Bonus Mobilità, rimborsi garantiti: niente paura per i ritardatari, la piattaforma riapre dal 9 novembre 2020

Il Ministro dell'Ambiente garantisce: “Rimborserò tutti, e da gennaio via a nuovi acquisti con benefici rottamazione veicoli inquinanti in base alla legge Clima”

pista-ciclabile-1.jpg

Il Ministro dell'Ambiente Sergio Costa ha reso noto che, a partire dal 9 novembre e fino al 9 dicembre 2020, chi non è riuscito a ottenere il ‘ristoro’ attraverso la piattaforma www.buonomobilita.it, relativamente al Bonus Mobilità - Bonus Bici, potrà registrarsi al portale e caricare i propri dati.

Dal 10 dicembre sarà possibile quindi conoscere la platea dei cittadini e cittadine che, pur avendo fattura o scontrino parlante non sono riusciti a ottenere ristoro.

L'apertura, chiaramente, riguarda anche chi non ha ancora acquistato un mezzo e vorrà farlo nei prossimi mesi.

Da gennaio – spiega ancora il Ministro - potranno usufruire dei vecchi benefici rottamando un veicolo più inquinante”.

Bonus Mobilità: veloce riepilogo

Istituito dall'art.229 del DL Rilancio, il Bonus Mobilità o Bonus Bici:

  • prevede un contributo pari al 60% della spesa sostenuta e, comunque, in misura non superiore a 500 euro, per l’acquisto di biciclette nuove o usate, sia tradizionali che a pedalata assistita, handbike nuove o usate, nonché di veicoli per la mobilità personale a propulsione prevalentemente elettrica (ad esempio monopattini, hoverboard e segway);
  • vale anche per l'utilizzo di servizi di mobilità condivisa a uso individuale (esclusi quelli mediante autovetture), cioè modalità di spostamento che prevede l’uso di mezzi e veicoli “condivisi” messi a disposizione da operatori pubblici e privati, cioè i servizi di “sharing mobility” (ad esempio, scooter sharing e bike sharing) fruibili in numerose città d’Italia;
  • NON vale per l'acquisto di accessori e/o componentistica (telai, ruote, motori elettrici, caschi, batterie, catene, lucchetti, eccetera).

La piattaforma

Quindi, da lunedì 9 novembre a mercoledì 9 dicembre 2020:

  • chi ha già comprato un mezzo (entro l'8 novembre) potrà chiedere il rimborso sul prezzo della quota agevolata presentando la fattura o lo scontrino parlante;
  • chi, invece, non ha ancora effettuato l’acquisto, dal 9 novembre 2020 al 31 dicembre 2020 potrà acquistare beni e servizi esclusivamente presso gli esercenti accreditati, il cui elenco è disponibile sull'applicazione web e chiedere la generazione del “buono mobilità” da utilizzare per ottenere lo sconto presso l’esercente prescelto tra coloro che si sono registrati sul sito ad hoc.