L'installazione di un boyler è attività edilizia libera: basta la CILA, non serve la SCIA

Tar Lazio: l’installazione di impianti solari destinati alla produzione di acqua calda è considerata estensione dell’impianto idrico-sanitario già in opera e, dunque, intervento di manutenzione straordinaria assentibile con comunicazione di inizio lavori

sentenza-norma-legge-700.jpg

Non serve la SCIA per installare un boyler e un pannello di vetro di 1 metro e mezzo.

Ce lo ricorda il Tar Roma con la sentenza 11025/2020 dello scorso 28 ottobre, accogliendo il ricorso contro la demolizione - intimata dal comune ad un privato - di un impianto solare termico, per la produzione di acqua calda, sulla propria abitazione, ex art.1, commi 346, 348 della legge 296/1996.

Il ricorrente lamenta il fatto che le 'ruspe', poi 'convertite' in sanzione pecuniaria da 516 euro, siano state chiamate in causa stante la mancanza di DIA (oggi sarebbe la SCIA) per un intervento considerato, ex combinato disposto artt.123, comma 1, 3, comma 1b del DPR 380/2001, estensione dell’impianto idrico-sanitario già in opera e, dunque, intervento di manutenzione straordinaria.

Il Tar è dello stesso avviso: questo tipo di opere possono infatti essere eseguite senza alcun titolo abilitativo, ex art.6, comma 1e-quater (all’epoca art.6, comma 2d) del dpr 380 del 2001; che non era necessario dunque presentare la DIA (oggi sarebbe la SCIA), essendo sufficiente l’inoltro all’amministrazione della comunicazione di avvio dei lavori, cioè della CILA, come correttamente effettuata dal ricorrente (cfr. TAR Umbria n.232 del 2014).

Contesualmente vanno accolti, perché parimenti fondati, i motivi aggiunti avverso l’atto di irrogazione della sanzione amministrativa pecuniaria, emesso ex art.37 del DPR 380/2001, viziato per illegittimità derivata dal provvedimento presupposto, giacchè per l’installazione dell’impianto, come detto, non era necessaria la presentazione della DIA.

LA SENTENZA INTEGRALE E' SCARICABILE IN FORMATO PDF

LEGISLAZIONE e TECNICA URBANISTICA ed EDILIZIA

banner-dalprato-700.jpg

L'AREA è un luogo di riflessioni, commenti, studi e proposte sullo stato dell’arte dell’Edilizia e dell’Urbanistica in cui ci proponiamo di dare sistematicità alle informazioni inerenti l’evoluzione normativa e giurisprudenziale che pubblichiamo giornalmente.

Nell'area di principi e modalità applicative delle norme dell’Urbanistica e dell’Edilizia facendo il punto critico sulle tematiche che maggiormente si pongono all’attenzione della legislazione e della giurisprudenza in un momento in cui l’evoluzione della materia appare confusa e, a volte, contraddittoria; per questo trattiamo gli argomenti, per così dire, più attuali, interpretandoli ed inquadrandoli alla luce dei principi fondanti della materia anch’essi oggetto di evoluzione concettuale e dottrinaria.

Vai all'area di approfondimento "LEGISLAZIONE e TECNICA URBANISTICA ed EDILIZIA"