Opere pubbliche: l'indennizzo all'appaltatore in caso di recesso del committente

06/08/2020 739

Approfondimento ANCE sull'indennizzo all’appaltatore in caso di recesso del committente

cantiere-operai-lavoro-roma-700.jpg

Segnaliamo e alleghiamo un'interessante scheda di approfondimento, realizzata dall'ANCE, relativa alla possibilità di recesso del committente dal contratto di appalto con conseguente indennizzo all'appaltatore.

Nell’ambito di un contratto di appalto (tra cui anche quello per l’esecuzione di lavori edili di qualsiasi natura), infatti, al committente è consentito, per espressa previsione legislativa, di recedere in qualsiasi momento, senza necessità di preavviso e senza che tale scelta sia necessariamente collegata ad un inadempimento della controparte ma anche per la sola sfiducia verso l'appaltatore (Corte appello Milano sez. IV, 03/04/2020, n. 857; Trib. Oristano, 1/8/2019, n. 453; Cass. Civ. n. 21595/2014; Cass. Civ n. 14781/2012, Cass. Civ. n.9645/2011).

L'ANCE, quindi, approfondisce:

  • l'ambito e i limiti del recesso del committente;
  • il diritto dell'appaltatore all'indennizzo;
  • le deroghe contrattuali.

LA SCHEDA DI APPROFONDIMENTO ANCE E' SCARICABILE IN FORMATO PDF