Bonus Mobilità, rimborsi garantiti: niente paura per i ritardatari, la piattaforma riapre dal 9 novembre 2020

Il Ministro dell'Ambiente garantisce: “Rimborserò tutti, e da gennaio via a nuovi acquisti con benefici rottamazione veicoli inquinanti in base alla legge Clima”

pista-ciclabile-1.jpg

Il Ministro dell'Ambiente Sergio Costa ha reso noto che, a partire dal 9 novembre e fino al 9 dicembre 2020, chi non è riuscito a ottenere il ‘ristoro’ attraverso la piattaforma www.buonomobilita.it, relativamente al Bonus Mobilità - Bonus Bici, potrà registrarsi al portale e caricare i propri dati.

Dal 10 dicembre sarà possibile quindi conoscere la platea dei cittadini e cittadine che, pur avendo fattura o scontrino parlante non sono riusciti a ottenere ristoro.

L'apertura, chiaramente, riguarda anche chi non ha ancora acquistato un mezzo e vorrà farlo nei prossimi mesi.

Da gennaio – spiega ancora il Ministro - potranno usufruire dei vecchi benefici rottamando un veicolo più inquinante”.

Bonus Mobilità: veloce riepilogo

Istituito dall'art.229 del DL Rilancio, il Bonus Mobilità o Bonus Bici:

  • prevede un contributo pari al 60% della spesa sostenuta e, comunque, in misura non superiore a 500 euro, per l’acquisto di biciclette nuove o usate, sia tradizionali che a pedalata assistita, handbike nuove o usate, nonché di veicoli per la mobilità personale a propulsione prevalentemente elettrica (ad esempio monopattini, hoverboard e segway);
  • vale anche per l'utilizzo di servizi di mobilità condivisa a uso individuale (esclusi quelli mediante autovetture), cioè modalità di spostamento che prevede l’uso di mezzi e veicoli “condivisi” messi a disposizione da operatori pubblici e privati, cioè i servizi di “sharing mobility” (ad esempio, scooter sharing e bike sharing) fruibili in numerose città d’Italia;
  • NON vale per l'acquisto di accessori e/o componentistica (telai, ruote, motori elettrici, caschi, batterie, catene, lucchetti, eccetera).

La piattaforma

Quindi, da lunedì 9 novembre a mercoledì 9 dicembre 2020:

  • chi ha già comprato un mezzo (entro l'8 novembre) potrà chiedere il rimborso sul prezzo della quota agevolata presentando la fattura o lo scontrino parlante;
  • chi, invece, non ha ancora effettuato l’acquisto, dal 9 novembre 2020 al 31 dicembre 2020 potrà acquistare beni e servizi esclusivamente presso gli esercenti accreditati, il cui elenco è disponibile sull'applicazione web e chiedere la generazione del “buono mobilità” da utilizzare per ottenere lo sconto presso l’esercente prescelto tra coloro che si sono registrati sul sito ad hoc.

Il Magazine

Sfoglia l'ultimo numero della rivista Ingenio

Newsletter Ingeio

Seguici su