Superbonus 110% e Requisiti Tecnici: tutte le novità su massimali di costo, tipologia di detrazione, percentuali

Il DM Requisiti Tecnici, appena pubblicato in Gazzetta Ufficiale spiega le procedure che i professionisti devono seguire per certificare la regolarità dei lavori di efficientamento energetico, recupero e restauro delle facciate che accedono all’Ecobonus, al Superbonus 110% e al Bonus Facciate

casa-bonus-green.jpg

Gli Allegati A e B del Decreto Requisiti Tecnici (o Decreto Prezzi) pubblicato in Gazzetta Ufficiale e in vigore dal 6 ottobre 2020 sono di fatto la 'mappa' finale di questo Superbonus 110% che ora attende solo la data del 15 ottobre 2020 per l'avvio ufficiale della cessione del credito (avvio dell'opzione tramite piattaforma dell'Agenzia delle Entrate) per tutto, Sismabonus ed Ecobonus maggiorati o Bonus Facciate.

La potenza dell'Allegato B

L'Allegato B del DM 6 agosto 2020 (scaricabile in fondo all'articolo) schematizza, per ogni tipologia di intervento, quale bonus si può richiedere, la percentuale di detrazione e il valore della detrazione o della spesa massima ammissibile. Per gli interventi ammessi alle detrazioni fiscali sono riportati nella tabella il riferimento legislativo, la detrazione massima o l’importo massimo ammissibile, la percentuale di detrazione e il numero di anni su cui deve essere ripartita la detrazione.

L'Allegato A sull'asseverazione

L'Allegato A mostra i requisiti da indicare nell'asseverazione per gli interventi che accedono alle detrazioni fiscali. In particolare, l'asseverazione del tecnico abilitato dovrà attestare la rispondenza dell'intervento ai pertinenti requisiti richiesti nei casi e nelle modalità previste e suddivise nelle seguenti categorie:

  • interventi di riqualificazione globale di edifici esistenti;
  • interventi sull'involucro di edifici esistenti;
  • interventi di installazione di pannelli solari;
  • interventi di sostituzione degli impianti di climatizzazione invernale con impianti dotati di caldaie a condensazione;
  • interventi di sostituzione degli impianti di climatizzazione invernale con impianti dotati di pompe di calore ad alto rendimento anche con sistemi geotermici a bassa entalpia;
  • interventi di sostituzione degli impianti di climatizzazione invernale con impianti dotati di sistemi ibridi;
  • interventi di sostituzione degli impianti di climatizzazione invernale con impianti dotati di micro-cogeneratori;
  • interventi di sostituzione di scaldacqua tradizionali;
  • interventi di installazione di impianti dotati di generatori di calore alimentati da biomasse combustibili;
  • interventi sugli impianti di climatizzazione invernale;
  • interventi di installazione di sistemi di building-automation;
  • interventi che fruiscono delle detrazioni fiscali del 110% ai sensi del DL Rilancio.

I limiti delle agevolazioni del Superbonus

Importante: l'ammontare massimo delle detrazioni o della spesa massima ammissibile per gli interventi, fermi restando i limiti di cui all'Allegato B, è calcolato nel rispetto dei massimali di costo specifici per singola tipologia di intervento. Tale ammontare è calcolato, secondo quanto riportato all'allegato A, punto 13, rubricato "limiti delle agevolazioni", il quale stabilisce che per gli interventi di cui all'articolo 119, commi 1 e 2 del DL Rilancio, nonchè per gli altri interventi che, ai sensi del presente allegato prevedano la redazione dell'asseverazione ai sensi del presente allegato A da parte del tecnico abilitato, il tecnico abilitato stesso che la sottoscrive allega il computo metrico e assevera che siano rispettati i costi massimi per tipologia di intervento, nel rispetto dei seguenti criteri:

  • a) i costi per tipologia di intervento sono inferiori o uguali ai prezzi medi delle opere compiute riportati nei prezzari predisposti dalle regioni e dalle province autonome territorialmente competenti, di concerto con le articolazioni territoriali del Ministero delle infrastrutture e dei trasporti relativi alla regione in cui e' sito l'edificio oggetto dell'intervento. In alternativa ai suddetti prezziari, il tecnico abilitato puo' riferirsi ai prezzi riportati nelle guide sui "Prezzi informativi dell'edilizia" edite dalla casa editrice DEI - Tipografia del Genio Civile;
  • b) nel caso in cui i prezzari di cui alla lettera a) non riportino le voci relative agli interventi, o parte degli interventi da eseguire, il tecnico abilitato determina i nuovi prezzi per tali interventi in maniera analitica, secondo un procedimento che tenga conto di tutte le variabili che intervengono nella definizione dell'importo stesso. In tali casi, il tecnico puo' anche avvalersi dei prezzi indicati all'Allegato I. La relazione firmata dal tecnico abilitato per la definizione dei nuovi prezzi e' allegata all'asseverazione di cui all'articolo 8;
  • c) sono ammessi alla detrazione gli oneri per le prestazioni professionali connesse alla realizzazione degli interventi, per la redazione dell'attestato di prestazione energetica APE, nonchè per l'asseverazione di cui al presente allegato, secondo i valori massimi di cui al decreto del Ministro della giustizia 17 giugno 2016 recante approvazione delle tabelle dei corrispettivi commisurati al livello qualitativo delle prestazioni di progettazione adottato ai sensi dell'articolo 24, comma 8, del decreto legislativo n. 50 del 2016.

Per gli interventi di cui al presente allegato A, per i quali l'asseverazione può essere sostituita da una dichiarazione del fornitore o dell'installatore, l'ammontare massimo delle detrazioni fiscali o della spesa massima ammissibile e' calcolato sulla base dei massimali di costo specifici per singola tipologia di intervento di cui all'allegato B.

Qualora la verifica evidenzi che i costi sostenuti sono maggiori di quelli massimi ivi indicati in relazione a una o più tipologie di intervento, la detrazione e' applicata nei limiti massimi individuati dal presente decreto.

L'ALLEGATO B AL DM REQUISITI TECNICI E' SCARICABILE IN FORMATO PDF


Il Magazine

Sfoglia l'ultimo numero della rivista Ingenio

Newsletter Ingeio

Seguici su