Evoluzione dei sistemi di monitoraggio

Che distinguo fra i termini  “Misura” e “Monitoraggio”

Prima di parlare di sistemi di monitoraggio, è bene fare un doveroso distinguo fra i termini  “Misura” e “Monitoraggio”, che spesso vengono usati in maniera impropria, contribuendo ad alimentare la confusione sul tema,  così come abbiamo potuto vedere all'indomani del crollo del ponte sul Polcevera.

Dal documento: “ISO 9001 Auditing Practices Group Guidance on: Monitoring and measuring resources”, evidenziamo la differenza fra Misurazione (misura) e Monitoraggio e cioè:

  • Monitoring 

is to determine a status of something which implies observing, supervising, keeping under review; it can involve measuring or testing at intervals, especially for the purpose of regulation or control.

  • Measuring

considers the determination of a value, e.g. a physical quantity, magnitude or dimension (using measuring equipment).

Volendo fare un passo avanti rispetto alle definizioni appena enunciate, dobbiamo considerare altri due concetti basilari e cioè:

Monitoraggio in continuo, o in tempo reale (real-time):

il monitoraggio in tempo reale consente di avere informazioni senza soluzione di continuità in automatico. Le misure vengono effettuate e registrate in sito su datalogger dedicati. Sarà poi compito di un addetto, accedere al database, effettuare l'archiviazione dei dati grezzi ed infine elaborare un'analisi critica degli stessi.

Monitoraggio a controllo da remoto:

se al sistema di monitoraggio in continuo viene associato un sistema di trasmissione dei dati (modem o ethernet) ed una piattaforma informatica in cloud, i sensori possono essere, non solo interrogati via web, ma è possibile anche impostare azioni specifiche come ad es. accensione o spegnimento di interruttori, attivazione di segnali acustici, visivi, o ancora invio di sms e/o email di segnalazione o allertamento a numeri o indirizzi precedente individuati.

vito-lissanti-monitoraggio-del-calcestruzzo-01.jpg

 

Il monitoraggio in continuo a controllo da remoto

E' inutile rimarcare il fatto che il monitoraggio in continuo a controllo da remoto, permette di tenere sotto osservazione in maniera continuativa ed in automatico l'oggetto (o la grandezza fisica o chimica, ad es.) di nostro interesse, sia esso un manufatto, un'opera infrastrutturale o una parte di territorio. Mediante l'impostazione delle soglie di allarme è possibile gestire un servizio di allertamento a presidio della sicurezza della popolazione che con essa interagisce o che ne può subire le conseguenze di un eventuale dissesto.

I primi dispositivi di monitoraggio erano costituiti da una architettura hardware abbastanza rigida, con un numero di canali prefissati a cui venivano collegati, mediante connessioni fisiche (connettori), i sensori che trasferivano i dati alla centralina di acquisizione mediante un collegamento cablato.

 

vito-lissanti-monitoraggio-del-calcestruzzo-02.jpg

Foto 3 - Monitoraggio  di una galleria, in continuo, con sistema cablato

 

vito-lissanti-monitoraggio-del-calcestruzzo-03.jpg

Foto 4 - Monitoraggio di una galleria durante l'esecuzione di interventi di consolidamento strutturale

 

vito-lissanti-monitoraggio-del-calcestruzzo-04.jpg

Foto 5 - Monitoraggio di parametri ambientali in un museo

 

 

Questo sistema, risultava abbastanza rigido ed anche esteticamente invasivo in quanto i sensori ed i cavi di collegamento con la centralina, in genere, venivano disposti lungo le pareti mediante fissaggi puntuali, (chiodi o tasselli) o in canaline impiantistiche (vedi Schema 1).

 

L'articolo ... segue in allegato.


Il Magazine

Sfoglia l'ultimo numero della rivista Ingenio

Newsletter Ingeio

Seguici su