La metro di Milano sarà sempre più innovativa e la sua rete crescerà del 34% entro il 2030

Con le sue quattro linee e una quinta in fase di costruzione, 111 stazioni e 94,5 chilometri di binari, la metropolitana di Milano è la più grande d’Italia.

La metropolitana milanese è una delle più recenti d’Europa, costruita, la prima, a partire dal 1957 e inaugurata nel 1964. 

metropolitana-milano-mappa.jpg
Figura 1 – Schema della rete metropolitana milanese integrata con il Passante Ferroviario

Oggi Milano è percorsa da quattro linee metropolitane attive.

La più antica è la Linea 1 Rossa che collega Sesto F.S a Rho Fiera Milano/Bisceglie, seguita dalla Linea 2 Verde che collega Gessate/Cologno Nord ad Assago Milanofiori Forum/P.za Abbiategrasso Chiesa Rossa. La Linea 3 Gialla collega invece Comasina a San Donato e l’ultima conclusa da qualche anno è la Linea 5 Lilla che collega Bignami Parco Nord a San Siro Stadio.

La linea 4 Blu è attualmente in costruzione.

Alle linee della metropolitana si aggiunge poi il Passante ferroviario, che integra il trasporto in città collegandosi in varie fermate alle linee metropolitane. 

metro-milano-linea-lilla.jpg
Figura 2 – Percorso della nuova Linea Lilla M5

Metro a Milano: l’ultima arrivata Lilla M5

La Linea M5 è la linea metropolitana di Milano contraddistinta dal colore lilla. È stata la prima in questa città a essere concepita completamente automatizzata, senza conducente (driverless) e “leggera”, ossia con treni e banchine più piccoli. Le stazioni metropolitane sono 19 e collegano Bignami allo Stadio San Siro (Bignami - Ponale - Bicocca (Università) - Cà Granda (Ospedale Niguarda) - Istria - Marche - Zara - Isola - Garibaldi FS - Monumentale (Cimitero Monumentale) - Cenisio - Gerusalemme - Domodossola FN - Tre Torri (City Life) - Portello - Lotto - Segesta - San Siro Ippodromo - San Siro Stadio).

metro-milano-linea-blu.jpg
Figura 3 – Percorso della futura nuova Linea Blu M4

Milano, la M4 Linea Blu in costruzione

Milano, come ormai le principali metropoli europee, ha deciso d’investire molto, in questo periodo, su grandi infrastrutture per la mobilità sostenibile.

La M4 o “Linea blu” collegherà il centro storico con la parte Est (Q.re Forlanini e Aeroporto Linate) e con la parte Ovest (Q.re Lorenteggio e Stazione San Cristoforo), integrando la rete del trasporto urbano con una nuova soluzione rapida, efficiente, confortevole e non inquinante. La sua realizzazione permetterà di ridimensionare il traffico a vantaggio del trasporto pubblico, con considerevoli benefici per chi vive e lavora a Milano, e per l’ambiente.

La Linea M4 è una “metropolitana leggera ad automatismo integrale”: un sistema tecnologico che conserva le caratteristiche della metropolitana classica, ma con standard tecnici prestazionali più elevati e meno dispendiosi. L’innovativo sistema di guida automatica (driverless: senza conducente) adotta una tecnologia per il controllo intelligente del traffico che garantisce ai passeggeri i più elevati standard di sicurezza.

Le porte delle carrozze si aprono esclusivamente alla fermata dei treni in stazione annullando il rischio di cadute o infortuni. La banchina di salita e discesa è completamente separata dai binari e dai vagoni in movimento, garantendo l’incolumità delle persone.

Con M4 la metropolitana di Milano avrà un totale di 118 km di linea, 136 stazioni, un aumento della rete del 34% in dieci anni e un ritmo di sviluppo tra i più alti d’Europa.

Entro il 2022 la rete metropolitana di Milano sarà quindi la sesta in Europa, la M4 avvicinerà ancor più Milano agli standard qualitativi delle altre grandi capitali europee.

milano-metropolitana-galleria-linea-blu.jpg
Figura 4 – Qualche scatto del cantiere e degli scavi della nuova Linea Blu M4

Lo stato di avanzamento dei lavori della nuova Linea Blu a Milano

Nel gennaio 2015 sono iniziati i lavori per la nuova Linea Blu che hanno avuto inizio a partire dal capolinea di Lorenteggio. A oggi si sta realizzando il tratto centrale in corrispondenza delle fermate Foppa, Sant’Ambrogio e De Amicis e si ipotizza la fine dei lavori intorno al 2022.

L’emergenza Covid ha interrotto momentaneamente anche il cantiere di questa linea metropolitana che però è prontamente ripartito ai primi di aprile.

Salini Impregilo e Astaldi insieme al Comune di Milano e a Società M4 con gli altri operatori coinvolti hanno, infatti, riattivato tutti i necessari protocolli per far operare i lavoratori nella massima sicurezza e attenzione alla salute.

La riapertura dei cantieri per la costruzione delle stazioni M4 è ripartita dallo scavo delle gallerie della tratta centrale: le due talpe hanno ripreso il proprio percorso rispettivamente dal manufatto Vettabbia, verso la stazione Vetra, e dalla stazione De Amicis, verso la stazione S. Ambrogio.

In particolare, quest’area sarà interessata, oltre che dalla realizzazione della metropolitana stessa, anche dalla riqualificazione di un’area continua pedonale che dal Duomo, attraverso corso Vittorio Emanuele e piazza San Babila, porta a largo Augusto, mediante la riqualificazione di piazza Santo Stefano, con l’obiettivo di concedere più spazio ai pedoni, al verde e alle biciclette oltre che alla connessione con il trasporto pubblico e i taxi.

Arrivate le talpe nel mese di giugno anche presso la stazione di Sant’Ambrogio, sono ora iniziate anche le attività per la seconda fase della realizzazione del collegamento sotterraneo tra la M2 e la M4 in corrispondenza di questa fermata.

metropolitana-milano-nuova-linea-blu.jpg
Figura 5 – Qualche scatto del cantiere e degli scavi della nuova Linea Blu M4