 (Rilancio).

Bene: qui vogliamo sottolineare che questo sgravio è usufruibile anche dai professionisti tecnici (ingegneri, architetti, ecc.) appartenenti al regime forfettario, magari per quel che riguarda l'affitto dello studio: per loro, il credito d'imposta spetta a condizione che il contribuente abbia subito una diminuzione del fatturato o dei corrispettivi in ciascuno dei mesi di marzo, aprile e maggio di almeno il cinquanta per cento rispetto allo stesso mese del periodo d'imposta precedente. Il calo del fatturato o dei corrispettivi deve essere verificato mese per mese. Quindi può verificarsi il caso, ad esempio, che spetti il credito d'imposta solo per uno dei tre mesi.

Credito d’imposta 60% affitti: cosa fare

L’Agenzia ha specificato che l’importo da prendere a riferimento è quello versato nel periodo d’imposta 2020 per ciascuno dei mesi di marzo, aprile e maggio.
 
È necessario che il canone sia stato corrisposto; in caso di mancato pagamento la possibilità di utilizzare il credito d’imposta resta sospesa fino al momento del versamento. Se il canone invece è stato versato in via anticipata, sarà necessario individuare le rate relative ai mesi di fruizione del beneficio parametrandole alla durata complessiva del contratto.
 
Quando le spese condominiali sono pattuite come voce unitaria all’interno del canone di locazione e tale circostanza risulti dal contratto, anche le spese condominiali possano concorrere alla determinazione dell’importo sul quale calcolare il credito d’imposta.