The virtual building

11/10/2013 3935

Peter Bailey, Daniel Brodkin, John Hainsworth, Erin Morrow, Andrew Sedgwick, Martin Simpson, Alvise Simondetti - ARUP

La tecnologia emergente ci sta portando sempre più vicini al
sogno della "costruzione virtuale": un prototipo virtuale dell'edificio finito interamente definito, integrato e operativamente testato.


Almeno per il prossimo futuro, l'intuizione e il know-how di esperti progettisti e costruttori rimarranno fondamentali per progetti di costruzione di successo. Tuttavia, molto di più può essere fatto nel mondo virtuale sia ora che in futuro, per aiutare i progettisti, costruttori e proprietari al fine di evitare approcci per tentativi ed errori che si rivelano costosi anche in termini di tempo ma che sono attualmente accettati nel settore.
Il prossimo decennio vedrà la nascita e l'applicazione di un approccio olistico, tecnologicamente guidato nel processo di costruzione - una rivoluzione in divenire.
Grazie alle nuove tecnologie virtuali, esiste l’opportunità di avvalersi di più di fatti concreti invece che soltanto l’intuizione del progettista. Il concetto di "costruzione virtuale" alla fine consentirà ai progettisti di sviluppare una soluzione edificio completamente testato con affidabilità non solo nella capacità costruttiva dell’edificio ma anche nelle sue prestazioni operativa a lungo termine. L’emergente processo virtuale sta diventando fondamentale per l'innovazione di progetto, producendo risultati che non sarebbe stato possibile prevedere prima dell'avvento di queste tecnologie. Questo processo comprenderà e farà sempre più uso di progettazione integrata 3-D (CAD) e Building Information Modeling (BIM).

Beijing National Aquatics Centre "The Water Cube" @Ben McMillan

AAMI Park Stadium, Melbourne @Arup

Ancoats Urban Village, New Islington, @Arup

Virtual Building Modelling @Arup

 

Scarica l'articolo completo in pdf

 

Arup
Corso Italia, 13 | 20122 Milano | Italia
T +39 02 8597 9301
F +39 02 805 3984
www.arup.com