Sismabonus e Superbonus 110%: non perdiamo questa occasione per aumentare la sicurezza sismica in Italia

Ancora una volta l'Associazione ISI torna a puntare i riflettori sul tema della prevenzione sismica. Pur riscontrando alcune criticità nel nuovo incentivo fiscale Suberbonus 110% relativo agli interventi antisismici, non manca di ribadire l'importanza di sfruttarlo per aumentare la prevenzione sismica degli edifici italiani.

edificio-palazzo-roma-facciata-cantiere-700.jpg

Sismabonus e supersismabonus: un’opportunità da cogliere per la crescita della prevenzione sismica dei nostri edifici 

L'Italia, uno dei Paesi a maggiore rischio sismico del Mediterraneo, ha registrato in tempi recenti diversi eventi che hanno ancora una volta messo in evidenza la fragilità del territorio e la necessità di agire preventivamente sull’adeguamento delle strutture, specialmente quelle esistenti. 

ISI, Ingegneria Sismica Italiana, da sempre impegnata in prima linea nella divulgazione della cultura di prevenzione in ambito di ingegneria sismica, svolge in modo costante azioni di formazione rivolte al mondo dei professionisti ed alle aziende dell’ecosistema delle costruzioni. Ne sono esempio i molteplici eventi in presenza prima dell’emergenza sanitaria COVID, nonché attualmente i diversi webinar (prossima edizione il 30 novembre p.v.) che trattano aspetti legati al sismabonus, supersismabonus e relative criticità normative, assicurative e tecniche. 

Le parole di Andrea Barocci, Presidente dell’Associazione ISI, riferendosi all’evento sismico del 30 ottobre u.s. a Smirne

Come la Turchia viviamo nell'area sismica del Mediterraneo, e siamo esposti allo stesso rischio in ogni momento. 

Non perdiamo l'occasione per sfruttare appieno le potenzialità del SismaBonus e cominciamo, come cittadini e come istituzioni, a farci parte attiva per l'auspicata crescita della nostra prevenzione sismica.”  

Sismabonus 110%, cosa non funziona? 

In occasione del SAIE, Andrea Barocci, intervistato da INGENIO, interviene sulle criticità del Superbonus al 110% previsto dal Decreto Rilancio, evidenziando, prima di tutto, la necessità di una proroga della misura (la scadenza è fissata al 31 dicembre 2021) e che venga introdotta la premialità legata alla classificazione; infatti per ottenere la detrazione al 110% sui lavori antisismici non è richiesto il miglioramento della classe sismica dell'edificio.

I dettagli nella video intervista.

L’attività di ISI va oltre il mondo della professione e delle aziende, e si espande anche al mondo accademico ed alla comunità internazionale. ISI, in effetti, è stata parte attiva, insieme ad ANIDIS, nella formulazione della candidatura italiana per ospitare a Milano la prossima edizione del WCEE (World Conference on Earthquake Engineering), il convegno mondiale di ingegneria sismica, che si svolgerà nel 2024. Si attende a breve la decisione sulla nazione che ospiterà l’evento e nel caso dell’augurata scelta dell’Italia, l’associazione ISI avrà un ruolo di primo piano nell’organizzazione dello stesso, puntando anche sulla sensibilizzazione dell’opinione pubblica verso le tematiche dell’ingegneria sismica. 


Uno sguardo all’Associazione ISI  

L’Associazione ISI – Ingegneria Sismica Italiana, è nata dalla necessità di creare un’organizzazione che rappresenti i protagonisti nei diversi ambiti di questo settore in Italia.
La missione dell’Associazione ISI è quella di coinvolgere i diversi attori che operano nell’ambito dell’Ingegneria Sismica Italiana in un gruppo dinamico che li rappresenti e li promuova, organizzando attività di divulgazione del loro lavoro, comunicando con gli organi ufficiali, istituzioni ed enti normatori, con la comunità accademica e scientifica, con il mondo industriale e con quello dei professionisti. 

 

Il Magazine

Sfoglia l'ultimo numero della rivista Ingenio

Newsletter Ingeio

Seguici su