Esperto in Edilizia Sostenibile: la nuova certificazione frutto dell’accordo tra CasaClima, ITACA e Certing

La certificazione di Esperto in Edilizia Sostenibile, prima in Italia, è stata messa a punto dall'Istituto per l'innovazione e trasparenza degli appalti pubblici e la compatibilità ambientale (ITACA), dall’Agenzia CasaClima e dall’Agenzia Certing ed è riservato ai professionisti che operano nel settore della sostenibilità ambientale in edilizia utilizzando i protocolli CasaClima e Itaca.

La prima sessione d’esame per il rilascio della certificazione è in programma per il prossimo 21 ottobre.

nuova-certificazione-certing-itaca-casaclima.jpg

L’accordo tra Agenzia CasaClima, Itaca e l’Agenzia Certing

La nuova certificazione di Esperto in edilizia sostenibile va ad aggiungersi alle 21 attualmente proposte dall’Agenzia Certing con lo schema di “Ingegnere esperto” che coprono diversi campi dell’ingegneria e molteplici specializzazioni lavorative. 

Il nuovo schema consentirà a ingegneri, architetti, geometri e periti che adottano i protocolli dei due enti nazionali, di veder riconosciute le loro conoscenze nel settore della sostenibilità in edilizia.

Con la diffusione dei protocolli volontari di certificazione ambientale degli edifici e l’emanazione dei Criteri Ambientali Minimi da parte del Ministero dell’Ambiente, è necessario che anche i professionisti del settore delle costruzioni siano preparati e qualificati per la valutazione dell’impatto che le opere hanno sull’ambiente e sul clima.

Questo accordo, più in generale, completa le attività di certificazione degli edifici svolte dai due organismi pubblici nazionali, da anni impegnati nel campo dell’efficienza energetica, della sostenibilità e della qualità costruttiva nel settore edilizio.  

Come funziona la nuova Certificazione

La nuova certificazione si articolerà su tre livelli (Base, Avanzato e Master) e consentirà ai professionisti che adottano i protocolli dei due enti nazionali, di vedere riconosciute le loro competenze nel settore dell'edilizia sostenibile secondo lo standard UNI CEI EN ISO/IEC 17024.

Al livello Base potranno accedere tutti i professionisti interessati; al livello Avanzato, quelli in possesso del titolo di ispettore Itaca oppure di consulente energetico CasaClima; allo step successivo (Master) potranno certificarsi solo quei tecnici che operano secondo entrambi i protocolli. A conclusione della prima sessione d'esame l'Agenzia Certing attiverà l'iter di accreditamento che presumibilmente si concluderà all'inizio del 2021.

«Avere la possibilità di certificarsi come esperti in grado di valutare l'impatto delle proprie opere sull'ambiente è un aspetto a cui un professionista preparato, in un momento come questo, non può rinunciare - ha commentato Ulrich Klammsteiner, Direttore tecnico dell'Agenzia CasaClima - con la diffusione dei protocolli volontari di certificazione ambientale degli edifici ITACA e CasaClima e l'emanazione dei Criteri Ambientali Minimi (CAM) da parte del Ministero dell'Ambiente, abbiamo ritenuto utile unire le forze di due enti pubblici e di creare un sistema unico rivolgendosi a Certing, il partner giusto in quanto da anni lavora nell'ambito della certificazione dei professionisti».

Per Giuseppe Iiritano, Presidente del Comitato promotore del protocollo ITACA:

«La sostenibilità ambientale degli edifici è un tema di grande innovazione e attualità all'ordine del giorno delle politiche europee ed internazionali. ITACA, Casaclima e Certing sono impegnate e pronte a sostenere e dare attuazione agli indirizzi nazionali e regionali in materia, realizzando uno strumento straordinario per rafforzare e certificare le capacità e le competenze dei professionisti, così da valorizzarne il ruolo quali attori protagonisti in un settore chiave per la nostra economia. Progettare sostenibile dovrebbe essere insito nell'attività dei tecnici e dei professionisti che operano sul territorio, è necessario riconoscere ed enfatizzare il valore aggiunto di chi ha colto l'imprescindibile legame esistente tra la progettazione di un'opera e l'attenzione per la sostenibilità ambientale, economica e sociale».

Per il Presidente dell’Agenzia Certing, Gaetano Attilio Nastasi:

«Obiettivo dello schema messo a punto è la valorizzazione sul mercato dei protocolli nazionali di sostenibilità in edilizia e la loro specificità rispetto a quelli dei grandi player esteri. Compito di Certing sarà quello di validare le conoscenze dei tecnici qualificati e formati secondo i requisiti previsti da CasaClima e ITACA e portare in accreditamento lo schema secondo lo standard ISO UNI EN 17024, in modo che sia conforme a quanto richiamato dai decreti sui Criteri ambientali minimi (CAM)».

Il Magazine

Sfoglia l'ultimo numero della rivista Ingenio

Newsletter Ingeio

Seguici su